Mike Trout

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mike Trout
Mike Trout of Anaheim on July 31, 2014.jpg
Trout nel 2014
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 106 kg
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Esterno
Squadra L.A. Angels
Carriera
Squadre di club
2011-L.A. Angels
Statistiche
Batte destro
Lancia destro
Media battuta ,306
Valide 1 155
Punti battuti a casa 629
Fuoricampo 231
Punti 774
Basi totali 2 155
Basi rubate 186
Palmarès
MVP dell'American League 2
All-Star 7
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 4 agosto 2018

Michael Nelson Trout, soprannominato "The Millville Meteor" (Vineland, 7 agosto 1991), è un giocatore di baseball statunitense che gioca nel ruolo di esterno per i Los Angeles Angels della Major League Baseball (MLB).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2011[modifica | modifica wikitesto]

Trout nel 2011

Trout fu scelto come 25º assoluto nel Draft MLB 2009 dai Los Angeles Angels of Anaheim. Debuttò nella MLB l'8 luglio 2011.[1] Nella gara successiva fece registrare la sua prima valida contro i Seattle Mariners nella parte bassa del terzo inning.[2] Il suo primo fuoricampo lo batté contro i Baltimore Orioles il 24 luglio.[3] Il 1º agosto Trout fu rimandato nelle minor league (livello AA) dopo avere tenuto una media battuta di .163, con un fuoricampo e 6 punti battuti a casa (RBI) in 12 partenze come titolare per gli Angels.[4]

Trout fu richiamato dagli Angels il 19 agosto 2011. Quella sera batté con 1 su 4 con un home run, il suo primo all'Angel Stadium.[5] Il 30 agosto, Trout divenne il più giovane giocatore degli Angels a battere due fuoricampo in una partita, contro i Mariners nel secondo e quarto inning.[6][7] Complessivamente, in 40 gare disputate nel 2011, Trout batté con .220, mentre la sua percentuale di arrivo in base fu di .281.[8]

Stagione 2012[modifica | modifica wikitesto]

Trout deruba J.J. Hardy di un fuoricampo il 27 giugno 2012

Trout iniziò la stagione 2012 nelle minor league (livello AAA). Il 28 aprile fu richiamato per sostituire Bobby Abreu (che stava battendo con .208 in 24 turni in battuta). Il 4 giugno batté per la prima volta quattro valide in una gara, ripetendosi poi 15 giorni dopo. Assieme all'esterno degli Angels Torii Hunter fu premiato come giocatore della settimana dell'American League il 10 giugno, dopo che batté con 13 su 25 per un .520 di media battuta, 10 punti segnati e 4 basi rubate.[9] Il 27 giugno contro gli Orioles, Trout batté per la terza volta nel mese 4 valide nella stessa gara. In quella stessa partita, mise in mostra le sue abilità in difesa quando derubò l'interbase J.J. Hardy di un fuoricampo con un balzo sul muro esterno centrale, compiendo una improbabile presa.[10] A fine stagione venne premiato unanimemente come Rookie dell'anno dell'American League, vincendo il Silver Slugger Award e terminando secondo dietro Miguel Cabrera nel premio di MVP dell'American League[11]. Guidò inoltre la lega in diverse categorie statistiche, come basi rubate con 49 e wins above replacement (WAR) (10,9).

Stagione 2013[modifica | modifica wikitesto]

Trout iniziò la stagione 2013 lentamente, battendo con .261, con 2 fuoricampo e 16 RBI ad aprile.[12] Il 20 aprile, contro i Detroit Tigers, batté il suo primo grande slam su lancio di Rick Porcello, coronando un inning da 10 punti per gli Angels, il loro massimo degli ultimi 18 anni.[13] In maggio, Trout rimise in mostra la forma dell'anno precedente, battendo con .327, con 8 fuoricampo, 21 RBI e 27 punti segnati.[12] Il 21 maggio divenne il giocatore più giovane nella storia dell'American League e il sesto più giovane della MLB a battere un ciclo, riuscendovi contro i Mariners.[14]

A fine anno, Trout guidò nuovamente la lega con un 9,2 di WAR, vincendo un altro Silver Slugger Award e finendo ancora secondo nel premio di MVP dietro a Miguel Cabrera[15].

