Michele I di Romania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Michele di Romania)
Jump to navigation Jump to search
Michele I
King Michael I of Romania by Emanuel Stoica.jpg
Michele I di Romania (2007)
Re di Romania
Stemma
In carica 20 luglio 1927 -
8 giugno 1930
Predecessore Ferdinando I
Successore Carlo II
Re di Romania
In carica 6 settembre 1940 -
30 dicembre 1947
Incoronazione 6 settembre 1940
Predecessore Carlo II
Successore Monarchia abolita
Nascita Sinaia, 25 ottobre 1921
Morte Aubonne, 5 dicembre 2017 (96 anni)
Luogo di sepoltura Cattedrale di Curtea de Argeș, Romania
Casa reale Hohenzollern-Sigmaringen
Padre Carlo II di Romania
Madre Elena di Grecia
Consorte Anna di Borbone-Parma
Figli Margherita
Elena
Irina
Sofia
Maria
Firma Michael of Romania Signature.svg

Michele I di Romania, nato Michele di Hohenzollern-Sigmaringen[1][2][3] (Sinaia, 25 ottobre 1921Aubonne, 5 dicembre 2017[4]), regnò come re di Romania (in rumeno: Maiestatea Sa Mihai I Regele Românilor o Majestatea Sa Mihai I Regele Românilor) dal 20 luglio 1927 all'8 giugno 1930 e ancora dal 6 settembre 1940 fino alla sua deposizione da parte dei comunisti il 30 dicembre 1947

Poco dopo la nascita di Michele, suo padre, il Principe Carlo, fu coinvolto in una relazione controversa con Magda Lupescu. Nel 1925, Carlo fu infine costretto a rinunciare ai suoi diritti sul trono e si trasferì a Parigi in esilio con Lupescu. Nel 1927, Michele salì al trono come Mihai I, in seguito alla morte di suo nonno, Ferdinando I. Poiché era ancora minorenne, fu istituito un consiglio di reggenza che comprendeva suo zio, il Principe Nicola; il Patriarca Miron Cristea; e il presidente della Corte Suprema, Gheorghe Buzdugan. Il consiglio si rivelò inefficace e nel 1930 Carlo tornò in Romania e sostituì suo figlio come re, regnando come Carlo II. Di conseguenza, Michele tornò ad essere l'erede al trono e ricevette il titolo aggiuntivo di Grand Voievod di Alba-Iulia.

Carlo II fu deposto nel 1940 e Michele divenne di nuovo re. Sotto il governo guidato dal dittatore militare Ion Antonescu, la Romania si allineò con la Germania nazista. Nel 1944, Michele partecipò a un colpo di stato contro Antonescu, nominò Constantin Sănătescu come suo sostituto, e successivamente dichiarò un'alleanza con gli Alleati. Nel marzo 1945, le pressioni politiche costrinsero Michele a nominare un governo filo-sovietico guidato da Petru Groza. Dall'agosto 1945 al gennaio 1946, Michele intraprese uno "sciopero reale" e tentò senza successo di opporsi al governo controllato dal Comunista di Groza, rifiutando di firmare e approvare i suoi decreti. A novembre del 1947, Michele si recò nel Regno Unito per partecipare al matrimonio dei suoi cugini, la futura regina Elisabetta II del Regno Unito e il principe Filippo di Grecia a Londra. Poco dopo, la mattina del 30 dicembre 1947, Groza richiese un incontro con Michele, che fu costretto a firmare un atto di abdicazione. Michele fu costretto all'esilio, le sue proprietà confiscate e fu privato della cittadinanza romena. Sposò la Principessa Anna di Borbone-Parma nel 1948 con la quale ebbe cinque figlie e infine si stabilì in Svizzera.

La dittatura comunista di Nicolae Ceauşescu fu rovesciata nel 1989 e l'anno seguente Michele tentò di tornare in Romania, solo per essere arrestato e costretto a partire. Nel 1992, a Michele fu permesso di visitare la Romania per Pasqua. Fu accolto da una folla enorme; un discorso che ha pronunciato dalla sua finestra di un hotel attirò circa un milione di persone a Bucarest. Allarmato dalla popolarità di Michele, il governo rifiutò di permettergli ulteriori visite. Nel 1997, dopo la sconfitta di Iliescu da parte di Emil Constantinescu nelle elezioni presidenziali dell'anno precedente, la cittadinanza di Michele fu ripristinata e gli fu permesso di visitare nuovamente la Romania. Diverse proprietà confiscate sono state infine restituite alla sua famiglia.

