Mika Vainio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mika Vainio
Pansonic2.jpg
Mika Vainio (a sinistra) con Llpo Väisänen (a destra) dei Pan Sonic
Nazionalità Finlandia Finlandia
Genere Musica sperimentale
Glitch
Periodo di attività 1991-2017
Gruppi e artisti correlati Pan Sonic
Sito web

Mika Tapio Vainio (Helsinki, 15 maggio 1963Francia, 12 aprile 2017) è stato un musicista finlandese.

Dopo aver suonato in alcune formazioni industrial durante i primi anni novanta ed essere stato membro dei Pan Sonic dal 1993, Vainio ha iniziato parallelamente una carriera solista adottando anche l'alias Ø.

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Citato fra i primi musicisti ad aver realizzato, assieme a Ryoji Ikeda, "paesaggi sonori per segnali acustici",[1] Vainio ha inciso materiale più glitch e meno "techno" rispetto a quella dei Pan Sonic,[2] mentre con i lavori attribuiti a Ø, la sua musica è caratterizzata da "sonorità meccaniche irregolari, ritmi mutanti, tessiture sonore ostinatamente disarmoniche, impulsi discontinui provenienti da misteriose bande di frequenza su canali separati."[3]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Mika Vainio[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 – Onko
  • 1999 – Ydin
  • 2000 – Kajo
  • 2002 – Invisible Architecture #2 (con Fennesz)
  • 2003 – Sokeiden maassa yksisilmäinen on kuningas
  • 2003 – GRM Experience (Mika Vainio / Christian Fennesz / Christian Zanési)
  • 2003 – Nine Suggestions (con John Duncan e Ilpo Väisänen)
  • 2006 – Revitty
  • 2009 – Aineen Musta Puhelin / Black Telephone Of Matter
  • 2011 – Life
  • 2012 – Fe3O4 – Magnetite

Ø[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994 – Metri
  • 1996 – Olento
  • 1997 – Mikro Makro (con Noto)
  • 1997 – Tulkinta
  • 1998 – Wohltemperiert (con Noto)
  • 2005 – Kantamoinen
  • 2006 – Aste
  • 2008 – Oleva
  • 2011 – Heijastuva
  • 2014 – Konstellaatio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Christoph Cox, Daniel Warner, Audio Culture: Readings in Modern Music, Continuum, 2004, p. 396.
  2. ^ Pan Sonic – Biografia – Ondarock, ondarock.it. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  3. ^ Ian Gittins, Björk, Giunti Editore, 2004, p. 83.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: (EN79926114 · LCCN: (ENno2006090369 · ISNI: (EN0000 0001 1930 6294 · GND: (DE13503521X