Stagione 2014[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 marzo 2014, gli Angels annunciarono la firma di Trout a un contratto di sei anni del valore di 144,5 milioni di dollari.[16] Il 15 luglio fu convocato per il terzo All-Star Game consecutivo al Target Field in Minnesota, dove batté con 2 su 3, con un doppio, un triplo e 2 RBI, diventando il secondo più giovane MVP dell'evento dietro a Ken Griffey Jr. nel 1992.[17][18]

Nel 2014, Trout disputò 157 gare, battendo con .287, con 36 fuoricampo, 39 doppi, 9 tripli, guidando l'American League con 111 RBI e la MLB con 115 punti segnati. In gara 3 delle American League Division Series contro i Kansas City Royals, Trout batté il suo primo fuoricampo nei playoff.[19] Gli Angels furono tuttavia eliminati in tre gare degli avversari.[19]

Il 13 novembre 2014, la Major League Baseball annunciò che Trout era stato premiato unanimemente come MVP dell'American League, diventando il sesto giocatore della storia ad essere premiato come MVP dell'All-Star Game e della stagione regolare nello stesso anno. Fu il quinto più giovane MVP di sempre, il 17º con votazione unanime e il quinto della franchigia degli Angels, il primo da Vladimir Guerrero nel 2004.[20]

Stagione 2015[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 aprile 2015, Trout divenne il più giovane giocatore nella storia della MLB a raggiungere i 100 home run e le 100 basi rubate.[21] Vi riuscì all'età di 23 anni e 253 giorni, superando il primato di Alex Rodriguez di 23 anni e 309 giorni stabilito nel 1999.[21] Trout iniziò l'All-Star Game 2015 con un fuoricampo, diventando il quarto giocatore a riuscirvi.[22] Per il secondo anno consecutivo fu premiato come MVP della manifestazione, il primo della storia a riuscirvi.[23] Il 22 settembre, Trout batté il suo 40º home run, diventando solamente il secondo giocatore degli Angels a raggiungere tale cifra in una stagione.[24] A fine anno guidò la lega in WAR per la quarta stagione consecutiva.[25]

Stagione 2016[modifica | modifica wikitesto]

Trout prima dell'All-Star Game 2016

In 159 partite disputate nel 2016, Trout guidò la MLB in basi ball (116), punti segnati (123) e percentuale di arrivo in base (.441). Concluse con media in battura di .315, con 29 home run, 30 basi rubate e 100 RBI, venendo premiato come MVP dell'American League per la seconda volta in carriera.[26] Trout si unì a Barry Bonds quale unico altro giocatore ad essersi classificato ai primi due posti del premio di MVP per cinque stagioni consecutive.[27] Inoltre fu il giocatore ad avere accumulato più WAR sotto i 24 anni di età dal 1913: dietro di lui vi furono Mickey Mantle secondo con 41,1, poi Mel Ott, Jimmie Foxx e Ted Williams.[28]

Stagione 2017[modifica | modifica wikitesto]

Mentre stava guidando la MLB con 16 fuoricampo, il 29 maggio 2017 Trout fu inserito per la prima volta in carriera in lista infortunati a causa della frattura di un pollice. Il 2 luglio 2017, malgrado tale infortunio, fu convocato come titolare per il sesto All-Star Game della carriera, a cui non partecipò.[29] Tornò in campo dopo 46 giorni di assenza e 39 gare di assenza il 14 luglio, battendo una valida nella sconfitta 2-1 contro Tampa Bay.[30] Il 7 agosto, giorno del suo 26º compleanno, batté la valida numero 1.000 in carriera. Malgrado l'infortunio chiuse la stagione al quarto posto nel premio di MVP.[31]

Stagione 2018[modifica | modifica wikitesto]