In occasione dei 90 anni di età, il 25 ottobre 2011, Michele ha tenuto un discorso davanti alle camere riunite del parlamento rumeno. A marzo 2016 ha fatto sapere di essere affetto da tumore della pelle (che si era aggiunto a una leucemia cronica) e annunciato il suo ritiro dalla vita pubblica[5].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Michele di Romania nel 1927, all'età di sei anni.

Michele nacque al castello Foișor a Sinaia (Romania), figlio dell'allora principe della corona Carlo e della principessa Elena di Grecia, figlia del re Costantino I di Grecia e nipote dell'allora re di Romania Ferdinando I. Quando Carlo scappò con l'amante Magda Lupescu e rinunciò ai suoi diritti al trono nel dicembre 1925, Michele divenne erede al trono, su cui si sedette alla morte di Ferdinando nel luglio 1927, a quasi sei anni.

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni trenta e l'era di Antonescu[modifica | modifica wikitesto]

Michele I e Ion Antonescu nel 1941.

Al momento di salire al trono, Michele aveva poco meno di sei anni. Tra il 1927 e il 1930 vi fu una reggenza (Regenţei): a condurla furono il principe Nicola (fratello minore di Carlo II), il patriarca Miron Cristea, la madre Elena e Gheorghe Buzdugan, presidente della Alta corte di giustizia (Înalta Curte de Casație și Justiție), morto nel 1929 e sostituito da Constantin Sărățeanu.[6]

Nel 1930, nel contesto della crisi economica, Carlo II fu richiamato in patria dalla classe politica rumena, insoddisfatta della reggenza, e proclamato re dal Parlamento. Michele fu designato principe ereditario e successore di Carlo II, con il titolo di gran voivoda di Alba Iulia.

Nel novembre del 1939, Michele, avendo raggiunto i diciotto anni, ottenne un seggio al Senato della Romania, secondo quanto previsto dalla Costituzione della Romania del 1938.

Nel settembre del 1940, il regime filo-tedesco e anti-bolscevico del primo ministro Ion Antonescu preparò un colpo di Stato ai danni di Carlo II. Antonescu sospese la Costituzione, sciolse il Parlamento e mise Michele sul trono, con il favore del popolo. La Costituzione venne ripristinata nel 1944 e il Parlamento riprese i lavori nel 1946, ma Michele non giurò neppure in seguito sulla Costituzione, né il Parlamento approvò retroattivamente la sua incoronazione. Michele cinse la Corona d'acciaio che era stata di Carlo I e fu unto dal patriarca della Chiesa ortodossa rumena Nicodim Munteanu nella cattedrale patriarcale di Bucarest, il 6 settembre 1940. In effetti, fino all'agosto del 1944, Michele fu solo una marionetta nelle mani di Antonescu.

La svolta contro la Germania nazista[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 agosto 1944 Michele si unì ai politici filo-alleati che includevano i comunisti nell'attuare un colpo di Stato contro Antonescu, che fu arrestato. Nella stessa notte, il nuovo primo ministro, il generale Constantin Sănătescu, affidò la custodia di Antonescu ai comunisti, che lo consegnarono ai sovietici il 1º settembre.[7][8] In una trasmissione radio alla nazione e all'esercito, Michele proclamò la lealtà della Romania agli Alleati, annunciando l'accettazione dell'armistizio offerto dall'URSS, dalla Gran Bretagna e dagli USA, e dichiarò guerra alla Germania[9], ma questo non evitò una rapida invasione da parte dell'Unione Sovietica e la cattura di circa 130.000 soldati rumeni trasportati in Russia, nei campi di prigionia[10]. Il colpo di Stato accelerò l'avanzata dell'Armata Rossa all'interno della Romania[10].

L'armistizio fu firmato tre settimane dopo, il 12 settembre 1944, alle condizioni imposte dai sovietici[10]: il colpo di Stato ebbe quindi l'effetto di una capitolazione[11], una resa incondizionata[12] ai sovietici. Al re Michele fu risparmiato il destino di un altro alleato dei tedeschi, il principe Kyril di Bulgaria, giustiziato dai sovietici nel 1945, e fu anche l'ultimo sovrano oltre la Cortina di ferro a perdere il trono. Secondo alcuni, il colpo di Stato potrebbe aver accorciato la Seconda guerra mondiale di circa sei mesi, salvando centinaia di migliaia di vite. Alla fine della guerra, a Michele fu assegnato il più alto grado (comandante in capo) della legione di merito da parte del Presidente degli Stati Uniti Harry S. Truman. Fu anche decorato con l'ordine della Vittoria sovietico da Stalin per il coraggio personale nel rovesciare Antonescu, e per aver posto fine alla guerra della Romania contro gli Alleati.

Secondo alcuni[13] il colpo di Stato permise alle truppe di Stalin di avanzare più rapidamente[10] in Romania e in Europa, a scapito degli Alleati occidentali. Altri[14] vedono nella mancata convocazione di Michele alle celebrazioni in onore del Giorno della vittoria un segno di tacita condanna da parte degli Alleati per le conseguenze del colpo di Stato. Michele non fu invitato alle celebrazioni del 60º anniversario della fine della guerra dagli Alleati occidentali, ma solo dai russi e ad alcune commemorazioni in Repubblica Ceca e in Slovacchia[15].

Il regno sotto il comunismo[modifica | modifica wikitesto]

Michele I nel 1947.

Nel marzo 1945 la pressione politica obbligò Michele a nominare un governo filosovietico dominato dal Partito Comunista Rumeno. Con il regime comunista Michele funse prettamente da simbolo; dall'agosto 1945 al gennaio 1946 cercò inutilmente di opporsi al governo comunista diretto dal primo ministro Petru Groza, rifiutando di firmare i suoi decreti. In risposta a quelle sovietiche, le pressioni inglesi e americane[16], re Michele infine rinunciò alla sua opposizione e smise di chiedere le sue dimissioni.

Il re non graziò Ion Antonescu, in seguito condannato come criminale di guerra[17][18][19] o i leader dell'opposizione, vittime dei processi politici comunisti, poiché la Costituzione glielo impediva senza la controfirma del ministro della giustizia, che era un esponente comunista.

Nel corso del 1947 i comunisti imposero la "dittatura del proletariato" e costrinsero Michele ad abdicare il 30 dicembre dello stesso anno.

L'esilio[modifica | modifica wikitesto]

L'atto di abdicazione.

Dopo aver subito una perquisizione personale assieme alla regina madre, gli fu permesso di espatriare e si recò dapprima in Inghilterra, dove aveva conosciuto la principessa Anna di Borbone Parma, che poi sposerà. Si ritirò quindi in esilio in Svizzera, a Losanna, dove lavorò per un'industria locale, in difficili condizioni finanziarie, assieme alla moglie ed alle numerose figlie. Non ha avuto eredi maschi.

Il ritorno e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo la caduta di Ceaușescu cercò due volte di rientrare in patria, ma fu riaccompagnato alla frontiera. Infine raggiunse un accordo con il governo democratico sopravvenuto, e rientrò definitivamente in Romania accolto da più di un milione di persone. Visse in uno dei palazzi di Bucarest (Palazzo di Elisabetta), concesso in uso vita natural durante. Ricoprì anche incarichi istituzionali e gli venne riconosciuto ufficialmente il titolo di Re.

Ha rappresentato la Romania ai funerali del papa Giovanni Paolo II.

Dopo aver designato la figlia primogenita Margherita quale erede dinastica ed averle lasciato la reggenza il 2 marzo 2016[20][21], ritirandosi a vita privata, gli venne diagnosticata una leucemia cronica e un carcinoma epidermoide metastatico, che lo costrinse ad affrontare un trattamento complesso e lungo[22]. Non riuscendo nelle cure, morì a 96 anni nella sua residenza privata ad Aubonne, in Svizzera, il 5 dicembre del 2017[23] verso le ore 13:00, assistito dalla figlia minore Maria.

Il giorno stesso della sua morte, la figlia Margherita, come nuovo capo della Casa Reale di Romania, ha comunicato il seguente proclama alla nazione[24][25][26]:

« Rumeni,

Il nostro paese ha perso Re Michele I. Per nove decadi, lui ha dedicato alla Romania tutte le forze che Dio gli ha conferito. E solo la morte ha potuto mettere fine alla sua stanchezza ed al suo paziente lavoro.

