Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Final Fantasy VII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Midgar)
Final Fantasy VII
Final Fantasy VII Logo.png
Logo di Final Fantasy VII
Titolo originale ファイナルファンタジーVII
Sviluppo Square
Pubblicazione Square, Sony Computer Entertainment, Eidos Interactive
Serie Final Fantasy
Data di pubblicazione PlayStation:
Giappone 31 gennaio 1997
Flags of Canada and the United States.svg 31 agosto 1997
Flag of Europe.svg 17 novembre 1997

PlayStation:
Giappone 2 ottobre 1997 (Final Fantasy VII International)
Microsoft Windows:
Flags of Canada and the United States.svg 31 maggio 1998
Flag of Europe.svg 25 giugno 1998

Genere Videogioco di ruolo alla giapponese
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation, Microsoft Windows
Distribuzione digitale PlayStation Network
Supporto PlayStation
3 CD-ROM
Microsoft Windows
4 CD-ROM
Fascia di età ACB: PG
ELSPA: 11+
ESRB: T
PEGI: 12+
USK: 12+
Periferiche di input Gamepad, Tastiera
Preceduto da Final Fantasy VI
Seguito da Final Fantasy VIII

Final Fantasy VII (ファイナルファンタジーVII Fainaru Fantajī Sebun?) è un videogioco di ruolo giapponese pubblicato nel 1997 da Square per PlayStation e portato in seguito anche su PC con sistema operativo Microsoft Windows, PlayStation 4 e distribuito digitalmente attraverso i servizi PlayStation Network e Steam.[1][2][3][4] Inoltre, una versione per dispositivi Android e iOS è disponibile esclusivamente in Giappone attraverso il servizio di streaming "Dive In".[5]

Non considerando spin-off, come Mystic Quest, Final Fantasy VII è stato il primo capitolo della serie realizzato in computer grafica 3D, con personaggi completamente renderizzati su sfondi pre-renderizzati,[6][7] e il primo ad essere distribuito anche in Europa ed Australia. Il gioco mantenne inoltre lo stesso titolo sia in Giappone che in Nord America, a differenza di Final Fantasy IV e Final Fantasy VI, che nella loro prima edizione nordamericana vennero rinominati Final Fantasy II e Final Fantasy III, poiché il secondo, terzo e quinto titolo della serie all'epoca non vi erano stati esportati.[8] La versione nordamericana, europea ed australiana per PlayStation è stata pubblicata dalla Sony Computer Entertainment, mentre l'edizione per PC dalla Eidos Interactive.[9][10]

Final Fantasy VII è stato diretto da Yoshinori Kitase, scritto da Kazushige Nojima in collaborazione con Kitase e prodotto da Hironobu Sakaguchi. Le musiche state composte da Nobuo Uematsu, mentre il character designer di lunga data, Yoshitaka Amano, venne sostituito da Tetsuya Nomura, il quale aveva già ideato alcuni personaggi di Final Fantasy VI.[6][11]

Preceduto da un'ampia campagna pubblicitaria, Final Fantasy VII ha goduto di un enorme successo commerciale e di critica, arrivando a vendere più di 10 milioni di copie in tutto il mondo e diventando così il titolo della serie più venduto e uno dei giochi di ruolo più diffusi in assoluto.[10][12] È stato elogiato per la sua grafica, colonna sonora e storia, ma criticato principalmente per la scarsa localizzazione inglese e una modalità di gioco estremamente lineare e poco innovativa nel panorama della saga.[10][13][14] È stato retrospettivamente riconosciuto come il gioco che ha reso popolare l'intero genere al di fuori del Giappone, ed è stato spesso inserito in classifiche riguardanti i migliori videogiochi di tutti i tempi.[15][16][17] La popolarità del titolo ha portato Square Enix a produrre una serie di prequel e sequel sotto il nome collettivo di Compilation of Final Fantasy VII.[18][19]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ambientazione del gioco è simile a quella di Final Fantasy VI,[20] in quanto si tratta di un mondo in cui la tecnologia è molto più avanzata rispetto ai primi cinque capitoli della saga.[21] Nel complesso, lo sviluppo tecnologico e la società si approssimano ad un ambiente industriale o post-industriale con elementi fantascientifici. Il mondo di Final Fantasy VII, denominato dai personaggi del gioco "Il Pianeta" ma chiamato retroattivamente "Gaia", è composto da tre continenti principali. Quello orientale ospita la città di Midgar, una metropoli industriale che serve come la capitale e sede del quartier generale della Shinra Electric Power Company, il governo mondiale di Gaia. Altri luoghi del continente orientale sono Junon (un'importante base militare della Shinra), Fort Condor (una fortezza con un enorme condor che copre un reattore Mako), un ranch dove è possibile allevare e utilizzare i Chocobo e Kalm, una piccola città ispirata all'Europa medievale.

Il continente occidentale ospita invece il Gold Saucer (un parco dei divertimenti con la prigione di Corel sottostante), Costa del Sol (una località balneare), Gongaga (una piccola città con i resti di un reattore Mako distrutto), Nibelheim (una città che risiede alla base del Monte Nibel), Rocket Town (la posizione del lancio fallito di un razzo spaziale della Shinra) e Cosmo Canyon, la cui tribù sottolinea l'importanza di vivere in armonia con la natura dedicandosi al benessere del pianeta.[22] Wutai, un villaggio ispirato alla Cina e al Giappone premoderno, è situato su una grande isola del continente occidentale.