Trout contro gli Orioles nel 2018

Prima della stagione 2018, Sports Illustrated classificò Trout come il miglior giocatore in attività.[32] Disputò la prima gara in carriera con 5 valide il 26 maggio allo Yankee Stadium, terminando con 5 su 5, con tre doppi e un fuoricampo. Nella stessa gara stabilì i propri primati personali in doppi, battute da extra base (4) e basi totali (11). In precedenza aveva fatto registrare 4 valide per 13 volte. Gli Angels batterono gli Yankees per 11–4.[33] L'11 e 12 giugno batté per la prima volta due fuoricampo in due gare consecutive contro Seattle, portandosi in testa alla MLB con 23 fuoricampo.[34]

Con .312 in battuta, 25 fuoricampo e 50 RBI, Trout fu convocato come esterno titolare per l'All-Star Game 2018.[35] Durante l'evento batté un fuoricampo e guadagnò una base su ball.[36]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2014, 2016
2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018
  • MVP dell'All-Star Game: 2
2014, 2015
2012, 2013, 2014, 2015, 2016

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Leader dell'American League
Categoria Volte Stagioni
OPS+ 4 2012, 2015–17
Basi su ball 2 2013, 2016
Battute da extra base 1 2014
On-base percentage 2 2016, 2017
On-base plus slugging 2 2015, 2017
Punti battuti a casa 1 2014
Punti segnati 4 2012−14, 2016
Media bombardieri 2 2015, 2017
Basi rubate 1 2012
Basi totali 1 2014
Wins above replacement 4 2012, 2013, 2015, 2016
Note:
Per Baseball-Reference.com. Al termine della stagione 2017.

Origini del soprannome[modifica | modifica wikitesto]

