Mimmo Cuticchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mimmo Cuticchio (in siciliano Mimmu Cuticchiu; Gela, 30 marzo 1948) è un cantastorie, attore teatrale e regista teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cuticchio è un importante erede della tradizione dei cuntisti siciliani e dell'Opera dei Pupi, oggi iscritta tra i Patrimoni orali e immateriali dell'umanità dell'UNESCO. Figlio del noto puparo Giacomo Cuticchio, nel 1973 apre a Palermo il Teatro dei Pupi Santa Rosalia. Nel 1977 fonda l'Associazione figli d'Arte Cuticchio, che si prefigge di salvaguardare l'arte dell'Opera dei Pupi.

È apparso nel film Il padrino - Parte III di Francis Ford Coppola e nel film documentario Prove per una tragedia siciliana; ha partecipato al film Cento giorni a Palermo di Giuseppe Ferrara come voce narrante nel monologo finale da lui scritto, ed è stato coprotagonista del film Terraferma, di Emanuele Crialese.

È anche attore che sa alternare sulla scena il tono cantilenante del cantastorie con vari stili e registri. Nel 2015 la collezione di Pupi siciliani iniziata dal padre è stata acquisita dalla Fondazione Sicilia, ed è ora esposta a Palazzo Branciforte[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN37154061 · LCCN: (ENno2005008916 · SBN: IT\ICCU\SBLV\175583