Min Aung Hlaing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Min Aung Hlaing
Min Aung Hlaing in June 2017 (cropped).jpg
Min Aung Hlaing nel 2017.

Presidente del Consiglio di Amministrazione dello Stato
In carica
Inizio mandato 1º febbraio 2021
Presidente Myint Swe (ad interim)
Predecessore Aung San Suu Kyi (come Consigliere di Stato)

Comandante in capo delle Forze armate della Birmania
In carica
Inizio mandato 30 marzo 2011
Predecessore Than Shwe

Dati generali
Titolo di studio Bachelor of Laws
Università Università delle arti e delle scienze di Rangoon
Professione Militare
Min Aung Hlaing
Senior General Min Aung Hlaing 2017 (cropped).jpg
Min Aung Hlaing nel giugno del 2017
Nascita3 luglio 1956
Dati militari
Paese servitoFlag of Myanmar.svg Birmania
Forza armataArmy Flag of Myanmar.svg Esercito birmano
Anni di servizio1974 - in servizio
GradoGenerale anziano
Comandante diComandante in capo delle Forze armate birmane
Capo dello stato maggiore congiunto
Capo dell'ufficio delle operazioni speciali-2
(BSO-2)
Studi militariAccademia dei servizi di difesa
voci di militari presenti su Wikipedia

Min Aung Hlaing (in birmano: မင်းအောင်လှိုင်; Mandalay, 3 luglio 1956) è un generale e politico birmano. Comandante in capo delle Forze armate della Birmania dal 2011, il 1º febbraio 2021 è stato proclamato Presidente del Consiglio di Amministrazione dello Stato (l'organo esecutivo della giunta militare) dopo che l'esercito ha destituito il presidente Win Myint e la consigliera di Stato Aung San Suu Kyi attraverso un colpo di Stato col quale è stato imposto lo stato di emergenza per un anno.[1][2][3][4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Min Aung Hlaing è nato nel 1956 a Tavoy, Birmania (ora Dawei, Myanmar). Suo padre, Thaung Hlaing, è un ex ingegnere civile presso il Ministero delle Costruzioni. Nel 1972 è entrato al BEHS 1 Latha di Rangoon (ora Yangon) e ha frequentato e studiato legge alla Rangoon Arts and Science University dal 1973 al 1974. Fu ammesso alla Defense Services Academy nel 1974 al suo terzo tentativo, dove si laureò. Secondo i compagni di classe, Min Aung Hlaing era taciturno e un cadetto insignificante. Secondo quanto riferito, è stato evitato dai compagni di classe a causa della sua personalità riservata.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea, Min Aung Hlaing continuò a servire in diverse posizioni di comando. All'inizio della carriera, i colleghi militari gli hanno dato un soprannome riferendosi alle feci di gatto. Mentre passava di grado, Min Aung Hlaing si guadagnò la reputazione di sostenitore della linea dura. Il suo lavoro militare gli valse il favore del generale senior Than Shwe. Aveva uno stile di comando da "big man", non favorevole alla collaborazione o all'ascolto.

Nel 2002, è stato promosso comandante del Triangle Region Command nello Stato dello Shan Orientale ed è stato una figura centrale nei negoziati con due gruppi ribelli, l'Esercito dello Stato di United Wa (UWSA) e l'Esercito dell'Alleanza Democratica Nazionale (NDAA). Min Aung Hlaing sarebbe stato vicino all'ex primo ministro thailandese Prem Tinsulanonda, considerandolo come una figura paterna.

Min Aung Hlaing ha sostenuto il giro di vite militare della rivoluzione dello zafferano nel 2008. È salito alla ribalta nel 2009 dopo aver condotto un'offensiva contro l'esercito insurrezionale dell'Alleanza Democratica delle Nazionalità del Myanmar a Kokang. Nel giugno 2010, Min Aung Hlaing ha sostituito il generale Shwe Mann come capo di stato maggiore congiunto dell'esercito, della marina e dell'aeronautica.

Colpo di Stato militare[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Colpo di Stato in Birmania del 2021.

Nel novembre 2020, Min Aung Hlaing ha effettuato una serie di commenti pubblici che hanno messo in discussione la legittimità delle prossime elezioni del 2020, in potenziale violazione della legge sul personale dei servizi civili.[5] Il 5 novembre, il Tatmadaw ha dichiarato che il rango di Min Aung Hlaing è equivalente a quello di Vice Presidente del Myanmar.[6] Dopo aver votato alle elezioni del 2020, Min Aung Hlaing ha promesso di accettare i risultati elettorali[7] che hanno però visto NLD perdere moltissimo rispetto al 2015, rendendo inutili le ambizioni politiche di Min Aung Hlaing. In risposta, i militari hanno iniziato a intensificare le accuse di frode elettorale e irregolarità, presentando denunce formali alla commissione elettorale dell'Unione. Il 27 gennaio 2021, Min Aung Hlaing ha pubblicamente osservato che non avrebbe potuto escludere un colpo di Stato e l'abolizione della Costituzione se le accuse di frode elettorale durante le elezioni non fossero state affrontate in modo adeguato.[8] Questi commenti hanno suscitato molta preoccupazione per un altro potenziale colpo di stato nel paese.[9] Il giorno seguente, la Commissione elettorale dell'Unione ha rilasciato una dichiarazione che respingeva le affermazioni di frode elettorale, citando la mancanza di prove presentate per corroborare tali affermazioni.[10] Il 29 gennaio, i militari hanno comunque rilasciato dichiarazioni con cui si impegnavano a proteggere e rispettare la Costituzione.[11]