Noi abbiamo sofferto un'immensa perdita. Una perdita personale come una perdita per l'intera Nazione. Noi piangiamo insieme, consci di essere uniti nella nostra sofferenza. Pregando Dio di donarci la sua forza, in questo terribile momento.

Un esempio di incrollabile devozione nei confronti del suo popolo, con un alto senso del dovere e forti principi, lui ha scritto la più preziosa pagina della storia contemporanea della nostra nazione.

La sua gentilezza e compassione hanno sconfitto tutto il male del secolo passato, e la sua saggezza ha assicurato costanza alla nostra identità, in tempi di seria deviazione dal naturale percorso del nostro Stato e Nazione. il Re è stato parte del tessuto del nostro popolo e noi tutti dobbiamo essere veramente fieri di lui.

Col suo lavoro, Re Michele si è fatto continuatore del legame che lega la Famiglia Reale con la Nazione Rumena. Per il nostro domani, lui ci ha donato il suo oggi.

Una nuova epoca inizia per la mia Famiglia e per la Casa Reale di Romania. Ispirata dagli stessi sentimenti di mio padre, io continuerò il suo lavoro, per l'adempimento della nostra missione nei confronti del Popolo di Romania.

Così Dio ci aiuti! »

La Casa Reale ha proclamato 3 mesi di lutto e 40 giorni di lutto pesante[27][28], il Presidente della Repubblica Klaus Iohannis tre giorni di lutto nazionale[29].

Il 13 dicembre, alle ore 11:00, le spoglie del sovrano sono arrivate all'aeroporto di Bucarest-Henri Coandă, sito nella capitale rumena, Bucarest, da cui la salma è stata trasportata in in carro funebre presso il Castello di Peleș, a Sinaia, per poi venir traslata alle 18:00 ed essere esposta per due giorni dalle 20:30 nella sala del trono del Palazzo Reale di Bucarest[27][28]. Il 16 dicembre, alle 10:30, si è tenuta quindi una breve funzione religiosa nella sala del trono e poi, alle 10:55, una cerimonia religiosa e militare nella piazza sottostante, dove è stato allestito un catafalco[27][28]. Alle 11:15 la bara è stata posta all'interno del carro funebre che dalle 11:25 l’ha portata in corteo presso la piazza del palazzo reale, per poi passare dal viale della Vittoria, piazza Unirii e terminare nella Cattedrale dei Santi Costantino ed Elena, dove la processione è terminata alle 12:15 e poi dalle 12:50 alle 14:00 si è svolta la solenne messa funebre del sovrano[27][28]. Dalle 14:00 alle 20:00 un nuovo corteo funebre è passato da piazza Unirii, piazza dell'Università, piazza Romana, piazza Charles de Gaulle, l'Arco Trionfale per poi passare da Chitila, Titu, Găeşti, Topoloveni, Piteşti e terminare a Curtea de Argeş, dove il sovrano, come da tradizione, è stato sepolto presso la Nuova Cattedrale Reale ed Episcopale[27][28], al fianco della consorte Anna[30].

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Michele I e Anna di Borbone-Parma (1948)
Michele I con sua figlia, la principessa Sofia

Michele I sposò Anna di Borbone-Parma (1923-2016). Tra i due vi furono due cerimonie religiose, una ortodossa che seguiva la fede del marito svoltasi ad Atene il 10 giugno 1948, e una cattolica che seguiva quella della moglie il 9 novembre 1966 a Monaco.

Da questa relazione nacquero le seguenti eredi:

  • Principessa Margherita (n. 1949); sposò (1996) Radu Duda (n. 1960), attore rumeno;
  • Principessa Elena (n. 1950); sposò in prime nozze (1983, div. 1991) Robin Medforth-Mills (1942-2002) dal quale ha avuto due figli; sposò in seconde nozze (1998) Alexander McAteer (n. 1964);
  • Principessa Irina (n. 1953); sposò in prime nozze (1983, div. 2003) John Kreuger (n. 1945) dal quale ha avuto due figli; sposò in seconde nozze (2007) John Wesley Walker (n. 1945), poliziotto americano di Oregon;
  • Principessa Sofia (n. 1957); sposò (1998, div. 2002) Alain Michel Biarneix (n. 1957) dal quale ha avuto una figlia;
  • Principessa Maria (n. 1964); sposò (1995, div. 2003) Kazimierz Wiesław Mystkowski (n. 1958).[31]

