Millennium (serie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Millennium (trilogia))
Jump to navigation Jump to search

Millennium è una serie di romanzi polizieschi realizzata per i primi tre capitoli dallo scrittore e giornalista svedese Stieg Larsson e per i successivi dal giornalista e scrittore svedese David Lagercrantz. I primi tre romanzi sono stati tutti pubblicati postumi e sono apparsi per la prima volta in Svezia tra il 2005 e il 2007 presso l'editore Norstedts Förlag. In Italia sono stati pubblicati per la prima volta dall'editore Marsilio nel 2007.

I romanzi della serie sono:

I primi tre romanzi sono stati tradotti e pubblicati in oltre trenta Paesi e in Europa hanno venduto oltre 8 milioni di copie[1], di cui 2,7 milioni nella sola Svezia, più di un quarto degli abitanti del paese scandinavo, e 1,5 milioni nella sola Francia, primo paese a pubblicare la trilogia presso l'editore Actes Sud[2].

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nelle intenzioni di Stieg Larsson la sua trilogia era solo l'inizio di una serie più corposa di ben dieci romanzi[1]. La sua morte improvvisa ha però inizialmente stroncato ogni possibile seguito anche se Eva Gabrielsson, la compagna di Larsson, ha trovato 200 pagine di un potenziale seguito negli archivi di Larsson. Tutta la vicenda dell'eredità di Larsson, quindi anche quella di questo possibile seguito, è finita in tribunale dove la Gabrielsson da una parte e il padre e il fratello di Larsson dall'altra non hanno trovato accordi[3]. Nel dicembre 2013, la Norstedts Förlag, ha annunciato la realizzazione di un quarto capitolo della saga scritto da David Lagercrantz, la storia non è basata sugli appunti di Larsson, ma è totalmente inedita. Il quarto episodio è quindi uscito il 28 agosto 2015[4], intitolato Quello che non uccide (in originale Det som inte dödar oss)[5][6]. Nel settembre 2017 esce L'uomo che inseguiva la sua ombra, quinto capitolo della saga scritto come il precedente da David Lagercrantz[7].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Le vicende narrate nei romanzi della serie vertono principalmente intorno alle inchieste direttamente o indirettamente svolte dai redattori e dai collaboratori della rivista Millennium, un mensile specializzato in inchieste su grandi scandali sociali ed economici, ed intorno alle vicende di Lisbeth Salander.

Uomini che odiano le donne[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Uomini che odiano le donne.

Nel primo romanzo della serie Mikael Blomkvist è reduce da un processo che lo ha visto colpevole e inerme alle accuse di diffamazione a mezzo stampa. Anche per salvare le sorti di Millennium Blomkvist decide di accettare un incarico che lo porterà lontano da Stoccolma per indagare su un omicidio vecchio di trent'anni, ancora insoluto. Per le sue ricerche si avvarrà dell'aiuto di Lisbeth Salander, una giovane ed eccentrica ricercatrice esperta di pirateria informatica. Le indagini svolte dai due porteranno ad un epilogo terribile e inaspettato.

La ragazza che giocava con il fuoco[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: La ragazza che giocava con il fuoco.

Il secondo romanzo verte principalmente intorno al personaggio di Lisbeth Salander. Dopo l'affare Wennerström, Lisbeth si prende un anno sabbatico in giro per il mondo e, a poche settimane dal suo rientro in Svezia, è sospettata e ricercata per triplice omicidio. Tre indagini parallele hanno inizio: una della polizia, sicura della colpevolezza di Lisbeth Salander, una di Mikael Blomkvist, sicuro dell'innocenza di Sally e un'indagine condotta da Dragan Armanskij che mette i suoi uomini al servizio degli investigatori della polizia. Il passato di Lisbeth Salander sarà la chiave per risolvere l'enigma dei delitti.

La regina dei castelli di carta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: La regina dei castelli di carta.

Nel terzo romanzo, la giovane hacker Lisbeth Salander è di nuovo immobilizzata in un letto d'ospedale, anche se questa volta non sono le cinghie di cuoio a trattenerla, ma una pallottola in testa. È diventata una minaccia: se qualcuno scava nella sua vita e ascolta quello che ha da dire, potenti organismi segreti crolleranno come castelli di carta. Deve sparire per sempre, meglio se rinchiusa in un manicomio. La cospirazione di cui si trova suo malgrado al centro, iniziata quando aveva solo dodici anni, continua. Intanto il giornalista Mikael Blomkvist è riuscito ad avvicinarsi alla verità sul terribile passato di Lisbeth ed è deciso a pubblicare su Millennium un articolo di denuncia che farà tremare i servizi di sicurezza, il governo e l'intero paese. Non ci saranno compromessi.

