Michele Morelli (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michele Morelli
Avvocatomichelemorelli.jpg

Sindaco di Barletta
Durata mandato 7 febbraio 1965 –
3 novembre 1970
Predecessore Carlo Ettore Borgia
Successore Domenico Borraccino

Dati generali
Partito politico DC

Michele Morelli (Barletta, 4 ottobre 1928Barletta, 13 agosto 1998) è stato un avvocato e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Barletta il 4 ottobre 1928, militò nell'Azione Cattolica ricoprendo incarichi dirigenziali a livello cittadino, diocesano e regionale.

Conseguì la laurea in Legge presso l'Università degli Studi di Bari, dove ebbe modo di conoscere ed apprezzare gli insegnamenti di illustri docenti quali Aldo Moro e Renato Dell'Andro. Proprio la conoscenza e la condivisione delle idee politiche di questi ultimi lo convinsero ad entrare in politica nel 1948, anno in cui iniziò una lunga militanza scudo-crociata nella corrente dell'on. Aldo Moro.

Fu eletto capo gruppo consiliare DC dal 1956 al 1960 e ricoprì la carica di Segretario politico della Democrazia Cristiana negli anni 1957-1958. Eletto per la prima volta consigliere comunale nel 1956, nelle successive elezioni amministrative fu sempre riconfermato con un crescente numero di voti fino al 1980[1].

Il 7 febbraio 1965 divenne sindaco di Barletta, riuscendo a realizzare molti dei punti prefissati: realizzazione del piano regolatore generale[2], costruzione dello Stadio Cosimo Puttilli, creazione dell'Azienda Soggiorno e Turismo di Barletta, realizzazione delle urbanizzazioni primarie cittadine, costruzione del macello comunale e del sottovia Parrilli, costruzione di scuole elementari, di due scuole medie e 3 scuole superiori. Non dimenticò l'agricoltura e l'irrigazione di 3500 ettari del territorio di Barletta, l'edilizia popolare, con la costruzione di alloggi e contributi Gescal per cooperative edilizie[3].

Il 2 giugno del 1967, su proposta del presidente del Consiglio dei ministri Aldo Moro, fu insignito dal Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat dell'onorificenza di cavaliere della Repubblica Italiana per particolari benemerenze acquisite nell'attività svolta al servizio della comunità[4].

30 settembre 1965 - Il Sindaco Avv. Morelli e l'On. Aldo Moro durante la cerimonia di inaugurazione delle Ferrovie Bari-Nord

Il 13 maggio del 1968 gli fu conferita l'onorificenza della Bandiera Jugoslava con Corona d'Oro per aver sviluppato e consolidato le relazioni amichevoli tra la Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia e la Repubblica d'Italia, siglando il gemellaggio di Barletta con la città montenegrina di Castelnuovo e promuovendo la costruzione nel cimitero di Barletta di un sacrario monumentale ai caduti slavi, inaugurato il 4 luglio 1970 ed ancora oggi meta di cittadini stranieri che ricordano con ammirazione e devozione questi eroi.[5]

Dal 1970 al 1975 ricoprì l'incarico di assessore alla Sanità, proprio durante l'ultima importante epidemia di colera che colpì la Puglia e la Campania nel 1973 [6], attivandosi personalmente nel recuperare massicce dosi di vaccino per evitare un aggravarsi della situazione sanitaria della popolazione.

Per oltre 40 anni ha esercitato la professione di avvocato e docente di diritto presso l'istituto tecnico commerciale “Cassandro” e presso l'istituto tecnico per geometriPier Luigi Nervi”.

Colpito da una grave malattia, scompare prematuramente il 13 agosto 1998.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«In considerazione di particolari benemerenze acquisite verso la Nazione nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali.[7]»
— Roma, 2 giugno 1967
immagine del nastrino non ancora presente Ordine della Bandiera Jugoslava con Corona d'Oro
«Per il merito di sviluppare e consolidare le relazioni amichevoli tra la Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia e la Repubblica Italiana.[8]»
— Belgrado, 3 maggio 1968

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morelli, il sindaco-professore: a dieci anni dalla morte il ricordo dell'esponente della DC tanto vicino ad Aldo Moro, "La Gazzetta del Mezzogiorno", 13 agosto 2008
  2. ^ Il P.R.G. di Barletta fu adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.222 del 09.02.1967 ed approvato con Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici n. 4844 del 30.09.1971
  3. ^ Dieci anni fa la scomparsa dell'avvocato Morelli, "Il Fieramosca", agosto 2008, pag. 34
  4. ^ Addio a Morelli: guidò il centrosinistra al governo della città, "La Gazzetta del Mezzogiorno", 18 agosto 1998
  5. ^ Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia - Il Sacrario jugoslavo di Barletta, su cnj.it. URL consultato il 14-5-2011.
  6. ^ Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute, su epicentro.iss.it. URL consultato il 03-06-2011.
  7. ^ Decreto di conferimento dell'onorificenza di Cavaliere della Repubblica Italiana (GIF), su commons.wikimedia.org. URL consultato il 02-06-2011.
  8. ^ Motivazione riportata nel decreto di conferimento dell'Ordine della Bandiera Jugoslava con Corona d'Oro (GIF), su commons.wikimedia.org. URL consultato il 02-06-2011.