Mindaugas Kuzminskas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mindaugas Kuzminskas
Mindaugas Kuzminskas by Augustas Didzgalvis.jpg
Mindaugas Kuzminskas nel 2013
Nazionalità Lituania Lituania
Altezza 206 cm
Peso 98 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala piccola
Squadra No flag.svg Free agent
Carriera
Squadre di club
2006-2007Sakalai Vilnius
2007-2008Perlas Vilnius
2008-2010Šiauliai
2010-2013Žalgiris Kaunas
2013-2016Málaga 101 (879)
2016-2017N.Y. Knicks69 (425)
Nazionale
2007Lituania Lituania U-18
2009Lituania Lituania U-20
2013-Lituania Lituania
Palmarès
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Argento Slovenia 2013
Argento Francia 2015
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 novembre 2017

Mindaugas Kuzminskas (Vilnius, 19 ottobre 1989) è un cestista lituano.

È il fratello dell'ex cestista Saulius Kuzminskas.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Europa (2006-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Lituania: Sakalai Vilnius, Perlas Vilnius, Šiauliai e Žalgiris Kaunas (2006-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Mindaugas Kuzminskas ha iniziato a giocare a basket nel 2006, all'età di 17 anni, con la squadra della sua città, ovvero il Sakalai Vilnius. L'anno successivo, va a giocare nell'altra squadra della capitale lituana, ovvero il Perlas Vilnius. Nel 2008 cambia nuovamente squadra (arrivando così nella terza squadra al terzo anno di carriera) andando a giocare nel Šiauliai. Nel 2010 fu l'MVP dell'All-Star Game del campionato lituano. Nel Šiauliai vi rimane per 2 anni visto che nel 2010 viene ceduto allo Žalgiris Kaunas. Con la squadra di Kaunas Kuzminskas gioca le sue prime partite in Eurolega e vince i suoi primi trofei, ma soltanto a livello nazionale (3 Campionati lituani e 2 Leghe Baltiche). Alla fine della sua prima stagione allo Žalgiris Kaunas si candidò al Draft NBA 2011, ma senza venire scelto (sorte che toccò anche al fratello Saulius al Draft NBA 2002). Allo Žalgiris Kaunas vi rimane fino al 2013, anno in cui si trasferisce in Spagna all'Unicaja Málaga dopo aver giocato per 7 anni in patria.

Spagna: Malaga (2013-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 Giugno 2013 si trasferisce all'Unicaja Málaga.[1] Con la società andalusa Kuzminskas giocò per 3 anni e anche in questo caso (come accadde allo Žalgiris Kaunas) giocò in tutti e 3 gli anni in Eurolega. Il 22 Ottobre 2015 realizzò il suo career-high points in Eurolega segnando 23 punti nella vittoria esterna per 93-82 a Tel Aviv contro il Maccabi.[2] Tuttavia in questo caso, a differenza di quanto accadde in Lituania non disputò né un All-Star Game (nel paese baltico né disputò 4 consecutivi dal 2010 al 2013) e non vinse alcun trofeo.

NBA (2016-2017)[modifica | modifica wikitesto]

New York Knicks (2016-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Nel Luglio 2016, 5 anni dopo non essere stato scelto al Draft siglò un contratto biennale con i New York Knicks,[3] con cui esordì in NBA il 26 Ottobre (nella prima gara della regular season 2016-2017) contro i Cleveland Cavaliers, segnando 7 punti in 9 minuti subentando dalla panchina.[4] Mise a segno 15 punti il 5 Gennaio 2017 nella sconfitta interna per 105-104 contro i Milwaukee Bucks.[5] Esattamente 3 giorni dopo l'8 Gennaio 2017 segnò 13 punti nella gara persa per 123-109 a Indianapolis contro gli Indiana Pacers.[6] Il 13 Gennaio 2017 mise a segno il proprio career-high di punti segnandone 19 nella gara giocata in casa e vinta per 104-89 contro i Chicago Bulls.[7][8] In quella partita il suo impatto dalla panchina fu determinante per il risultato.[9] Partì per la prima volta da titolare il 16 Gennaio nella gara persa 108-107 contro gli Atlanta Hawks in cui lui segnò 14 punti in 37 minuti;[10] durante la stessa partita Kuzminskas subì un infortunio all'occhio che perse sangue a seguito di un contrasto con Kent Bazemore, giocatore della squadra avversaria.[11] Nella partita successiva giocata in trasferta contro i Boston Celtics partì nuovamente titolare e segnò 17 punti, contribuendo alla vittoria dei Knicks per 117-106.[12] Per la sua intensità e voglia venne molto apprezzato dall'esigente pubblico del Madison Square Garden che intonarono il tono ''Kuuuz" per lui, anche se Kuzminskas inizialmente malinterpretò i cori pensando che i tifosi lo stessero fischiando.[13][14] Il 5 Aprile 2017 andò nuovamente in doppia cifra nei punti contro i Chicago Bulls (come il 13 Gennaio), segnando 11 punti e contribuendo alla vittoria dei Knicks in casa col punteggio di 100-91.[15][16] Il 9 Aprile 2017 nella gara persa in casa per 110-97 contro i Toronto Raptors Kuzminskas segnò 12 punti.[17] Il 13 aprile 2017 segnò 11 punti nella gara vinta per 114-113 in casa contro i Philadelphia 76ers.[18]