Posizioni politiche[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista con il giornalista Vartan Arachelian nell'aprile 1990, come in altre occasioni, il re ha detto esplicitamente che a causa della violazione della Costituzione e le condizioni di forza (occupazione militare, estorsione con ostaggi, minacciando con la pistola), in cui firma l'atto di abdicazione, il 30 dicembre 1947, considera questo atto giuridico come nullo e non valido.[32]

A proposito di come si possa restituire il trono e l'idea di un referendum, il re ha mostrato che la nazione romena dovrebbe avere completa libertà di scegliere la forma di governo, ma che questa decisione debba essere fatta dopo l'informazione popolare equa e completa. In un'intervista rilasciata allo scrittore Mircea Ciobanu, che è stata pubblicata nel volume di riferimento "Conversazioni con Mihai I di Romania", re Mihai afferma:

« Gli attacchi contro la monarchia e contro di me dimostrano che gli attuali leader del paese non sono sicuri della loro posizione. Sanno meglio di tutti che la repubblica è stata instaurata senza consultare l'opinione della gente. Ora si consulteranno, ma per convincerla a legittimare la vecchia frode. [...] Quando i re dei Paesi Bassi o della Norvegia lasciarono il loro paese a causa dei tedeschi, consultarono le persone quando tornarono nel paese? Cosa chiesero loro? Se nel frattempo si erano abituati al dominio di Hitler? Ai rumeni dovrebbe essere chiesto in questi termini: VUOI TU rimanere con una forma di governo che i russi ti hanno dato nel 1947? »

Mihai non incoraggiò lo sviluppo del movimento monarchico in Romania, e i partiti monarchici ebbero un impatto troppo debole sul paese post-comunista. Riteneva che una restaurazione della monarchia in Romania potesse avvenire solo come risultato del desiderio del popolo rumeno. "Se la gente vuole tornare indietro, tornerò", ha detto nel 1990. Ma ha continuato: "I rumeni hanno sofferto abbastanza da imporre e avere il diritto di essere consultati sul loro futuro". Si dice che i monarchi rumeni abbiano offerto[33][34] il trono del principe ASR della Romania Principe Carlo del Galles, ma che avrebbe rifiutato. L'offerta potrebbe essere interpretata come risultato della disillusione monarchica romena sia l'erede del re, la principessa Margherita e al marito, dal momento che Michele non ha perso la speranza per lui e la sua famiglia di tornare sul trono: tuttavia, cerca di far capire alla gente che cosa fosse la monarchia loro, cosa potrebbe eventualmente fare. Secondo un sondaggio condotto nel 2007 alla Royal House, solo il 14% dei rumeni sarebbe d'accordo nel reintegrare la monarchia. Un sondaggio del 2008 stima la percentuale di rumeni a favore della monarchia al 16%.[35] Sorprendentemente, un altro sondaggio online nel 2011 stima che 4/5 degli utenti di Internet accetterebbero un possibile ritorno alla forma di governo monarchica.

Mihai ha effettuato visite quasi diplomatiche a nome della Romania post-comunista. Nel 1997, ha visitato un tour dell'Europa occidentale, facendo pressioni per aver ammesso la Romania nella NATO e nell'Unione europea, ricevendo i capi di stato e di governo.[36]

Nel dicembre 2003, a nome di un piccolo tabloid, Mihai ha consegnato il premio Man of the Year al primo ministro Adrian Năstase, leader del partito PSD. Alcuni monarchici considerano il gesto[37] di Michele come una violazione della tradizione di neutralità politica della monarchia e come un compromesso con i suoi i suoi nemici ex-comunisti per ragioni finanziarie, mentre la maggior parte dei commentatori politici hanno considerato il gesto come una nuova abdicazione.

Personalità e interessi personali[modifica | modifica wikitesto]

Mihai ha sempre avuto una reputazione di un taciturno. Una volta disse a sua nonna: "Ho imparato a non dire quello che provo e a sorridere a quelli che odio di più". [Citazione necessaria]

All'età di 16 anni, Michele, allora principe ereditario, ha ferito una persona in auto secondo i Registri della Censura,, un incidente apparentemente censurato dalla stampa.[38]

Re Michele era appassionato di macchine,[39] in particolare jeep militari.[40][41] Mihai era anche appassionato di aeroplani,[42] lavorando come pilota di corse commerciali[43] in esilio. Michele era interessato alla genealogia regale e aristocratica offrendo il suo patronato onorifico[44] nel 1998, insieme al re Juan Carlos I di Spagna, ri-pubblica la famosa Almanah a Gotha.