Il continente settentrionale è un territorio glaciale, e i suoi pochi insediamenti includono Bone Village (un sito di scavo), Icicle Inn (una località sciistica), la mitica Città degli Antichi e il Cratere Nord, dove ha luogo il climax del gioco. Ci sono anche luoghi raggiungibili soltanto tramite il sottomarino, come un aereo da trasporto affondato della Shinra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un cosplay di Cloud Strife, il protagonista del gioco

Il gioco inizia con Cloud Strife, un mercenario che aiuta il gruppo ecoterrorista AVALANCHE in un attacco contro i reattori Mako che circondano la città di Midgar, governata dalla Shinra. Barret, il leader del movimento, ritiene che l'energia Mako che i reattori consumano sia in realtà la linfa vitale del pianeta, e la Shinra sta quindi uccidendo lentamente Gaia. Anche se la prima missione ha successo, AVALANCHE subisce un'imboscata al prossimo reattore e, a causa di un'esplosione, Cloud precipita verso i bassifondi di Midgar. Viene trovato da Aerith, e spinto dall'arrivo dei Turks, che hanno intenzione di catturare la giovane fioraia, Cloud la difende dall'assalto e scappano insieme. Nel frattempo, Shinra rileva la posizione del nascondiglio di AVALANCHE nel settore 7 e, di conseguenza, lo distrugge, uccidendo l'intera popolazione di quella zona. I Turks riescono anche a catturare Aerith, che si rivela essere l'ultima superstite dei Cetra, un'antica tribù che riuscì ad entrare in perfetta sintonia con il pianeta. Il presidente Shinra e il professor Hojo credono che Aerith sia la chiave per raggiungere la "Terra Promessa", una landa che la compagnia vede come una fonte abbondante di Mako. Cloud, Barret e Tifa s'infiltrano nella Shinra allo scopo di salvare Aerith, e durante la ricerca della ragazza nei vari piani dell'enorme struttura, scoprono un esemplare semplicemente etichettato "Jenova". Accompagnati da Red XIII, il gruppo riesce a salvare Aerith, ma vengono subito catturati dai Turks e imprigionati all'interno dell'edificio. Al mattino, però, il gruppo trova le loro celle aperte e scopre che gran parte del personale, tra cui il presidente Shinra, è stato ucciso dal soldato leggendario che tutti ritenevano morto: Sephiroth, il quale ha inoltre rubato l'esemplare Jenova.

Mentre il figlio del presidente, Rufus Shinra, assume il totale controllo della società, il gruppo lascia Midgar e insegue Sephiroth per tutto il pianeta. Incontrano numerosi alleati, tra cui Cait Sith, un gatto robotico che si rivelerà essere segretamente controllato dal Turk pentito Reeve Tuesti, Yuffie Kisaragi (una ninja adolescente), Vincent Valentine (ex membro dei Turks) e Cid Highwind, un pilota fumatore. Arrivati al Tempio degli Antichi, il gruppo incontra Sephiroth, che rivela finalmente il suo piano: se il mondo viene notevolmente danneggiato, il Flusso Vitale (Lifestream) si riunisce nel tentativo di guarire la ferita. Sephiroth intende quindi utilizzare la leggendaria Materia Nera per lanciare il temibile incantesimo "Meteor", allo scopo di provocare al pianeta enormi danni, i quali gli consentiranno di fondersi con l'energia Mako e di rinascere come un dio. Il gruppo riesce inizialmente a fermarlo ottenendo la Materia Nera, ma Sephiroth manipola Cloud, il quale non esita a donargli la leggendaria sfera magica. Mentre il gruppo si riprende dall'incontro, Aerith decide di partire e fermare Sephiroth da sola, arrivando fino alla Capitale Dimenticata. Il gruppo la segue, e trova Aerith intenta a pregare per ricevere l'aiuto del pianeta, ma viene immediatamente uccisa da Sephiroth, in una scena nominata da GameSpot «il momento più scioccante dei videogiochi».[23] Dopo uno scontro con Jenova, Cloud e i suoi alleati continuano ad inseguire Sephiroth fino al Cratere Nord. Durante il viaggio, scoprono che Jenova è in realtà una creatura interstellare che si è schiantata sul pianeta circa 2000 anni prima degli avvenimenti del gioco, e la cui intenzione era quella di controllare completamente Gaia. Nel tentativo di difendersi, il pianeta creò mostri giganti chiamati Weapon. Mentre la maggior parte degli esseri umani si diede alla fuga, i Cetra riuscirono a sconfiggere Jenova e a seppellire i suoi resti. Alcuni decenni prima dell'inizio dell'avventura, tali resti furono rinvenuti dal professor Gast, un ricercatore della Shinra. Scambiando Jenova per una Cetra, Gast tentò di clonare la creatura, assistito da Hojo. Poco tempo dopo, però, Gast decise di abbandonare il progetto, mentre Hojo riuscì a sfruttare con successo il bambino non ancora nato dell'assistente Lucrecia: quel bambino era proprio Sephiroth. Circa 5 anni prima del presente, durante una missione Shinra a Nibelheim, Sephiroth scoprì le sue terribili origini incontrando dei soggetti di test falliti di Hojo. Credendo erroneamente che lui e Jenova fossero dei Cetra, decise di iniziare la sua celebre vendetta dando alle fiamme l'intero villaggio di Nibelheim. Cloud e Tifa lo affrontarono durante l'incendio, in seguito al quale Sephiroth scomparve del tutto, per poi fare la sua comparsa nel presente, dove il gruppo ha ora intenzione di ucciderlo definitivamente.

Quando Cloud e gli altri raggiungono il Cratere Nord per vendicare Aerith, vengono a sapere che Sephiroth era uno dei numerosi cloni di Jenova creati da Hojo. Raggiungendo finalmente il leggendario SOLDIER, il quale nel frattempo ha assorbito tutti gli altri cloni allo scopo di istigare una "Reunion" delle cellule di Jenova, Sephiroth manipola ancora una volta Cloud per essere aiutato durante il lancio di "Meteor", per poi affermare che il ragazzo è in realtà un clone di Sephiroth, mostrandogli dei ricordi dell'incidente di Nibelheim con un soldato dai capelli neri al posto di Cloud. Sephiroth riesce infine a invocare "Meteor", e di conseguenza attiva le Weapon del pianeta, e durante un terremoto Cloud è separato dai suoi compagni e cade nel Flusso Vitale. Il resto del gruppo e i Turks riescono a scappare su un'aeronave, l'Highwind, dove gli eroi vengono arrestati dalla Shinra. Dato che "Meteor" si avvicina sempre di più verso Gaia, le Weapon attaccano l'umanità nel tentativo di restituire più energia Mako possibile al Flusso Vitale, per aiutare il pianeta. Shinra decide di proteggere la popolazione mondiale attaccando le Weapon e distruggendo "Meteor", una missione che costerà la vita della maggior parte del personale. Tifa, Barret e gli altri riescono a fuggire, trovando un catatonico Cloud in un ospedale di Mideel. Tifa rimane indietro per aiutarlo, mentre il resto del gruppo continua la lotta contro la Shinra. Tuttavia, un attacco da parte di Ultima Weapon al villaggio fa precipitare Cloud e Tifa nel Flusso Vitale. Lì, la ragazza lo aiuta a ricostruire i suoi confusi ricordi e a scoprire la verità sul suo passato.

