Mike Adams (giocatore di football americano 1981)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mike Adams
Mike Adams (safety) 2016.JPG
Adams nel 2016
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 180 cm
Peso 91 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Safety
Squadra Indianapolis Colts
Carriera
Giovanili
Giallo e Blu4.png Delaware Fightin' Blue Hens
Squadre di club
2004-2006 S. Francisco 49ers
2007-2011 Cleveland Browns
2012-2013 Denver Broncos
2014- Indianapolis Colts
Palmarès
Selezioni al Pro Bowl 2
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 29 gennaio 2016

Michael Carl "Mike" Adams (Paterson, 24 marzo 1981) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di safety per gli Indianapolis Colts della National Football League (NFL). Al college ha giocato a football all'Università del Delaware.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

San Francisco 49ers[modifica | modifica wikitesto]

Dopo non essere stato scelto nel Draft NFL 2006, Adams firmò con i San Francisco 49ers in cui in tre stagioni disputò 18 partite come titolare e mise a segno 5 intercetti.

Cleveland Browns[modifica | modifica wikitesto]

Adams si unì ai Cleveland Browns nel 2007 e con essi in cinque anni disputò 32 partite come titolare, facendo registrare 7 intercetti e un fumble forzato. Alla fine della stagione 2011 divenne free agent e decise di non rifirmare coi Browns.

Denver Broncos[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 marzo 2012, Adams firmò coi Denver Broncos. Nella sua prima stagione nel Colorado disputò tutte le 16 partite come titolare, terminando con i primati in carriera per tackle (80) e passaggi deviati (11). Nella stagione successiva disputò 7 gare come titolare, con 64 tackle e un intercetto, raggiungendo il Super Bowl XLVIII[1] perso contro i Seattle Seahawks per 43-8 in cui mise a segno 6 tackle[2][3].

Nel maggio 2014, Adams fu svincolato dai Broncos.

Indianapolis Colts[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 giugno 2014, Adams firmò con gli Indianapolis Colts. I primi due intercetti con la nuova maglia li mise a segno nella settimana 4 nella vittoria contro i Tennessee Titans[4]. La sua stagione si chiuse con i nuovi primati personali per tackle (87) e intercetti (5, terzo nella lega), venendo convocato per il suo primo Pro Bowl al posto dell'infortunato Tashaun Gipson[5][6].

Nel quinto turno della stagione 2015, Adams mise a segno 2 intercetti, uno dei quali a meno di due minuti dal termine che si rivelò decisivo per la vittoria sui Texans, venendo premiato come miglior difensore della AFC della settimana[7]. Dieci giorni dopo inflisse a Tom Brady il primo intercetto stagionale ma i Colts uscirono sconfitti contro i Patriots. A fine anno fu convocato per il secondo Pro Bowl al posto dell'infortunato Kam Chancellor.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Denver Broncos: 2013

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2014, 2015
  • Difensore della AFC della settimana: 1
5ª del 2015

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 175
Partite da titolare 102
Tackle 704
Sack 6,0
Intercetti 23
Fumble forzati 9

Statistiche aggiornate alla stagione 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nfl, Denver e Seattle al Super Bowl di New York, La Gazzetta dello Sport, 20 gennaio 2014. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) Seahawks crush Broncos for first Super Bowl win, NFL.com, 2 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  3. ^ (EN) Super Bowl, la difesa annienta Manning, Seattle stravince: campione per la prima volta, La Repubblica, 3 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  4. ^ (EN) Game Center: Tennessee 17 Indianapolis 41, NFL.com, 28 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.
  5. ^ (EN) Complete Pro Bowl Roster, NFL.com, 23 dicembre 2014. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  6. ^ (EN) Andy Dalton added to Pro Bowl roster, NFL.com, 20 gennaio 2015. URL consultato il 20 gennaio 2015.
  7. ^ (EN) Josh McCown highlights Week 5 Players of Week, NFL.com, 14 ottobre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]