Il 10 maggio 2007, Re Michele ha ricevuto il Premio Hanno R. Ellenbogen, una distinzione assegnata annualmente dalla Società di Praga a una figura pubblica che ha contribuito alla comprensione e alla cooperazione internazionale.[45] I precedenti vincitori del premio sono Vaclav Havel, ex presidente della Cecoslovacchia (1990-1992) e Repubblica Ceca (1992-2003), Lord Robertson, ex Segretario generale della NATO (1999-2004), Madeleine Albright, ex Segretario di Stato (1997-2001), il maestro Vladimir Ashkenazy e il regista Miloš Forman. Dal 2007, re Mihai è membro onorario dell'Accademia rumena.[46][47][48]

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Michele I di Romania Padre:
Carlo II di Romania
Nonno paterno:
Ferdinando I di Romania
Bisnonno paterno:
Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen
Trisnonno paterno:
Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen
Trisnonna paterna:
Giuseppina di Baden
Bisnonna paterna:
Antonia di Braganza
Trisnonno paterno:
Ferdinando II del Portogallo
Trisnonna paterna:
Maria II del Portogallo
Nonna paterna:
Maria di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno paterno:
Alfredo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno paterno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna paterna:
Vittoria del Regno Unito
Bisnonna paterna:
Marija Aleksandrovna Romanova
Trisnonno paterno:
Alessandro II di Russia
Trisnonna paterna:
Maria d'Assia-Darmstadt
Madre:
Elena di Grecia
Nonno materno:
Costantino I di Grecia
Bisnonno materno:
Giorgio I di Grecia
Trisnonno materno:
Cristiano IX di Danimarca
Trisnonna materna:
Luisa d'Assia-Kassel
Bisnonna materna:
Ol'ga Konstantinovna Romanova
Trisnonno materno:
Konstantin Nikolaevič Romanov
Trisnonna materna:
Alessandra di Sassonia-Altenburg
Nonna materna:
Sofia di Prussia
Bisnonno materno:
Federico III di Germania
Trisnonno materno:
Guglielmo I di Germania
Trisnonna materna:
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach
Bisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna materna:
Vittoria del Regno Unito