Tra i soprannomi di Trout vi sono "Prince Fish", "God's Gift" e "King Fish 2.0", in riferimento all'ex giocatore degli Angels Tim Salmon[37]. Egli tuttavia decise di adottare il soprannome di "Millville Meteor" solo dopo che un vandalo modificò la sua pagina su Wikipedia[38] e questo prese piede[39][40].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jordan Garretson, Trout makes highly anticipated Majors debut, MLB.com, 8 luglio 2011. URL consultato il 26 luglio 2017.
  2. ^ Torii Hunter homers twice as Angels blow away Michael Pineda, M's, ESPN.com, 3 giugno 2013. URL consultato il 26 luglio 2017.
  3. ^ Mike Trout's first big league homer helps Angels pull away from Orioles, ESPN.com, 24 luglio 2011. URL consultato il 26 luglio 2017.
  4. ^ Angels OF Mike Trout headed back to minor leagues, in Los Angeles Times. URL consultato il 26 luglio 2017.
  5. ^ Torri Hunter's 2 HRs help Dan Haren, Angels handle O's, ESPN.com, 19 agosto 2011. URL consultato il 26 luglio 2017.
  6. ^ Mike Trout's 2 homers lead Angels' rout of Mariners, ESPN.com, 3 giugno 2013. URL consultato il 26 luglio 2017.
  7. ^ Kevin Baxter, Mike Trout powers Angels past Mariners, 13–6, in Los Angeles Times, 31 agosto 2011. URL consultato il 26 luglio 2017.
  8. ^ Mike Trout Stats – Los Angeles Angels, ESPN.com. URL consultato il 26 luglio 2017.
  9. ^ Albert Pujols, Mike Trout help Angels rally past Dodgers, ESPN.com, 11 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2017.
  10. ^ Angels cap two-game sweep of Orioles with 13–1 dismantling, ESPN.com, 27 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2017.
  11. ^ (EN) Voters knock it out of park by correctly choosing Miguel Cabrera as MVP, CBS Sports, 2012. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  12. ^ a b Mike Trout 2013 Batting Splits, Baseball Reference. URL consultato il 26 luglio 2017.
  13. ^ Mike Trout's first career slam helps Angels rout Tigers, ESPN.com, 3 giugno 2013. URL consultato il 26 luglio 2017.
  14. ^ ESPN: Mike Trout hits for cycle, collects 5 RBIs as Angels drub Mariners, ESPN.com, 21 maggio 2013.
  15. ^ (EN) Miguel Cabrera Goes Back-to-Back, bbwaa.com, 2013. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  16. ^ Trout, Angels agree to $144.5 million, six-year deal, ESPN.com, 28 marzo 2014. URL consultato il 27 aprile 2017.
  17. ^ Ronald Blum, Mike Trout Named All-Star Game MVP As AL Tops NL 5-3, su The Huffington Post, 16 luglio 2014. URL consultato il 27 aprile 2017.
  18. ^ Mike Axisa, Mike Trout named 2014 All-Star Game MVP, su CBS Sports, 15 luglio 2014. URL consultato il 27 aprile 2017.
  19. ^ a b (EN) October 5, 2014 American League Division Series (ALDS) Game 3, Angels of Anaheim at Royals | Baseball-Reference.com, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 27 aprile 2017.
  20. ^ Alden González, No doubt as Trout unanimous AL MVP Award winner: Outfielder, 23, is first Angel to take home honor since Vlad in 2004, MLB.com, 14 novembre 2014. URL consultato il 27 aprile 2017.
  21. ^ a b Alden Gonzalez, Trout goes deep; youngest to 100 HRs, 100 SBs, su MLB.com, 18 aprile 2015. URL consultato il 12 ottobre 2015.
  22. ^ Alden Gonzalezwork=MLB.com, Trout fourth to lead off All-Star Game with HR: Reigning AL MVP hits opposite-field blast off Greinke, su m.mlb.com, 14 luglio 2015. URL consultato il 12 ottobre 2015.
  23. ^ William Austin e Boor Laymance, MVP Trout fuels AL's third straight ASG win, su MLB.com, 14 luglio 2015. URL consultato il 12 ottobre 2015.
  24. ^ Mike Trout hits 40th home run of the season | MLB.com
  25. ^ MLB Wins Above Replacement - 2015, su ESPN.
  26. ^ Mike Trout wins American League MVP Award, in MLB.com.
  27. ^ Allyssa Lee, Trout joins Bonds as only man with five straight top two MVP finishes, su Fox Sports, 17 novembre 2016. URL consultato il 21 novembre 2016.
  28. ^ Wendy Thurm, Mike Trout's numbers prove he's already great and is headed for place among greatest, su Sporting News, 12 agosto 2016. URL consultato il 21 novembre 2016.
  29. ^ (EN) Rising All-Stars! Elite players Miami-bound, MLB.com, 2 luglio 2017. URL consultato il 3 luglio 2017.
  30. ^ (EN) Trout compares return to Opening Day, MLB.com, 14 luglio 2017. URL consultato il 15 luglio 2017.
  31. ^ (EN) MVP: Stanton by a nose, Altuve towers over AL, in MLB.com, 16 novembre 2017. URL consultato il 17 novembre 2017.
  32. ^ (EN) SI.com Staff, SI's Top 100 MLB Players of 2018: The Top 10, in Sports Illustrated, 15 febbraio 2018. URL consultato il 1º agosto 2018.
  33. ^ Greg Joyce, Mike Trout proves again why he’s the greatest show in baseball, in New York Post, 27 maggio 2018. URL consultato il 1º agosto 2018.
  34. ^ Maria Guardado, Trout homers twice, tops MLB with 23 in loss, in MLB.com, 13 giugno 2018. URL consultato il 1º agosto 2018.
  35. ^ https://www.si.com/mlb/2018/07/08/mlb-all-star-rosters-complete-names-teams
  36. ^ (EN) Jorge L. Ortiz, Mike Trout once again shines in MLB All-Star Game, USA Today, 17 luglio 2018. URL consultato il 1º agosto 2018.
  37. ^ MLB Fan Cave Article: Top Five Outfield Catches Of 2012, su mlbfancave.mlb.com. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  38. ^ Howard Schneider, Book Review: 'Virtual Unreality' by Charles Seife, News Corp.. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  39. ^ Los Angeles Angels centerfielder Mike Trout is a phenom, but will it last?, in ESPN The Magazine, 20 settembre 2012. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  40. ^ Mike Gavin, Phenom Trout brings his talents to Yankee Stadium, in Newsday (New York), 13 luglio 2012. URL consultato il 14 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN302564497 · LCCN (ENn2013032465