Si scopre infatti che Cloud non è mai stato un membro dei SOLDIER, e che il soldato nelle visioni mostrate da Sephiroth al Cratere Nord era in realtà Zack Fair. Entrambi, però, erano presenti durante l'incidente di Nibelheim, dove Cloud ferì gravemente Sephiroth, il quale riuscì a sopravvivere soltanto grazie alle cellule di Jenova: Zack e Cloud, invece, furono utilizzati da Hojo per perfezionare i suoi esperimenti SOLDIER. Zack provò a scappare con Cloud, ma venne ucciso da numerosi soldati Shinra. Il ragazzo prese allora la spada del deceduto soldato e raggiunse Midgar: le aspirazioni di Cloud per diventare SOLDIER e i ricordi di Zack si unirono, dando vita così ad una falsa personalità. Accettando tutto questo, Cloud riesce a riprendersi e scopre insieme al gruppo che Aerith, durante i suoi ultimi momenti, stava tentando di utilizzare la Materia Bianca per lanciare l'incantesimo "Holy", l'unico modo per distruggere "Meteor": stava per riuscirci, ma Sephiroth l'ha ovviamente fermata. Il gruppo decide quindi di fermare prima di tutto le Weapon, e di sconfiggere Hojo, che si rivela essere il padre di Sephiroth. Dopo aver ucciso il folle scienziato, Cloud e gli altri lanciano il loro assalto finale contro Sephiroth, che viene finalmente sconfitto dopo una serie di battaglie. Mentre "Holy" viene finalmente invocata, il gruppo scappa dal cratere, ma scopre che l'incantesimo non può fare più niente per fermare "Meteor", la quale si è ormai avvicinata troppo al pianeta. Pochi attimi prima dell'impatto, però, il Flusso Vitale interviene e distrugge "Meteor". Cinquecento anni dopo, Red XIII osserva con i suoi due cuccioli le rovine di Midgar, ormai ricoperte di verde, mostrando così che il pianeta è finalmente guarito.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Final Fantasy VII.
Un cosplay di Sephiroth, l'antagonista del gioco

I nove personaggi giocabili principali di Final Fantasy VII sono Cloud Strife, un mercenario asociale che sostiene di essere un ex SOLDIER di prima classe; Barret Wallace, il leader di un movimento contro la Shinra chiamato AVALANCHE; Tifa Lockhart, una ragazza praticante di arti marziali e membro di AVALANCHE, nonché amica d'infanzia di Cloud; Aerith Gainsborough, una giovane fioraia perseguitata dai Turks (unità di operazioni speciali della Shinra) sin dall'infanzia; Red XIII, una saggia creatura leonina vittima di esperimenti della Shinra; Cait Sith, un gatto robotico che cavalca una bambola di Moguri gigante animata; Cid Highwind, un pilota il cui sogno di diventare il primo uomo a raggiungere lo spazio non si è mai realizzato; Yuffie Kisaragi, una giovane ninja e abile ladra; e Vincent Valentine, un ex membro dei Turks della Shinra, vittima di terribili esperimenti avvenuti 30 anni prima dell'inizio del gioco.[22] L'antagonista principale di Final Fantasy VII è Sephiroth, ex membro dei SOLDIER che fa la sua comparsa parecchi anni dopo quel che tutti consideravano la sua morte.[22][24]

I personaggi sono stati progettati da Tetsuya Nomura.[6][11] A differenza di Final Fantasy VI, il cui cast manca di un vero e proprio protagonista, Cloud venne scelto come personaggio principale del settimo capitolo sin dall'inizio dello sviluppo del gioco.[25]

Il cast di Final Fantasy VII è stato apprezzato dalla critica. Il sito web GameSpot afferma che, nonostante non si trattassero di personaggi unici o originali, erano «le interazioni di Cloud con il suo gruppo, e in particolare con Sephiroth, che rendevano la storia davvero speciale».[23] Thierry Nguyen di Computer Gaming World dichiara che le storie e gli sviluppi degli eroi erano molto forti, sostenendo infine che il gioco riesce a far nascere un profondo legame tra giocatori e personaggi.[26] Simon Parkin di Eurogamer apprezzò le chiare motivazioni dei personaggi, i loro desideri e i loro difetti.[27] RPGFan elogia generalmente il cast, in particolare Cloud, Tifa e Sephiroth, seppure sembrino descrivere certi stereotipi e archetipi poco originali dei giochi di ruolo giapponesi.[28] Sephiroth venne nominato da IGN il miglior personaggio del gioco,[24] mentre Cloud il più popolare dell'intera serie.[29]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Proprio come i precedenti titoli della serie, Final Fantasy VII presenta tre diversi tipi di schermata di gioco: la mappa del mondo, denominata "Overworld", le mappe dei vari luoghi accessibili e la schermata di battaglia.[22] La mappa del mondo è un modello in grafica 3D, con una versione ridotta dell'ambiente di gioco, attraverso il quale il giocatore può viaggiare a piedi, in groppa a un Chocobo, sull'aeronave o tramite altri mezzi di trasporto, esplorando villaggi, dungeon e città.[22] Durante gli spostamenti il giocatore controlla solo il leader del gruppo, dalle dimensioni sproporzionate rispetto agli altri elementi circostanti. Nelle mappe dei luoghi accessibili, i personaggi vengono proiettati in ambienti realisticamente in scala, composti da sfondi pre-renderizzati in grafica 2D che rappresentano una varietà di aree, come villaggi o foreste.[13] Inizialmente, il giocatore sarà in grado di esplorare soltanto la città di Midgar, ma con il progredire della storia ci si potrà spostare anche nel resto del mondo.[22] Tale progressione è in gran parte sviluppata attraverso una serie predefinita di eventi innescati dalle azioni del giocatore nel corso del gioco, sebbene vengano utilizzate anche numerose scene cinematografiche.[30]

