Milena Baldassarri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Milena Baldassarri
Nazionalità Italia Italia
Ginnastica ritmica Gymnastics (rhythmic) pictogram.svg
Ruolo Individualista
Società Ginnastica Fabriano
Carriera
Nazionale
2015-2016 Italia Italia juniores
2017- Italia Italia
Palmarès
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Holon 2016 (jr.) Squadra
Statistiche aggiornate al 22 maggio 2017

Milena Baldassarri (Ravenna, 16 ottobre 2001) è una ginnasta italiana, individualista della Nazionale di ginnastica ritmica dell'Italia.

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Baldassarri ha iniziato l'attività agonistica con l'Edera Ravenna,[1] club della sua città natale. Dal 2014 entra a far parte della squadra della Ginnastica Fabriano, e l'anno seguente viene selezionata nella nazionale italiana juniores per disputare gli Europei di Minsk gareggiando nella specialità delle 5 palle. Da juniores partecipa come individualista anche agli Europei di Holon 2016 dove, insieme ad Alexandra Agiurgiuculese, vince la medaglia di bronzo nella gara a squadre.

Nell'aprile 2017, in occasione del Torneo internazionale Città di Pesaro, Milena Baldassarri fa il suo debutto internazionale senior vincendo la medaglia d'oro nelle clavette, l'argento nel nastro e il bronzo nell'all-around.[2] A maggio partecipa alla World Cup di Sofia, prima sua Coppa del Mondo,[3] piazzandosi decima nell'all-around. Successivamente prende parte agli Europei di Budapest 2017, qualificandosi alla finale del nastro dove ottiene un prestigioso 7º posto.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La ravennate Milena Baldassarri ai campionati europei di ginnastica artistica, su ravennanotizie.it, 21 marzo 2015. URL consultato il 22 maggio 2017.
  2. ^ Pesaro – Clavette d’oro e Nastro d’argento per Milena Baldassarri! Italbaby 6 mitica!, su federginnastica.it, 12 aprile 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.
  3. ^ Ilaria Brugnotti, World Cup Sofia: Baldassarri decima! Agiurgiuculese in finale a palla e nastro, su ginnasticaritmicaitaliana.it, 6 maggio 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.
  4. ^ Results By Apparatus (PDF), su ueg.org, 21 maggio 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]