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze rumene[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Collare dell'Ordine di Carol I - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Collare dell'Ordine di Carol I
— 6 settembre 1940[49]
Gran Maestro dell'Ordine di Ferdinando I - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Ferdinando I
Gran Maestro e Membro di I Classe dell'Ordine di Michele il Coraggioso - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Membro di I Classe dell'Ordine di Michele il Coraggioso
— 15 settembre 1940[50]
immagine del nastrino non ancora presente Gran Maestro (e fondatore) dell'Ordine Militare di San Giorgio
Gran Maestro dell'Ordine Nazionale al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale al Merito
Gran Maestro dell'Ordine del Fedele Servizio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Fedele Servizio
Gran Maestro e Collare dell'Ordine della Stella di Romania - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Collare dell'Ordine della Stella di Romania
— [51]
Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona
— [52]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I Classe (Germania nazista) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I Classe (Germania nazista)
— [53]
Ordine della Vittoria (Unione Sovietica) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Vittoria (Unione Sovietica)
«Per il coraggioso atto di svolta decisivo nella direzione della politica romena contro la Germania e per l'alleanza con gli Alleati in un momento in cui non era stata ancora definita la netta sconfitta della Germania»
— 6 luglio 1945[54]
Medaglia per il giubileo dei 60 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945 (Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 60 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945 (Russia)
Comandante in capo della Legion of Merit (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Comandante in capo della Legion of Merit (Stati Uniti)
— 1945
Cavaliere dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia)
— 1941
Cavaliere di Gran Croce dell'ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia)
— 1941
Cavaliere di Gran Croce dell'ordine della Corona d'Italia (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'ordine della Corona d'Italia (Regno d'Italia)
— 1941
Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
— [55]
Cavaliere di Gran Croce di I classe dell'Ordine del Leone Bianco (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce di I classe dell'Ordine del Leone Bianco (Cecoslovacchia)
Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— [56]
Cavaliere dell'ordine dell'Aquila bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'ordine dell'Aquila bianca (Polonia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Regno di Grecia)
— [57]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Giorgio I (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Giorgio I (Regno di Grecia)
— [58]
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito)
— 1937[59]
Medaglia commemorativa per il cinquantesimo genetliaco di Carlo XVI Gustavo (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il cinquantesimo genetliaco di Carlo XVI Gustavo (Svezia)
— 30 aprile 1996[60]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Compression," Time, 12 gennaio 1948
  2. ^ "Milestones," Time, 21 giugno 1948
  3. ^ Genealogia della famiglia reale rumena, sito del 2 ottobre 2006, su geocities.com. (archiviato dall'url originale il ).
  4. ^ (EN) Majestatea Sa Regele a încetat din viață | Familia Regală a României / Royal Family of Romania, su www.romaniaregala.ro. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  5. ^ (RO) Regele Mihai este grav bolnav și se retrage din viața publică, Digi24, 2 martie 2016, accesare la 2 martie 2016
  6. ^ (EN) Capi di Stato rumeni su rulers.org.
  7. ^ "Marshal Ion Antonescu",WorldWar2.ro, Forze armate rumene nella II guerra mondiale Archiviato il 31 ottobre 2014 in Internet Archive.
  8. ^ "23 agosto - radiografia unei lovituri de Palat", paragrafo "Predați comuniștilor", Dosare Ultrasecrete Archiviato il 26 settembre 2007 in Internet Archive., Ziua, 19 agosto 2006
  9. ^ (RO) "È finita la dittatura e con essa tutte le oppressioni" - dal proclama dal re nella notte del 23 agosto 1944, Curierul National, 7 agosto 2004
  10. ^ a b c d Country Studies: Romania. Cap. 23. US Library of Congress
  11. ^ "Hitler ricorre ai 'fantocci' Romania", Washington Post, 25 agosto 1944
  12. ^ "Il Re proclama la resa della nazione e il desiderio di aiutare gli Alleati", The New York Times, 24 agosto 1944
  13. ^ (RO) "Pamfil Seicaru sul 23 agosto: "più vergogna, meno vittime", Ziua, 16 agosto 2004
  14. ^ (RO) "Un giorno di agosto"[collegamento interrotto], Lumea, Agosto 2004
  15. ^ II guerra mondiale-- "60 anni dopo: l'ex sovrano rumeno ricorda la decisione di cambiare alleanza", RFE/RL, 6 maggio 2005
  16. ^ (RO) "Ciò che è stato fatto in Romania dal 1945 al 1947 è anche stato fatto dal 1989",Ziua, 24 agosto 2000
  17. ^ Copia archiviata, su usinfo.state.gov. URL consultato il 5 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2007).
  18. ^ Copia archiviata, su osce.usmission.gov. URL consultato il 5 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2007).
  19. ^ Romania Facing its Past Archiviato il 29 dicembre 2011 in Internet Archive.