Una schermata di battaglia della versione per PlayStation di Final Fantasy VII

La schermata di battaglia è una rappresentazione 3D di una determinata area, come l'interno di un edificio o una grotta, in cui il giocatore può comandare gli eroi nelle battaglie contro nemici controllati dalla CPU.[22] Mentre i personaggi sono super deformed nelle mappe, i modelli presentati durante gli scontri risultano essere più realistici.[30] Infatti, Final Fantasy VII fu il primo titolo della saga ad avere dei modelli con poligoni completamente renderizzati, piuttosto che sprite in grafica 2D. Nelle sequenze di combattimento il gioco utilizza il sistema Active Time Battle (ATB), dove bisogna prima attendere il riempimento di una barra per impartire ordini ai personaggi.[22] A differenza dei precedenti titoli della serie, che permettevano di utilizzare fino a quattro o cinque personaggi in battaglia, Final Fantasy VII ne consente soltanto tre.[31]

Il sistema di crescita dei personaggi di Final Fantasy VII è costruito attorno l'uso di Materia, sfere magiche composte da Mako condensato (l'energia vitale del pianeta), che vengono inserite in appositi slot di armi e armature, permettendo così ai giocatori di personalizzare le capacità del proprio gruppo facendo utilizzare ai personaggi incantesimi, invocazioni e determinate abilità speciali. Tuttavia, la maggior parte delle Materia a base di magia diminuisce anche gli attributi fisici. In più, certi tipi di sfere magiche possono essere combinate in vari modi per migliorare i loro effetti o crearne di nuovi.[22] Anche in questo titolo è possibile utilizzare le celebre invocazioni, equipaggiabili sotto forma di Materia, e ognuna di esse presenta una sequenza d'attacco animata particolarmente elaborata.[22] Una versione modificata degli "Attacchi della Disperazione" di Final Fantasy VI appare in Final Fantasy VII con il nome di "Limit Break": ogni personaggio giocabile è dotato di una barra che si riempie gradualmente ogni volta che subisce dei danni da parte di un avversario. Una volta riempita del tutto, il personaggio è in grado di scatenare il proprio "Limit Break", un temibile attacco speciale che infligge generalmente molti più danni rispetto alle tecniche normali, o che aiuta il gruppo in battaglia.[30] A differenza della Materia, ogni personaggio dispone di una propria serie di "Limit Break", suddivise in quattro livelli di forza, eccezion fatta per Cait Sith, il quale ne acquisisce soltanto due.[32]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Yoshinori Kitase si occupò di scrivere la sceneggiatura finale del gioco.[6]

Lo sviluppo di Final Fantasy VII ebbe inizio nel 1994, subito dopo la pubblicazione del sesto capitolo, ed era stato originariamente progettato per Super Nintendo Entertainment System[33], ma successivamente indirizzato per Nintendo 64. Tuttavia, poiché le cartucce della console disponevano di un limitato spazio di immagazzinamento dati, Square decise infine di pubblicare il gioco per PlayStation.[34][30]

Il creatore della serie Hironobu Sakaguchi aveva originariamente ideato un'ambientazione a New York nel 1999 e, come tale, lo script originale di Final Fantasy VII, che è stato scritto proprio da Sakaguchi, era completamente diverso rispetto al prodotto finito. Tetsuya Nomura ha ricordato che Sakaguchi «voleva fare qualcosa simile a un giallo». La prima parte della storia, infatti, doveva ruotare attorno a un personaggio di nome "Detective Joe", il quale era alla ricerca dei personaggi principali, dopo l'esplosione della città di Midgar.[35] La sceneggiatura finale venne scritta da Kazushige Nojima e Yoshinori Kitase, basandosi sugli script di Nomura e Sakaguchi. Masato Kato entrò nel progetto solo molto più tardi, e riuscì a realizzare soltanto tre scene del gioco.[36]

La maggior parte del personale di Square era all'epoca impegnata nello sviluppo di Chrono Trigger e, di conseguenza, la creazione di Final Fantasy VII dovette essere momentaneamente interrotta, in quanto l'altro progetto era diventato molto più significativo e complesso. Infatti, alcune idee originariamente prese in considerazione per il settimo capitolo della saga vennero utilizzate in Chrono Trigger. Altre idee, come l'ambientazione a New York e il personaggio della strega Edea, rimasero inutilizzate fino a Parasite Eve e Final Fantasy VIII, rispettivamente.[37]

Lo sviluppo continuò nel 1995,[6] e richiese l'impegno di circa 120 artisti e programmatori, utilizzando i software PowerAnimator e Softimage 3D.[7] Si trattava del videogioco più costoso mai prodotto fino ad allora, con un budget di circa 45 milioni di dollari.[38] Kitase temeva che la saga sarebbe rimasta indietro se non avesse presentato ai giocatori una piena grafica 3D come si stava iniziando a vedere in altri titoli videoludici,[39] e la produzione cominciò dopo il completamento di una breve demo realizzata utilizzando personaggi e ambientazioni di Final Fantasy VI, sviluppata utilizzando la Silicon Graphics (SGI) allo scopo di dimostrare le potenzialità espressive della loro grafica 3D poligonale.[40][41][42] Quest'esperimento portò il team di sviluppo ad integrare i meccanismi mostrati nella demo nel progetto di Final Fantasy VII, a quei tempi destinato a console Nintendo 64. Tuttavia, soltanto il formato CD-ROM era in grado di soddisfare le esigenze del progetto, e il settimo capitolo della serie fu infine indirizzato verso la PlayStation.[6][7]