Quello che non uccide[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Quello che non uccide.

In questo quarto episodio, verranno svelati ulteriori dettagli sul passato di Lisbeth e sulla sua sorella gemella Camilla. Il tutto mentre lei e Mikael Blomkvist, il cui giornale naviga in cattive acque, cercano di scoprire perché Frans Balder, uno scienziato informatico tra i migliori al mondo nel campo dell'intelligenza artificiale, sia stato assassinato. Lisbeth dovrà inoltre cercare di salvare August, il figlio di Balder, un savant con una memoria fotografica in grado di creare disegni eccellenti.

L'uomo che inseguiva la sua ombra[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: L'uomo che inseguiva la sua ombra.

Nel quinto romanzo Lisbeth si ritrova rinchiusa all'interno di un carcere di massima sicurezza a seguito degli eventi del precedente episodio mentre Mikael e il suo giornale si godono gli onori della scoperta dell'intrigo criminale internazionale sventato dalla ragazza. Dal carcere Lisbeth riesce ad entrare in possesso di informazioni che potrebbero chiarire ulteriormente il suo turbolento passato, inizierà quindi ad indagare con l'aiuto di Mikael.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Mikael Blomkvist[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Mikael Blomkvist.

Mikael Blomkvist è un quarantacinquenne giornalista economico di discreto successo, grazie ad alcune inchieste da lui redatte ed apparse su Millennium, la rivista da lui diretta. In alcune di queste inchieste economiche, Mikael scopre raggiri perpetrati da grandi gruppi economici e finanziari svedesi e se la prende con i colleghi giornalisti, a suo parere complici taciti di tali scandali. Questo mette Mikael in una posizione difficile verso i mass media che non perdono l'opportunità di affossare Blomkvist quando questi risulterà colpevole di diffamazione.

Lisbeth Salander[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lisbeth Salander.

Lisbeth Salander è il secondo personaggio principale della trilogia Millenium. È nata nel 1978 e nel 2003 ha 25 anni quando aiuta Michael Blomkvist nell'indagine che porterà alla soluzione del caso Harriet Vanger. Nella finzione creata da Larsson è una donna dal carattere complesso, introverso e decisamente asociale. Ha un fumoso passato costellato di violenze, ricoveri e perizie psichiatriche, tanto che a diciotto anni viene riconosciuta incapace di badare a stessa e affidata a un tutore. Nonostante ciò svolge saltuariamente incarichi di ricerca su aziende o persone per la Milton Security ed è considerata tra le migliori collaboratrici di Dragan Armanskij, direttore dell'agenzia, che affida a Lisbeth le ricerche più spinose. Ha una gemella di nome Camilla che viene descritta completamente diversa da lei, sia caratterialmente che fisicamente: Lisbeth la considera molto bella.

Altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Erika Berger: giornalista, caporedattore di Millennium, sposata con Greger Backman. La relazione extra coniugale con Mikael Blomkvist è nota al marito che l'ha sempre tollerata.
  • Dragan Armanskij: direttore della Milton Security, l'agenzia per cui lavora sporadicamente Lisbeth Salander.
  • Holger Palmgren: storico tutore di Lisbeth Salander, un po' il suo secondo padre. Viene colpito da un violento ictus che lo manda in coma per mesi. Si risveglierà e, anche grazie a Lisbeth, comincerà una lunga riabilitazione.
  • Nils Bjurman: il nuovo e sadico tutore di Lisbeth Salander.
  • Annika Blomkvist coniugata Giannini: avvocato civilista specializzata nella difesa di donne vittime di maltrattamenti. È la sorella di Mikael Blomkvist e porta il nome di battesimo dell'amica di Pippi Calzelunghe, personaggio cult per l'autore di Millennium.
  • Alexander Zalachenko: padre di Lisbeth
  • Camilla Salander: sorella gemella di Lisbeth.
  • Ronald Niedermann: fratellastro di Lisbeth, di nazionalità tedesca, è fedele al padre Zalachenko.
  • Christer Malm: esperto di grafica che lavora per Millennium oltre a esserne socio. Omosessuale dichiarato, amico prezioso di Mikael ed Erika.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle vicende narrate nei romanzi facenti parte della serie si svolge in Svezia, per lo più a Stoccolma e dintorni, ma le attività di Blomkvist e Salander li portano a viaggiare in tutto il mondo: da Londra all'Australia, dall'Italia ai Caraibi. Sono dettagliatissime le descrizioni dei quartieri della capitale svedese, come lo Slussen o lo Stureplan, e delle sue vie e piazze principali: Odenplan, Mariatorget, ecc. Nel 2008 il museo cittadino ha cominciato ad organizzare tour guidati della città alla ricerca dei luoghi dove agiscono i personaggi creati da Larsson[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Uomini che odiano le donne, il primo romanzo della serie, è stato insignito del Glasnyckeln, un premio riservato ai migliori gialli scandinavi. Sempre nel 2006 La ragazza che giocava con il fuoco, il secondo romanzo della serie, è stato riconosciuto come "miglior romanzo poliziesco svedese dell'anno" dalla Svenska Deckarakademin, l'accademia svedese del poliziesco. E infine nel 2008 anche La regina dei castelli di carta, il terzo romanzo della serie, è stato insignito del Glasnyckeln.

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

La televisione svedese SVT e la compagnia di produzione Yellow Bird hanno acquistato i diritti per una serie televisiva tratta dai primi tre romanzi della serie Millennium, oltre che a un film per il grande schermo ispirato al primo episodio della serie, Uomini che odiano le donne. Il progetto, intitolato Uomini che odiano le donne (Män som hatar kvinnor), è stato affidato al regista danese Niels Arden Oplev con l'interpretazione di Michael Nyqvist per il ruolo di Mikael Blomkvist e Noomi Rapace per quello di Lisbeth Salander. Il film è uscito nelle sale svedesi il 27 febbraio 2009 ed in quelle italiane il 29 maggio 2009.[8] Successivamente sono usciti per il grande schermo anche le trasposizioni di La ragazza che giocava con il fuoco e La regina dei castelli di carta. I tre film sono poi divenuti una miniserie televisiva di 6 episodi, con circa 110 minuti totali di scene aggiuntive.

Considerato il grande successo della serie, il cinema americano ha successivamente creato un nuovo adattamento per il grande schermo del primo episodio, intitolato Millennium - Uomini che odiano le donne (The Girl with the Dragon Tattoo), diretto dal regista David Fincher, interpretato dagli attori Daniel Craig e Rooney Mara e uscito nella sale americane il 21 dicembre 2011 e in quelle italiane il 3 febbraio 2012.[9] Il secondo film americano, Quello che non uccide (The Girl in the Spider's Web), prodotto dalla Sony, ha una data d’uscita fissata al 19 ottobre 2018 ed è tratto dal quarto romanzo della serie. Mikael Blomkvist sarà interpretato dall'attore svedese Sverrir Gudnason e Lisbeth Salander dall'attrice britannica Claire Foy.[10]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Stefano Montefiori, Ora Larsson ha i suoi pellegrini, Corriere della Sera, 18 agosto 2008. URL consultato il 21 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2015).
  2. ^ (FR) Les fans de Millenium en Suède sur les lieux de l'intrigue de la trilogie culte[collegamento interrotto], Agence France-Presse, 17 luglio 2008. URL consultato il 21 agosto 2008.
  3. ^ Stefano Montefiori, Larsson segreto conteso dagli eredi, Corriere della Sera, 27 maggio 2008. URL consultato il 21 agosto 2008 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2009).
  4. ^ Millennium – In arrivo il quarto libro della saga di Larsson, che sarà scritto da…, su ScreenWeek.it, 18 dicembre 2013.
  5. ^ "Quello che non uccide", torna con un nuovo autore la saga di Millennium, a più di dieci anni dalla morte di Stieg Larsson, su Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 4 agosto 2015.
  6. ^ Torna Millennium: ecco la cover del nuovo capitolo della saga di Larsson, su gazzetta.it. URL consultato il 4 agosto 2015.
  7. ^ La fortunata serie "Millennium" continua con il libro del quinto capitolo, su news.fidelityhouse.eu. URL consultato il 12 settembre 2017.
  8. ^ Date di uscita per Uomini che odiano le donne (2009), Internet Movie Database. URL consultato il 12 febbraio 2012.
  9. ^ Date di uscita per Millennium - Uomini che odiano le donne (2011), Internet Movie Database. URL consultato il 12 febbraio 2012.
  10. ^ Data di uscita per Quello che non uccide, badtaste.it. URL consultato il 28 febbraio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]