Il 1º febbraio 2021, Min Aung Hlaing ha guidato il colpo di Stato del Myanmar, un giorno prima che i membri del parlamento democraticamente eletti prestassero giuramento come membri dell'Assemblea dell'Unione. Il giorno seguente, ha istituito il Consiglio di Amministrazione dello Stato come organo di governo ad interim del Paese.[12][13]

Violente repressioni[modifica | modifica wikitesto]

Da allora sono iniziate in varie città del Paese una serie di manifestazioni pacifiche di giovani birmani che in segno di protesta contro il colpo di stato alzano tre dita della mano (simbolo preso dalla serie Hunger Games) come fanno i loro compagni a Taiwan, Hong Kong, Thailandia. A quattro settimane dal golpe, la repressione più crudele: soldati e polizia hanno sparato in diverse città (Yangon, Bagu, Naypydaw, Pakokku) sulla folla inerme causando almeno 18 morti e decine di feriti. Un centinaio gli arresti. Il segretario di Stato americano, Antony Blinken, ha scritto su Twitter: "Repressione abominevole".

I massacri sono continuati nonostante Min Aung Hlaing sia stato sanzionato dalla Unione Europea.[14] Il 27 marzo, giorno della Festa delle Forze Armate, la repressione più sanguinosa con oltre cento morti tra cui anche bambini. Mentre Min Aung Hlaing ha detto davanti alle truppe in parata e in diretta tv che "il terrorismo è inaccettabile e le Forze Armate continueranno a proteggere il popolo", nel Paese i soldati hanno invece continuato a sparare e ad uccidere (anche di spalle). Una violenza ripresa di nascosto dalle telecamere è stata postata sui social.[15]

Genocidio Rohingya[modifica | modifica wikitesto]

L'UNHRC, il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha riferito che i soldati di Min Aung Hlaing hanno deliberatamente preso di mira civili negli Stati settentrionali del Myanmar e hanno commesso discriminazioni sistemiche e violazioni dei diritti umani contro le comunità minoritarie nello Stato di Rakhine.[16] In particolare, è stato accusato di pulizia etnica contro il popolo Rohingya.[17] Queste violazioni dei diritti umani potrebbero equivalere a genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra.[18]

Come comandante in capo dell'esercito del Myanmar, Min Aung Hlaing è accusato di aver condotto operazioni contro i Rohingya con intento genocida.[19]

Facebook ha bandito Min Aung Hlaing dalla sua piattaforma insieme ad altri 19 alti funzionari e organizzazioni birmane per prevenire ulteriori accese tensioni etniche e religiose in Myanmar. Questa azione ha fatto seguito al rapporto di un'indagine delle Nazioni Unite secondo cui alcuni leader militari in Myanmar sarebbero stati indagati e perseguiti per genocidio per un giro di vite contro i musulmani Rohingya.[20] Twitter lo ha successivamente bandito il 16 maggio 2019.[21]

Il 17 marzo 2019, Kyaw Zaw Oo, un deputato arakanese, ha pubblicato una lettera aperta bilingue a Min Aung Hlaing su molte violazioni di Tatmadaw nello Stato di Rakhine, colpendo vite, proprietà civili e danneggiando anche alcuni edifici del patrimonio culturale.[22][23]