Design[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta dai tempi di Final Fantasy per Nintendo Entertainment System, Sakaguchi riteneva che la modalità di gioco avrebbe dovuto avere priorità sulla storia, in quanto la principale preoccupazione del team di sviluppo era proprio l'implementazione della grafica 3D.[43] Il passaggio dal 2D di Final Fantasy VI al 3D progettato dagli sviluppatori venne accompagnato da una maggiore concentrazione su una presentazione più realistica. Mentre le addizionali capacità di immagazzinamento dati e computer grafica permisero al team di sviluppo di realizzare più di 40 minuti di full motion video; quest'innovazione aumentò anche il notevole contrasto tra i diversi modelli dei personaggi durante le battaglie, l'esplorazione nella mappa del mondo e le cutscenes in 3D. Kitase descrisse il tutto come un inevitabile «compito arduo».[6][7] Il celebre character designer della serie Yoshitaka Amano era impegnato nell'apertura di mostre e laboratori artistici in Francia e a New York e ciò limitò notevolmente il suo coinvolgimento nel gioco. Di conseguenza, Tetsuya Nomura venne nominato da Sakaguchi come il sostituto di Amano, mentre quest'ultimo s'impegnò nella progettazione della mappa del mondo.[30]

Molti dei disegni di Nomura subirono vari cambiamenti nel corso dello sviluppo. Ad esempio, il design originale di Cloud doveva essere quello di un ragazzo dai capelli neri e corti, in modo da costituire una sorta di contrasto con i lunghi e fluenti capelli argentei di Sephiroth. Nomura, tuttavia, temeva che tale mascolinità sarebbe risultata impopolare tra gli appassionati della serie, e perciò decise di cambiare l'acconciatura di Cloud rendendola appuntita e luminosa. Vincent subì numerosi cambiamenti, passando dal ruolo di ricercatore a quello di un detective, di un chimico e infine di ex membro dei Turks con un tragico passato. Nomura ha inoltre indicato che lo stile di combattimento di Cid Highwind è simile a quello della classe del Dragone di Final Fantasy III e Final Fantasy V: questo perché il suo cognome è lo stesso di due precedenti Dragoni della saga, Ricard Highwind di Final Fantasy II e Kain Highwind di Final Fantasy IV.[30]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Nobuo Uematsu, il compositore del gioco

La musica di Final Fantasy VII è stata composta, arrangiata e prodotta da Nobuo Uematsu in poco meno di un anno. Invece di brani ed effetti sonori registrati, Uematsu decise di optare per l'audio sequenziato della console, utilizzando il chip sonoro interno della PlayStation e i rispettivi file MIDI.[30][44]

Uematsu affermò che la colonna sonora del gioco evoca una forte sensazione di realismo, che lo convinse ad evitare una musica «pazza ed esorbitante».[45] Final Fantasy VII fu il secondo gioco della serie, dopo Final Fantasy VI con Aria di Mezzo Carattere, ad includere un brano con voci digitalizzate: One-Winged Angel, la traccia musicale udibile durante lo scontro finale contro Sephiroth. Descritta da 1UP.com come "il contributo più riconoscibile" di Uematsu alla musica di Final Fantasy, la traccia presenta delle parti cantate da un coro che interpreta in latino alcuni passaggi dei Carmina Burana.[46]

La colonna sonora del gioco è stata pubblicata come un set di quattro dischi il 10 febbraio 1997 sotto il titolo Final Fantasy VII Original Soundtrack.[44] Final Fantasy VII Reunion Tracks, un album a disco singolo di brani selezionati dalla colonna sonora originale e tre tracce arrangiate ed eseguite da un'orchestra sinfonica, è stato pubblicato separatamente il 22 ottobre 1997.[47] Infine, a partire dal 3 dicembre 2003, è stato messo in commercio Piano Collections Final Fantasy VII, un disco che contiene alcune tracce del gioco riarrangiate per pianoforte.[48]

Distribuzione e riedizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi giorni di agosto del 1996, un disco dal titolo Square's Preview venne pubblicato in Giappone insieme al gioco Tobal No.1,[49] contenente la prima demo giocabile di Final Fantasy VII e le anteprime di altri titoli imminenti, come Bushido Blade e SaGa Frontier. La demo permetteva ai giocatori di muoversi nelle prime schermate di Midgar. Erano presenti ancora numerose differenze rispetto al gioco originale, quali Aerith come personaggio giocabile già nei primi istanti dell'avventura; inoltre la possibilità di usare le invocazioni non era ancora stata attuata.[50] Il videogioco è uscito in Giappone il 31 gennaio 1997[51] in una versione non ancora del tutto perfezionata.[13]

Sony Computer Entertainment si occupò della distribuzione del videogioco in Nord America e in Europa. L'uscita sul continente americano, datata 31 agosto 1997, fu preceduta da una massiccia campagna pubblicitaria di ben tre mesi, che consistette soprattutto nella trasmissione di brevi spot televisivi sulle reti principali, uno spot teatrale, una promozione in collaborazione con Pepsi-Cola e numerosi annunci stampati su riviste popolari, quali Rolling Stone, Details, Spin, Playboy e fumetti pubblicati da Marvel e DC Comics.[52] Furono effettuate diverse aggiunte alla modalità di gioco della versione nordamericana, come un sistema di scambio di Materia meno complesso, frecce che indicano l'uscite dagli schermi d'esplorazione, incontri casuali con mostri meno frequenti in alcune aree e una cutscene aggiuntiva.[13] Questi cambiamenti, oltre all'aggiunta di un quarto disco con contenuti speciali, vennero incorporati nell'edizione Final Fantasy VII International (ファイナルファンタジーVII インターナショナル?), pubblicata in Giappone il 2 ottobre 1997.[53] Il 18 dicembre 2012 questa versione è stata pubblicata nuovamente come parte del pacchetto Final Fantasy 25th Anniversary Ultimate Box.[54] In Europa il gioco fu pubblicato il 17 novembre 1997 e divenne il primo titolo della serie principale di Final Fantasy ad essere esportato sul continente.[55]

