Michele Virga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michele Virga (Piana degli Albanesi, 1 settembre 1936Palermo, 21 novembre 1988) è stato un uomo italiano vittima innocente della mafia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Michele Virga è stato assassinato il 21 novembre del 1988 a Palermo, mentre conduceva l'auto del suo amico e pregiudicato Giovanni Amato vero obiettivo dell'agguato.

Il commando, costituito da almeno sei uomini, a bordo di due automobili, una Fiat Uno ed una Renault 9, aveva seguito gli spostamenti di Giovanni Amato sin dalla prima mattina, quando era stato prelevato a casa dal suo amico Michele Virga. Arrivati a Palermo, l' auto del boss è stata bloccata dai sicari e Virga è stato costretto a fermarsi, consentendo agli uomini di colpire entrambi mortalmente. I mezzi utilizzati per l'agguato furono trovati bruciati qualche ora dopo il duplice delitto[1]. Le indagini hanno confermato l'innocenza di Michele Virga.

Memoria[modifica | modifica sorgente]

Michele Virga è ricordato ogni anno il 21 marzo nella Giornata della Memoria e dell'Impegno di Libera, la rete di associazioni contro le mafie, che in questa data legge il lungo elenco dei nomi delle vittime di mafia e fenomeni mafiosi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Massacro in Sicilia. La mafia colpisce 6 volte.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie