Michele Angelo Cianciulli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michelangelo Cianciulli

Reggente del Regno di Napoli
Durata mandato 1º febbraio 1806 –
30 marzo 1806
Predecessore Ferdinando IV
Successore Giuseppe

Durata mandato 8 luglio 1808 –
1º agosto 1808
Predecessore Giuseppe
Successore Gioacchino Napoleone

Dati generali
Prefisso onorifico Marchese

«La feudalità con tutte le sue attribuzioni resta abolita[1]»

(Legge eversiva della feudalità, agosto 1806)

Michelangelo Cianciulli (Montella, 1º agosto 1734Napoli, 16 maggio 1819) è stato un politico italiano, noto soprattutto come promulgatore, in veste di Ministro di Giustizia dei regni di Napoli e di Sicilia, delle leggi eversive della feudalità.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Montella, in Irpinia, in una famiglia dell'aristocrazia locale, inizia gli studi nel paese natale presso il Convento di San Francesco a Folloni. Iscritto dal 1751 all'Università di Napoli, dove studia Giurisprudenza, riesce ad inserirsi nell'ambiente dell'alta aristocrazia napoletana, assistendo come legale molti nobili illustri della città.

Nel 1780 il re Ferdinando IV di Napoli lo nomina censore del nuovo Collegio degli avvocati, istituito allo scopo di controllare e mettere ordine nell'avvocatura. Nel 1789 lo stesso re lo nomina magistrato e solo due anni dopo, nel 1791 ottiene la carica di avvocato fiscale del Regio Patrimonio, per poi diventare a breve avvocato fiscale della Suprema Giunta degli abusì feudali e caporuota nel Sacro Regio Consiglio.

In questi stessi anni acquisto' una grande masseria con sei moggia di terreno in localita' Casa Schiano nel casale di San Sebastiano di Napoli poi denominata San Sebastiano al Vesuvio [2]. Della grande struttura architettonica oggi resta solo la cappella di San Vito Martire denominata dai locali anche come cappella Cianciulli([1]) [3].

Nel gennaio del 1806 diventa Reggente del Regno di Napoli in seguito alla partenza di Ferdinando IV di Napoli costretto a riparare in Sicilia di fronte alle truppe di occupazione francesi. Rimane in carica per due mesi per poi affidare la corona del regno a Giuseppe Bonaparte dopo aver trattato per un'occupazione pacifica della capitale.

Nel maggio del 1806 viene nominato dal Bonaparte Ministro di grazia e giustizia e in tale veste promulga la legge eversiva della feudalità dell'agosto del 1806. Si dedicò inoltre alla riforma giudiziaria.

Quando Giuseppe Bonaparte fu chiamato a sedere sul trono di Spagna, nominò il Cianciulli Gran dignitario dell'Ordine delle Due Sicilie e membro della Società reale per l'Accademia delle scienze.

Gli ultimi anni di attività del Cianciulli furono turbati dai contrasti con gli amministratori del Decurionato del suo paese natale che riuscirono ad escludere Montella dal tracciato della nuova strada nazionale che congiungeva Napoli a Foggia.

Sposato con Dorotea Perillo, ebbe nove figli, fra cui Filippo, membro della commissione per la riforma del codice di procedura civile; Alessandro, assessore dei Reali Presidi di Toscana e poi giudice del tribunale di S. Maria di Capua; e Pietro, sacerdote, cappellano del tesoro di S. Gennaro e della cappella gentilizia di San Vito Martire sita a San Sebastiano al Vesuvio in provincia di Napoli [4].

Mori a Napoli la domenica del 16 maggio 1819 e venne sepolto nella cappella dei Principi Colonna.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce del Reale Ordine delle Due Sicilie - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Reale Ordine delle Due Sicilie

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Collezione degli editti, determinazioni, decreti e leggi di S.M., Stamp. Simoniana, Napoli 1806, pp. 257-262
  2. ^ Bernardo Cozzolino, San Sebastiano al Vesuvio: Un itinerario storico artistico e un ricordo di Gaetano Filangieri, Poseidon Editore, Napoli 2006, p.99.
  3. ^ G.C. Ascione e B. Cozzolino, Cappella di San Vito Martire a San Domenico: Il restauro del dipinto della Madonna del Carmelo di Giovanni Antonio d’Amato, Pref. S.E. Card. Crescenzio Sepe, San Sebastiano al Vesuvio (NA) 2016, p.10, 11.
  4. ^ Bernardo Cozzolino, San Sebastiano al Vesuvio: Un itinerario storico artistico e un ricordo di Gaetano Filangieri, Poseidon Editore, Napoli 2006, pp.100,101.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. A. Tallarico, «CIANCIULLI, Michelangelo». In: Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. XXV (Chinzer-Cirni), Roma: Istituto della Enciclopedia Italiana, 1961 (on-line)
  • G. Passaro, La Repubblica Napoletana e gli eventi nell'Alta valle del Calore, Ed. del Centro di Ricerca "G. D'Orso",Avellino 2004
  • Cozzolino Bernardo, San Sebastiano al Vesuvio: Un itinerario storico artistico e un ricordo di Gaetano Filangieri, Poseidon Editore, Napoli 2006.
  • Ascione Gina Carla e Cozzolino Bernardo, Cappella di San Vito Martire a San Domenico: Il restauro del dipinto della Madonna del Carmelo di Giovanni Antonio d’Amato, Pref. S.E. Card. Crescenzio Sepe, San Sebastiano al Vesuvio (NA) 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Consiglio di Stato del Regno di Napoli Successore Coat of Arms of Joachim Murat as King of Naples.svg
1808-1808
Predecessore Vicepresidente del Consiglio di Stato del Regno delle Napoli Successore Coat of Arms of Joachim Murat as King of Naples.svg
1809-1815
Predecessore Ministro di grazia e giustizia del Regno delle Napoli Successore Coat of Arms of Joachim Murat as King of Naples.svg
1807 - 1809 Giuseppe Zurlo