Nel luglio 2019, il governo degli Stati Uniti gli ha vietato di viaggiare negli Stati Uniti.[24] Nel dicembre 2020, ha congelato i beni con sede negli Stati Uniti di Min Aung Hlaing e ha criminalizzato le transazioni finanziarie tra lui e chiunque nel Paese americano.[24][25]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Myanmar, ritorno al passato, su ispionline.it, 1º febbraio 2021.
  2. ^ (EN) Myanmar military seizes power, detains elected leader Aung San Suu Kyi, su news.trust.org. URL consultato il 1º febbraio 2021 (archiviato il 1º febbraio 2021).
  3. ^ (EN) All eyes on Myanmar's Army Chief Min Aung Hlaing as military seizes power, su sowetanlive.co.za, 1º febbraio 2021.
  4. ^ (EN) Myanmar coup: Min Aung Hlaing, the general who seized power, in BBC News, 1º febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) Min Aung Hlaing’s election remarks violate law, says President’s Office, su Myanmar NOW. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  6. ^ (MY) ဗိုလ်ချုပ်မှူးကြီးမင်းအောင်လှိုင်သည် ဒုတိယသမ္မတအဆင့်ရှိသူဟု တပ်မတော်ထုတ်ပြန်, in The Myanmar Times, 5 novembre 2020. URL consultato il 1° febbraio 2021 (archiviato il 13 novembre 2020).
  7. ^ (EN) Military chief Min Aung Hlaing vows to accept election results after public spat with government, in Myanmar NOW. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  8. ^ (EN) Commander-in-chief says ‘constitution can be repealed’, in Myanmar NOW. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  9. ^ (EN) Tatmadaw chief's rhetoric fuels fears of a coup, su Frontier Myanmar, 29 gennaio 2021. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  10. ^ (EN) Myanmar Election Authority Rejects Military Claims of Election Fraud, su Radio Free Asia. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  11. ^ (EN) Shoon Naing, Myanmar military allays coup fears, says it will protect constitution, in Reuters, 30 gennaio 2021. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  12. ^ (MY) ပြည်ထောင်စုသမ္မတမြန်မာနိုင်ငံတော် တပ်မတော်ကာကွယ်ရေးဦးစီးချုပ်ရုံး အမိန့်အမှတ်(၉/၂၀၂၁) ၁၃၈၂ ခုနှစ်၊ ပြာသိုလပြည့်ကျော် ၆ ရက် ၂၀၂၁ ခုနှစ်၊ ဖေဖော်ဝါရီလ ၂ ရက်, su Tatmadaw Information Team. URL consultato il 2 febbraio 2021 (archiviato il 3 febbraio 2021).
  13. ^ (EN) Myanmar military announces new State Administration Council, in The Myanmar Times, 2 febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021 (archiviato il 3 febbraio 2021).
  14. ^ Birmania, comqndante Min Aung Hlaing tra ii sanzionati Ue, su ansa.it, 22 marzo 2021. URL consultato il 28 marzo 2021.
  15. ^ Paolo Salom, Il massacro e la parata: oltre 100 morti in Birmania. Colpita bimba di un anno, Il Corriere della Sera, 28 marzo 2021, p. 14
  16. ^ (EN) UN News – Myanmar must address 'serious' human rights violations against minorities – UN rights chief, su UN News Service Section, 20 giugno 2016. URL consultato l'8 ottobre 2017 (archiviato il 12 febbraio 2018).
  17. ^ (EN) Mark Farmaner, Only One Person Can Stop Ethnic Cleansing In Myanmar, And It Isn't Aung San Suu Kyi, in Huffington Post, 13 settembre 2017. URL consultato il 31 ottobre 2017 (archiviato il 9 febbraio 2019).
  18. ^ (EN) Burma's Military Milestone, in Human Rights Watch, 30 marzo 2015. URL consultato il 27 agosto 2018 (archiviato il 4 agosto 2016).
  19. ^ (EN) Stephanie Nebehay, Myanmar generals had "genocidal intent" against Rohingya, must face justice - UN, in Reuters, 27 agosto 2018. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  20. ^ (EN) Facebook bans Myanmar Army Chief Min Aung Hlaing, 19 others over rights abuses, in News Nation, 27 agosto 2018. URL consultato il 27 agosto 2018 (archiviato il 27 agosto 2018).
  21. ^ (EN) Archived copy, su theguardian.com. URL consultato il 5 maggio 2020 (archiviato il 30 giugno 2020).
  22. ^ (EN) Kyaw Zaw Oo, Open Letter to Senior General Min Aung Hlaing from U Kyaw Zaw Oo about damage to cultural heritage, fatalities and casualties incurred by intentional and indiscriminate attacks of Myanma Tatmadaw on non-military targets, 2019. URL consultato il 27 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2020).
  23. ^ (MY) Kyaw Zaw Oo, သမိုင်းဝင် ယဉ်ကျေးမှုဆိုင်ရာအဆောက်အအုံများအပါအဝင် စစ်ဖက်ပစ်မှတ်မဟုတ်သည့်နေရာများသို့ တမင်သက်သက် ပစ်ခတ်ကြသဖြင့် သေဆုံးထိခိုက်ကြရသည့်ကိစ္စ အိတ်ဖွင့်ပေးစာ, 2019. URL consultato il 27 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2020).
  24. ^ a b (EN) US Tightens Sanctions on Myanmar Army Chief, su Voice of America. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato l'8 gennaio 2021).
  25. ^ (EN) Treasury Sanctions Individuals for Roles in Atrocities and Other Abuses, su U.S. Department of the Treasury. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato il 7 dicembre 2020).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316744538 · LCCN (ENn2015244782 · WorldCat Identities (ENlccn-n2015244782