Concluse la stagione con 6,3 punti di media in 14,9 minuti di media a partita in 68 partite giocate, di cui 5 da titolare.

La stagione successiva, dopo aver disputato una partita, venne tagliato il 13 novembre 2017 per fare spazio a Joakim Noah (di ritorno dalla sospensione).[19]

Statistiche Eurolega[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG PIR
2010-2011 Žalgiris Kaunas 8 1 6,8 35,7 16,7 66,7 1,0 0,1 0,3 0,0 1,6 1,3
2011-2012 Žalgiris Kaunas 12 0 8,4 55,5 14,3 70,6 1,3 0,2 0,2 0,0 2,8 2,8
2012-2013 Žalgiris Kaunas 23 5 14,1 52,7 32,4 82,9 3,1 0,3 0,5 0,2 7,1 7,7
2013-2014 Málaga 24 16 14,2 47,2 31,4 63,3 2,3 0,5 0,5 0,3 6,3 5,6
2014-2015 Málaga 24 20 21,8 45,0 27,5 81,3 4,5 1,5 0,9 0,4 10,0 12,5
2015-2016 Málaga 23 20 21,3 48,6 37,7 82,7 3,4 1,0 0,6 0,3 12,0 11,6
Carriera 114 62 16,1 47,9 31,6 78,3 3,0 0,7 0,6 0,2 7,7 8,1

Statistiche NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular Season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2016-2017 N.Y. Knicks 68 5 14,9 42,9 32,1 80,9 1,9 1,0 0,4 0,2 6,3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Žalgiris Kaunas: 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013
Žalgiris Kaunas: 2010-2011, 2011-2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Euroleague Basketball, Teams, Scores, Stats, News, Standings - eurobasket News, in www.eurobasket.com. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  2. ^ Rekordinio Mindaugo Kuzminsko vakaro atgarsiai: „Nesustabdomas. Užkariautojas. Žvaigždė“, in 15min.lt/24sek. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  3. ^ Knicks Sign Mindaugas Kuzminskas | New York Knicks, in New York Knicks. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  4. ^ Knicks vs. Cavaliers - Game Recap - October 25, 2016 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 23 dicembre 2016.
  5. ^ NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 05 gennaio 2017.
  6. ^ NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato l'08 gennaio 2017.
  7. ^ NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  8. ^ Ignaciano, Mindaugas Kuzminskas CAREER-HIGH Full Highlights vs Bulls 19 Pts, 12 gennaio 2017. URL consultato il 05 aprile 2017.
  9. ^ Nba, valanga Spurs sui Lakers. Carmelo Anthony affonda i Bulls, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  10. ^ (EN) NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  11. ^ DownToBuck, Mindaugas Kuzminskas 14 Points/1 Injury Full Highlights (1/16/2017), 16 gennaio 2017. URL consultato il 05 aprile 2017.
  12. ^ (EN) NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  13. ^ Mindaugas Kuzminskas appreciates the "Kuuuuz" chants. At first, he thought he was getting booed at MSG. • r/NYKnicks, su reddit. URL consultato il 28 marzo 2017.
  14. ^ Ian Begley on Twitter, in Twitter. URL consultato il 28 marzo 2017.
  15. ^ (EN) NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 05 aprile 2017.
  16. ^ Bulls vs. Knicks - Box Score - April 4, 2017 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 05 aprile 2017.
  17. ^ (EN) NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 10 aprile 2017.
  18. ^ (EN) NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 13 aprile 2017.
  19. ^ (IT) Knicks, ufficiale il taglio di Kuzminskas - NBARELIGION.COM, su www.nbareligion.com. URL consultato il 14 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]