Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mika Ninagawa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mika Ninagawa

Mika Ninagawa (蜷川 実花 Ninagawa Mika?; Tokyo, 18 ottobre 1972) è una fotografa e regista giapponese, nota per il suo stile caratterizzato dall'uso di colori vivaci e brillanti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del regista teatrale Yukio Nanigawa[1] e dell'attrice Tomoko Mayama[2], Mika nasce e cresce a Tokyo in un ambiente estremamente creativo, che la porta prima a tentare la strada della pittura e della recitazione e poi a studiare da grafico[1][3]. Intrapresa successivamente la carriera di fotografa, trova la popolarità negli anni novanta come una delle maggiori esponenti del boom della fotografia femminile verificatosi in Giappone proprio in quel periodo[1].

Nel 2007 esordisce in qualità di regista con il film Sakuran, adattamento live action dell'omonimo manga di Moyoco Anno. Nel 2012 dirige Erika Sawajiri in Helter Skelter, anche questo basato su un manga di Kyōko Okazaki[1].

I suoi lavori, esposti in tutto il mondo[1], sono caratterizzati da uno stile fatto di colori brillanti e vivaci, nonché da temi e soggetti ricorrenti quali la cultura giovanile giapponese, i fiori, i pesci rossi e i paesaggi[3]. La Ninagawa lavora anche nel campo della pubblicità e della moda[4] (nota è la collaborazione con la casa di moda italiana Etro[5]), oltre a dilettarsi come regista di video musicali di artisti nazionali e internazionali[3]. Fa parte altresì del comitato organizzatore delle Olimpiadi del 2020 di Tokyo[6].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

AKB48
Alicia Keys
Kumi Kōda
NEWS
Man with a Mission
Sandaime J Soul Brothers
  • Hanabi (2012)
  • Powder Snow: Eien ni owaranai fuyu (2012)
Takahiro (Exile)
  • Issen ichibyō (2013)[14]
Yuzu
  • Ashita tenki ni naare (2007)[15]
  • Ame nochi halleluja (2013)[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Hannah Lack, Mika Ninagawa, in Dazed, dicembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2015.
  2. ^ (JA) Pickup Interview 真山知子, in Bessatsu eiga hihō Tsuburaya pro SF dorama daizukan, Yōsensha, 2013, p. 98, ISBN 978-4-8003-0209-0.
  3. ^ a b c d (EN) Mika Ninagawa, in Artsy. URL consultato il 23 novembre 2015.
  4. ^ (EN) C. B. Liddell, Mika Ninagawa, in Metropolis Japan, 19 marzo 2015. URL consultato il 23 novembre 2015.
  5. ^ (EN) Scarlett Kilcooley-O'Halloran, Etro Enlists Ninagawa, in Vogue, 15 ottobre 2014. URL consultato il 23 novembre 2015.
  6. ^ (EN) The Tokyo Organising Committee of the Olympic and Paralympic Games, su Tokyo2020.jp. URL consultato il 23 novembre 2015.
  7. ^ (JA) AKB48 ヘビーローテーション, Space Shower TV. URL consultato il 23 novembre 2015.
  8. ^ (JA) AKB48 呼び捨てファンタジー, Space Shower TV. URL consultato il 23 novembre 2015.
  9. ^ (JA) AKB48、ディズニー映画曲「Sugar Rush」で世界デビュー, in Natalie, 31 ottobre 2012. URL consultato il 23 novembre 2015.
  10. ^ (JA) AKB48 さよならクロール, Space Shower TV. URL consultato il 23 novembre 2015.
  11. ^ (JA) 倖田來未 ピンクスパイダー(Short Ver.), Space Shower TV. URL consultato il 23 novembre 2015.
  12. ^ (JA) NEWS KAGUYA, Space Shower TV. URL consultato il 23 novembre 2015.
  13. ^ (JA) MAN WITH A MISSION×蜷川実花、映画館で描く「Memories」MV, in Natalie, 7 gennaio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  14. ^ (JA) EXILE TAKAHIRO 一千一秒, Space Shower TV. URL consultato il 23 novembre 2015.
  15. ^ (JA) ゆず 明日天気になぁれ, Space Shower TV. URL consultato il 23 novembre 2015.
  16. ^ (JA) ゆず 雨のち晴レルヤ, Space Shower TV. URL consultato il 23 novembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN21823710 · ISNI: (EN0000 0000 7850 7945 · LCCN: (ENno2003005276 · GND: (DE128832665 · BNF: (FRcb160906909 (data)