  20. ^ (RO) 30 decembrie 1947 – Regele Mihai I al României este forțat să abdice, in Radio România Cultural, 30 dicembre 2016. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  21. ^ (RO) Declarația Consiliului Regal, 2 martie 2016, su Familia Regala. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  22. ^ (RO) Grav bolnav, Regele Mihai SE RETRAGE din viaţa publică, in www.gandul.info. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  23. ^ (EN) Majestatea Sa Regele a încetat din viață | Familia Regală a României / Royal Family of Romania, su www.romaniaregala.ro. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  24. ^ (EN) Declaration of the new Head of the Royal House of Romania | Familia Regală a României / Royal Family of Romania, su www.romaniaregala.ro. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  25. ^ (EN) His Majesty King Michael of Romania has died | Familia Regală a României / Royal Family of Romania, su www.romaniaregala.ro. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  26. ^ (EN) Declaraţia noului Șef al Familiei Regale a României | Familia Regală a României / Royal Family of Romania, su www.romaniaregala.ro. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  27. ^ a b c d e (EN) Program of the funeral of King Michael I of Romania | Familia Regală a României / Royal Family of Romania, su www.romaniaregala.ro. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  28. ^ a b c d e (EN) Programul funeraliilor Regelui Mihai I al României | Familia Regală a României / Royal Family of Romania, su www.romaniaregala.ro. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  29. ^ (EN) Update: King Michael dies at 96, to be buried in Romania according to the royal tradition. Three days of national mourning - The Romania Journal, su www.romaniajournal.ro. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  30. ^ (EN) Nick Thorpe, Romanians unite to mourn their last king, in BBC News, 09 dicembre 2017. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  31. ^ Genealogy
  32. ^ https://www.youtube.com/watch?v=-Aww8T3Go5Y
  33. ^ (RO) Tom Gallagher, Acarul păun european, în: România Liberă, 30 iunie 2006 Archiviato il 18 febbraio 2008 in Internet Archive.
  34. ^ (RO) Prințul Charles și-a luat casa între țigani, Libertatea, 24 settembre 2006 Archiviato il 19 dicembre 2007 in Internet Archive.
  35. ^ (RO) "Monarhia, dorită de doar 16% din populație" Archiviato il 15 marzo 2009 in Internet Archive., Cotidianul 21 settembre 2008
  36. ^ (RO) "Sondaj deschis Realitatea TV" Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive., Realitatea TV 21 aprile 2011
  37. ^ (RO) Regele și saltimbancul Archiviato il 15 marzo 2009 in Internet Archive., Evenimentul Zilei, 17 dicembre 2003
  38. ^ (RO) Secretele accidentelor de mașină produse de Regele Mihai și Nicu Ceaușescu, Evenimentul Zilei, 25 marzo 2013
  39. ^ (RO) Andrei Săvulescu, Regele Mihai - automobilist, mecanic, pilot profesionist, ed. Humanitas, București, 1996 Archiviato il 29 settembre 2012 in Internet Archive.
  40. ^ (EN) King Michael of Romania leading down the stairs at the exit of the Sinaia castle, Time & Life Pictures/Getty Images, 1 april 1946
  41. ^ (EN) King Michael of Romania leading down the stairs at the exit of the Sinaia castle, Time & Life Pictures/Getty Images, 1 april 1946
  42. ^ (RO) "Regele Mihai aviator", situl http://www.aviatori.ro/ website, accesso al 27 marzo, 2013
  43. ^ (EN) Ex-King Mihai in Switzerland, where he works for an American aircraft company, Time Life Pictures/Getty Images, 1° january 1957
  44. ^ Renașterea lui Gotha (în franceză), Le Figaro, 14 maggio 1998
  45. ^ (RO) Pentru prima oară Regele Mihai transmite un mesaj politic - Casa Regală cere schimbarea Constituției Archiviato il 9 ottobre 2007 in Internet Archive., Gardianul, 11 mai 2007
  46. ^ (RO) Academia Română - Membri de onoare, accesso al 19 settembre 2016
  47. ^ (RO) Comunicat, situl Familiei Regale, 8 aprile 2008
  48. ^ (RO) Patriarhul Daniel și regele Mihai au devenit membri ai Academiei Române, Antena 3, 19 dicembre 2007
  49. ^ Ordine si medalii – officials website of the Romanian Royal Family
  50. ^ King Mihai of Romania and his family
  51. ^ Michael I of Romania
  52. ^ Ordine si medalii
  53. ^ Regele Mihai ultimul CRIMINAL DE RAZBOI AL PLANETEI |
  54. ^ http://www.bucurestiivechisinoi.ro/2013/12/armata-romana-si-frontul-de-est-vazute-din-perspectiva-rusa/
  55. ^ http://www.angelfire.com/realm/fabiola1960/jewels.html
  56. ^ Speech of His Royal Highness Prince Radu of Romania Archiviato il 8 novembre 2014 in Internet Archive.
  57. ^ Part 4: An Album of Romanian Images from the Hoover Archives | Hoover Institution
  58. ^ The Royal Calendar: June 10, 2012
  59. ^ H.M. King Michael of Romania celebrated in London 7-8 November 2012: Photographs | Diana Mandache's Weblog
  60. ^ Tkinter Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Mihai al Romaniei", Humanitas editore, Bucuresti, 2001 (biografia del sovrano pubblicata in suo onore per l'ottantesimo genetliaco, su iniziativa del genero Radu, marito della sua figlia promogenita Margherita).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Articoli biografici

Interviuri

Controllo di autoritàVIAF (EN30340878 · ISNI (EN0000 0001 2126 3676 · LCCN (ENn93036221 · GND (DE119172909 · BNF (FRcb12260228z (data)