Nel 1998, Final Fantasy VII è stato portato su PC con sistema operativo Microsoft Windows. Questa riedizione è caratterizzata da una grafica più pulita e da una traduzione più fedele all'originale giapponese, oltre che da una modalità di gioco corretta dai suoi numerosi difetti della versione per PlayStation. Tuttavia, la versione per PC soffre a sua volta di molti altri bug e glitch, inclusi errori nella visualizzazione di alcune sequenze.[56]

Oltre alle versioni PlayStation e PC, Final Fantasy VII ha goduto anche di un'edizione per il servizio PlayStation Network, pubblicata in Giappone il 10 aprile 2009, in Nord America il 2 giugno 2009 e in Europa e Australia il 4 giugno 2009. La versione giapponese è quella International.[57] Final Fantasy VII per PlayStation Network è stato scaricato più di 100.000 volte durante le prime due settimane, diventando così il videogioco del servizio diffuso più velocemente.[58]

Il 4 luglio 2012, Square Enix annunciò che un'altra edizione del gioco per PC sarebbe stata pubblicata il 14 agosto dello stesso anno. Questa nuova versione presenta 36 nuovi trofei e numerose funzioni per facilitare la customizzazione e crescita dei personaggi. È stata pubblicata da DotEmu,[59][60] ed è disponibile esclusivamente attraverso il negozio ufficiale di Square Enix.[61] La versione per PC dell'edizione International venne messa in commercio in Giappone a partire dal 16 maggio 2013.[62] Infine, Final Fantasy VII venne pubblicato sulla piattaforma di distribuzione digitale Steam per PC Windows il 4 luglio 2013.[63]

Porting di Final Fantasy VII per iOS e PlayStation 4 sono stati annunciati rispettivamente per l'estate e per l'inverno 2015,[64][65] mentre un remake per PlayStation 4 è in via di sviluppo da parte di Square Enix.[66]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Vendite[modifica | modifica wikitesto]

Final Fantasy VII è il capitolo della serie di maggior successo commerciale, avendo venduto quasi 11 milioni di copie.[12] È inoltre uno dei videogiochi più venduti di tutti i tempi in Giappone.[67] Final Fantasy VII è quindi riconosciuto come "il gioco che vendette la PlayStation", contribuendo così alla popolarità dei giochi di ruolo anche al di fuori del Giappone e Nord America.[68][12]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza
Recensione Giudizio
GameRankings PS: 92,35%[69]
PC: 86,30%[70]
Metacritic 92/100[71]
1UP.com 10/10[72]
AllGame 5/5 stelle[73]
Electronic Gaming Monthly 9,5/10[74]
Famitsu 38/40[75]
GameFan 100/100[14]
GamePro 4,5/5[56]
GameSpot 8/10[13]
IGN 9,5/10[76]
Eurogamer 8/10[27]
PC Gamer 90%[77]
PSM 5/5 stelle[78]
RPGamer 8/10[79]

Sin dalla pubblicazione della versione originale per PlayStation, Final Fantasy VII ha ricevuto giudizi positivi da parte della critica,[69] ed è ormai considerato uno dei giochi di ruolo più importanti di tutti i tempi.[80] È stato descritto dalla rivista GameFan come «probabilmente il miglior gioco mai creato»,[14] una citazione che venne posta sul retro della copertina del gioco. GameSpot e IGN hanno lodato particolarmente la grafica rivoluzionaria, la colonna sonora e la trama.[13][76] La critica ha elogiato anche la conversione del gioco per Windows, ma criticando le sue immagini di qualità notevolemente inferiore rispetto alla versione originale, e notando anche numerosi problemi sonori e di installazione.[77][81] PC Gamer, però, affermò che, nonostante i numerosi difetti, «Final Fantasy VII è un vincitore pure su PC».[77]

Tuttavia, Final Fantasy VII è anche considerato da alcuni siti web (come GameSpy e Whatculture.com) uno dei giochi più sopravvalutati della storia videoludica, per via dei piccoli difetti spesso sottovalutati.[82][83][84] GameSpot, ad esempio, criticò l'elevata linearità del gioco,[13] mentre RPGamer notò i numerosi errori grammaticali della localizzazione nordamericana, i quali contribuirono a rendere alcune parti della trama del gioco molto più difficili da comprendere.[79] Nonostante questi giudizi, è tuttora considerato uno dei migliori giochi di ruolo in assoluto.[85]

Ricevette numerosi premi "Game of the Year" nel 1997 da parte di vari siti web e riviste. Riuscì a ottenere i riconoscimenti "Gioco d'Avventura per Console dell'Anno" e "Gioco di Ruolo per Console dell'Anno" dall' Academy of Interactive Arts & Sciences.[86] Nella classifica di Electronic Gaming Monthly dei 100 migliori giochi di tutti i tempi, raggiunse la 91° posizione.[87] In quella di IGN dei più grandi giochi di ruolo in assoluto, Final Fantasy VII arrivò all'undicesimo posto, venendo definito «un gioco pieno di ricordi indimenticabili e insostituibili».[85] Lo stesso sito nominò la morte di Aerith il miglior momento dei videogiochi.[88] La rivista Game Informer, invece, lo piazza al quindicesimo posto nella sua lista dei 200 migliori giochi di tutti i tempi,[89] e al decimo in una versione aggiornata.[90] Nella classifica di GamesRadar dei 25 migliori titoli della saga, arrivò al quinto posto,[91] e al secondo in quella di IGN.[92] GameFAQs lo nomina il miglior videogioco di tutti i tempi.[93] Leviathyn lo posiziona all'undicesimo posto nella classifica dei 50 più grandi giochi in assoluto.[94]

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Dopo anni di voci e speculazioni, l'inizio dello sviluppo di un remake ad alta definizione di Final Fantasy VII per PlayStation 4 è stato annunciato all'E3 2015.[95][96][97][66]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Final Fantasy VII Release Information su GameFAQs. URL consultato il 12 giugno 2015.
  2. ^ (EN) Final Fantasy 7 on PS4 su Eurogamer. URL consultato il 12 giugno 2015.
  3. ^ (EN) Final Fantasy VII Release Information for PC su GameFAQs. URL consultato il 12 giugno 2015.
  4. ^ (EN) Cassidee Moser, PSX 2014: Final Fantasy VII To Release on PS4 su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  5. ^ (EN) Brian Ashcraft, Square Enix Will Stream Final Fantasy VII for Smartphones in Japan su Kotaku. URL consultato il 12 giugno 2015.
  6. ^ a b c d e f g (EN) Adam Watson, In the Making: Final Fantasy VII su Arcade Sushi, 4 ottobre 2013. URL consultato il 12 giugno 2015.
  7. ^ a b c d (EN) Andrew Vestal, The History of Final Fantasy su GameSpot. URL consultato il 12 giugno 2015.
  8. ^ (EN) About Final Fantasy 6 su FantasyAnime.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  9. ^ (EN) Final Fantasy VII PC Review su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  10. ^ a b c (EN) Final Fantasy VII for PS1 Review su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  11. ^ a b (EN) Anoop Gantayat, Nomura, Kitase and Nojima discuss Final Fantasy VII's Development su Andriasang.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  12. ^ a b c Chiffres de vente, FFWorld.com. URL consultato il 12 marzo 2012.
  13. ^ a b c d e f g (EN) Greg Kasavin, Final Fantasy VII GameSpot Review su GameSpot, 29 settembre 1997. URL consultato il 12 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2007).
  14. ^ a b c (EN) Nicola Nomali, Final Fantasy VII Voice of the Planet su GameSpite. URL consultato il 12 giugno 2015.
  15. ^ (EN) IGN Top 100 Games Final Fantasy VII su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  16. ^ (EN) IGN Best Games of All Time su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  17. ^ (EN) IGN Top 100 Games 2007 su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  18. ^ (EN) Levi Buchanan, Interview with Kosei Ito su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  19. ^ (EN) Cortney Stone, Kitase Discusses Compilation of Final Fantasy VII su RPGamer. URL consultato il 12 giugno 2015.
  20. ^ (EN) David Pucik, Steampunk Gaming: Getting in the Mood su Tor.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  21. ^ (EN) Best Dieselpunk/Steampunk games for PC su Altered Gamer. URL consultato il 12 giugno 2015.
  22. ^ a b c d e f g h i j Manuale Final Fantasy VII
  23. ^ a b (EN) The Greatest Games of All Time - Lucky Seven - Final Fantasy VII su GameSpot. URL consultato il 12 giugno 2015.
  24. ^ a b (EN) Top 10 Final Fantasy VII Characters - Sephiroth is number 1 su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  25. ^ (EN) Final Fantasy VII - 1997 Developer Interviews su shmuplations.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  26. ^ (EN) GameSpot presents CGW's Final Fantasy VII Review su GameSpot. (archiviato dall'url originale il 1° ottobre 2000).
  27. ^ a b (EN) Simon Parkin, Final Fantasy 7 Review Eurogamer su Eurogamer. URL consultato il 12 giugno 2015.
  28. ^ (EN) A Retrospective on Final Fantasy VII su RPGFan. URL consultato il 12 giugno 2015.
  29. ^ (EN) The Most Popular Final Fantasy Characters of All Time su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  30. ^ a b c d e f g (EN) Rus McLaughlin, The History of Final Fantasy VII su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  31. ^ (EN) Jay Boor, Final Fantasy VII Review IGN su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  32. ^ (EN) Characters - Final Fantasy VII Wiki Guide su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  33. ^ (SV) Yoshinori Kitase Interview in Level, nº 25, Reset Media, Maggio 2008.
  34. ^ (EN) The Making of Final Fantasy VII su Next-Gen Biz. URL consultato il 12 giugno 2015.
  35. ^ (EN) FF7 Not Being Remade - Nomura su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  36. ^ (EN) Masato Kato Interview su mitsuda.cocoebiz.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  37. ^ (SV) De missanpassade in Level, 1°, Reset Media, Aprile 2006, pp. 38-46.
  38. ^ (EN) The Essential 50 Part 38: Final Fantasy VII su 1UP.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  39. ^ Electronic Gaming Monthly October 2005; issue 196, Ziff Davis, 2005, p. 104.
  40. ^ (EN) Final Fantasy SGI Demo su RPGamer. URL consultato il 12 giugno 2015.
  41. ^ (EN) Kenny Sutherland, Elusions: Final Fantasy 64 su Lost Levels. URL consultato il 12 giugno 2015.
  42. ^ (EN) Final Fantasy Siggraph '95 Sample su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  43. ^ (EN) Iwata Asks: A NES Game With The Latest Technology su Nintendo.co.uk. URL consultato il 12 giugno 2015.
  44. ^ a b (EN) Ben Schweitzer e Patrick Gann, Final Fantasy VII OST, RPGfan. URL consultato il 26 giugno 2015.
  45. ^ (EN) Nobuo Uematsu Interview su RPGamer. URL consultato il 12 giugno 2015.
  46. ^ (EN) James Mielke, A Day in the Life of Nobuo Uematsu su 1UP.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  47. ^ (EN) Patrick Gann, Final Fantasy VII Reunion Tracks, RPGfan. URL consultato il 26 giugno 2015.
  48. ^ (EN) Patrick Gann, Piano Collections Final Fantasy VII, RPGfan. URL consultato il 26 giugno 2015.
  49. ^ (EN) TobalNO1 Image su PhotoBucket. URL consultato il 12 giugno 2015.
  50. ^ (EN) The Legacy of Final Fantasy VII su Retro Junk Article. URL consultato il 12 giugno 2015.
  51. ^ (JA) ファイナルファンタジーVII, Square Enix. URL consultato il 27 giugno 2015.
  52. ^ (EN) PlayStation's Final Fantasy VII Marketing Blitz Continues su thefreelibrary.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  53. ^ (JA) ファイナルファンタジーVII インターナショナル, Square Enix. URL consultato il 27 giugno 2015.
  54. ^ (EN) Celebrate 25 Years of Final Fantasy With One Box, Wired. URL consultato il 27 giugno 2015.
  55. ^ (EN) Final Fantasy VII, Square Enix. URL consultato il 27 giugno 2015.
  56. ^ a b (EN) Peter Olafson, GamePro Review Final Fantasy VII for PC su GamePro, 24 novembre 2000. URL consultato il 28 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2008).
  57. ^ (JA) Final Fantasy VII International on PSN su PlayStation JP. URL consultato il 12 giugno 2015.
  58. ^ (EN) Final Fantasy VII is the fastest-selling PSN game of all time su GamePro. URL consultato il 28 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2009).
  59. ^ (EN) DotEmu - FF7 Remasterization su Facebook. URL consultato il 12 giugno 2015.
  60. ^ (EN) DotEmu & Square Enix teamed su Twitter. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  61. ^ (EN) Final Fantasy VII PC Re-Release 2012 su TruePCGaming. URL consultato il 12 giugno 2015.
  62. ^ (JA) ファイナルファンタジーVII インターナショナル for PC, Square Enix. URL consultato il 28 giugno 2015.
  63. ^ 30% di sconto per Final Fantasy VII, solo su Steam su Steam. URL consultato il 12 giugno 2015.
  64. ^ (JA) Final Fantasy VII International for PS4/iOS, Square Enix. URL consultato il 28 giugno 2015.
  65. ^ (EN) Michael McWhertor, Final Fantasy 7 coming to iOS, PC to PS4 port delayed, Polygon, 16 giugno 2015. URL consultato il 28 giugno 2015.
  66. ^ a b (EN) Luke Karmali, E3 2015: The Final Fantasy 7 Remake is Finally Happening su IGN. URL consultato il 16 giugno 2015.
  67. ^ (EN) The top 50 best-selling games of all time in Japan su Nintendo Everything. URL consultato il 12 giugno 2015.
  68. ^ (EN) Andrew Webster, Masterpiece: Final Fantasy VII su ArsTechnica. URL consultato il 12 giugno 2015.
  69. ^ a b (EN) Final Fantasy VII for PlayStation Reviews su GameRankings. URL consultato il 12 giugno 2015.
  70. ^ (EN) Final Fantasy VII for PC Reviews su GameRankings. URL consultato il 12 giugno 2015.
  71. ^ (EN) Final Fantasy VII for PlayStation Reviews - Metacritic su Metacritic. URL consultato il 12 giugno 2015.
  72. ^ (EN) Final Fantasy VII for PlayStation 1UP.com review su 1UP.com. URL consultato il 12 giugno 2015.
  73. ^ (EN) Final Fantasy VII Overview Greatest Hits su AllGame. (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2010).
  74. ^ (EN) Video Game Buyer's Guide in Electronic Gaming Monthly, 1998, p. 72.
  75. ^ (EN) Final Fantasy Famitsu Scores Archive su Famitsu. (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2008).
  76. ^ a b (EN) Jay Boor, Final Fantasy VII PSX Review su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  77. ^ a b c (EN) Final Fantasy 7 for PC Review su PC Gamer. (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2000).
  78. ^ (EN) Final Fantasy VII Review PSX in PlayStation: The Official Magazine, 1997, p. 18.
  79. ^ a b (EN) Castomel, Final Fantasy VII - RPG Review su RPGamer. URL consultato il 12 giugno 2015.
  80. ^ (EN) The 50 most important games of all time su GamesRadar. URL consultato il 12 giugno 2015.
  81. ^ (EN) Final Fantasy VII Next Generation Review su Next Generation Magazine Online. (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 1998).
  82. ^ (EN) 10 Most Overrated Video Games of All Time su What Culture, p. 5. URL consultato il 12 giugno 2015.
  83. ^ (EN) 25 Most Overrated Games su GameSpy.com. (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2009).
  84. ^ (EN) Levi Buchanan, Is Final Fantasy VII Overrated? su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  85. ^ a b (EN) Top 100 RPGs of All Time su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  86. ^ (EN) 1998 1st Annual Interactive Achievement Awards su Interactive.org. URL consultato il 12 giugno 2015.
  87. ^ (EN) Top 100 Games Ever EGM su Gamers.com. (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2003).
  88. ^ (EN) Top 100 Video Game Moments of All Time su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  89. ^ (EN) Game Informer's top 200 games of all time su Nintendo Everything. URL consultato il 12 giugno 2015.
  90. ^ (EN) Game Informer's top 100 games ever su Game Informer. URL consultato il 12 giugno 2015.
  91. ^ (EN) Top 25 best final fantasy games su GamesRadar. URL consultato il 12 giugno 2015.
  92. ^ (EN) Top 10 Final Fantasy Games su IGN. URL consultato il 12 giugno 2015.
  93. ^ (EN) Fall 2005: Best Games Ever su GameFAQs. URL consultato il 12 giugno 2015.
  94. ^ (EN) Top 50 games of all time su Leviathyn. URL consultato il 12 giugno 2015.
  95. ^ E3 2015 - Final Fantasy VII Remake PS4 su Multiplayer.it. URL consultato il 16 giugno 2015.
  96. ^ (EN) Final Fantasy 7 PS4 Remake First Look Gallery su GameSpot. URL consultato il 16 giugno 2015.
  97. ^ (EN) Peter Brown, Final Fantasy 7 PS4 Remake Announced by Sony at E3 2015 su GameSpot. URL consultato il 16 giugno 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Final Fantasy VII North American Instruction Manual, Sony Computer Entertainment, 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]