Michelotto Corella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michelotto Corella
Michelotto Corella uccide Alfonso d'Aragona.jpg
Michelotto uccide nel 1500 Alfonso d'Aragona, marito di Lucrezia Borgia
NascitaValencia, 1470
MorteMilano, febbraio 1508
Cause della morteassassinato
EtniaAragonese
ReligioneCattolicesimo
Dati militari
Paese servito
Forza armataEsercito dello Stato della Chiesa
Anni di servizio1498 - 1503
GradoComandante
BattaglieAssedio di Forlì

Assedi di: Camerino, Imola, Faenza, Urbino, Rimini, Piombino, Ceri
Sacco di Capua
Battaglia di Calmazzo

DecorazioniSignore di Montegridolfo (1501-1503)
voci di militari presenti su Wikipedia

Michelotto Corella anche detto Michelotto Coreglia, Michele di Corella, Micheletto da Valenza, in spagnolo Miguel de Corella (Valencia, 1470Milano, febbraio 1508) è stato un condottiero e assassino spagnolo, nonché famoso prezzolato e luogotenente di Cesare Borgia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Borgia (stampa)
Probabili ritratti di Michelotto (al centro), di Cesare Borgia (a sinistra), del cardinale Bandinello Sauli e di Niccolò Machiavelli, in un dipinto di Sebastiano del Piombo

Figlio naturale del conte aragonese Giovanni di Corella, è passato alla storia come il "boia del Valentino" che conobbe durante i suoi studi all'Università di Pisa. Con il tempo svilupperà per lui una devozione illimitata. Il numero di omicidi commessi da Michelotto sotto gli ordini di Cesare Borgia non è conosciuto con esattezza, ma certamente, fatta esclusione per quelli attribuitigli a causa della sua fama di sicario (come quello di Astorre III Manfredi, signore di Faenza, e del fratello Giovanni Evangelista avvenuto nel 1502), molti se ne possono attribuire direttamente alla sua mano. Il primo delitto di cui si ha notizia è quello del duca di Bisceglie Alfonso d'Aragona, figlio illegittimo di Alfonso II di Napoli e secondo marito di Lucrezia Borgia (sorella di Cesare), che probabilmente era divenuto d'intralcio alla politica matrimoniale di papa Alessandro VI.[1]

Corella seguì Borgia nella campagna di conquista della Romagna, partecipando alla presa di diverse città, tra cui Faenza e Piombino, in quanto suo facente funzione generale: agli assedi era presente anche, dal 1499 al 1501, il ravennate Guidarello Guidarelli. Prese parte allo scontro di Fossombrone contro la "Lega dei condottieri", dopo la defezione dei capitani del Valentino (congiura della Magione), e all'occupazione di Camerino (qui "scannò" Giulio Cesare da Varano, signore della città e in seguito suo figlio Venanzio) e Urbino. Cesare, costituito uno "Stato" autonomo, desiderava Cesena come "capitale" e per brevi periodi soggiornò con l'inseparabile Michelotto nella rocca malatestiana.[2][3]

Celebre rimane l'assassinio di Vitellozzo Vitelli e Oliverotto da Fermo, ex alleati di Borgia, che strangolò simultaneamente con una corda di violone[4] a Senigallia il 31 dicembre 1502 (strage di Senigallia).[3] Lo stesso farà con Paolo e Francesco Orsini il 18 gennaio successivo, strangolando il primo e annegando il secondo. Per i suoi meriti, ottenne dal Valentino la signoria di Montegridolfo (1501-1503, nel ducato di Romagna) e il padre di questi Alessandro VI gli affidò la cura dell'ufficio della Corte Savella[3].

In seguito alla morte del pontefice, all'arresto di Cesare e alla sua cattura nel 1503 presso Castiglion Fiorentino, nella vana attesa di ottenere il passaggio dalla Repubblica fiorentina, Corella fu imprigionato prima a Firenze, poi a Roma dove, per volontà del nuovo papa Giulio II, verrà sottoposto a diversi interrogatori e a un processo per i numerosi crimini commessi. Si rifiuterà comunque di rivelare i tanti segreti relativi ai Borgia di cui era a conoscenza e riuscirà a fuggire da Roma.[5]

In suo favore si mosse Niccolò Machiavelli il quale brigò per fargli ottenere un incarico a Firenze, riuscendo a farlo assumere il 1º aprile 1506 con l'approvazione del Consiglio degli Ottanta (contrario in un primo momento Pier Soderini).[3] Venne rilasciato nel 1506 e ottenne la nomina di bargello. Ricoprirà questa carica per due anni, fino al 1507, quando fu nominato "capitano di guardia del contado e distretto di Firenze", dovendo reggere alle sue dipendenze un corpo di polizia composto da 30 balestrieri a cavallo e 50 provisionati.[3] Fu però licenziato da questa funzione già in ottobre, a causa di dissapori con la Repubblica fiorentina.

Fu assassinato a Milano nel febbraio 1508 mentre usciva dalla casa del cardinale Georges I d'Amboise (già sostenitore del Valentino) per mano di alcuni suoi compatrioti; il movente non era stato la rapina poiché la borsa e la preziosa spada di Michelotto erano al loro posto, il mandante dell'ipotizzato delitto non venne mai identificato.[6]Il corpo fu interrato in una fossa comune del cimitero degli stranieri fuori le mura di Milano.[7]

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

La vita di Corella, avvolta nell'ombra e segnata dalla violenza e dall'intrigo, ha ispirato molti soggetti televisivi, videoludici e letterari, direttamente ispirati alla sua figura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Soprani
  2. ^ Venanzio da Varano.
  3. ^ a b c d e Miguel Corella - Dizionario Biografico (1983)
  4. ^ Corella
  5. ^ Fusero
  6. ^ Il suo assassinio viene riferito anche nella cronaca milanese (1476-1515) di maestro Ambrogio da Paullo (edizione 1871, p. 122)
  7. ^ Soprani, p. 272

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti antiche
  • Niccolò Machiavelli, Descrizione del modo tenuto dal Duca Valentino nello ammazzare Vitellozzo Vitelli, Oliverotto da Fermo, il Signor Pagolo e il duca di Gravina Orsini, 1503.
  • Francesco Guicciardini, Storie fiorentine, 1509.
Fonti moderne
  • Michelotto Corella, Moi et les Borgia, Éditions Robert Laffont, Paris, 1978
  • Alexandre Dumas, I Borgia, Palermo, Sellerio 2004, ISBN 88-389-1979-8
  • Carlo Dionisotti, Machiavelli, Cesare Borgia e don Micheletto, in Machiavellerie. Storia e fortuna di Machiavelli, Torino, Einaudi 1980, ISBN 88-0650-005-8
  • Clemente Fusero, I Borgia, Milano, Dall'Oglio 1966, ISBN 88-7718-321-7
  • Manuel Vázquez Montalbán, O Cesare o nulla, Milano, Frassinelli 2002, ISBN 88-7684-537-2
  • Gigi Monello, Il Principe e il suo sicario. Come Cesare Borgia tolse dal mondo Astorre Manfredi. Con note sparse sopra la mente di un tiranno, Cagliari, Scepsi & Mattana, 2014.
  • Federica Soprani, Corella. L'ombra del Borgia, Mondoscrittura, Ciampino, 2013

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Condottieri di Ventura, su condottieridiventura.it. URL consultato il 7 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2012).
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie