Michele Gambino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michele Gambino detto Miki (Siracusa, 30 ottobre 1958) è un giornalista e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a lavorare presso il Giornale del Sud di Catania, nel periodo in cui era diretto da Giuseppe Fava (dal 1980). Condivise con il suo direttore l'esperienza innovativa del quotidiano antimafia, proseguendola ne I Siciliani nel 1982. Alla morte di Fava, venne inizialmente sospettato dell'omicidio, ma le accuse contro di lui si dimostrarono presto frutto di oscure manovre e assolutamente infondate. Ha continuato per anni a lavorare con I Siciliani, poi è passato al settimanale Avvenimenti di cui è stato l'inviato di punta e il condirettore. Nel 1996 ha vinto il premio di giornalismo "Ilaria Alpi" per i suoi reportage dall'Afghanistan occupato dai Taliban. Ha anche vinto il premio "Pagina" con un racconto ambientato nella Sarajevo sotto assedio dei serbi.

Il suo lavoro è incentrato soprattutto sul giornalismo d'inchiesta e sui reportage di guerra. I temi trattati da Gambino vanno dalla mafia alla massoneria, dalla corruzione della politica italiana ai conflitti mondiali.

Nel 1994 Gambino e il suo direttore ad Avvenimenti, Claudio Fracassi, furono querelati da Silvio Berlusconi, appena nominato presidente del Consiglio, che si era sentito diffamato dal contenuto del libro-inchiesta "Berlusconi, una biografia non autorizzata". Il processo, durato quattro anni, si concluse con il ritiro della querela da parte di Berlusconi, che riconobbe agli autori di aver correttamente esercitato il diritto di critica.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

È autore di alcuni libri, dedicati soprattutto alla politica, tra cui:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]