Michelangelo Frammartino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michelangelo Frammartino (Milano, 1968) è un regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Milano nel 1968 da genitori calabresi. Nel 1991 si iscrive alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Tra il 1994 e il 1997 frequenta la Civica Scuola del Cinema, per la quale produce alcune installazioni di videoarte, e lavora come scenografo per film e videoclip. Gira anche alcuni cortometraggi: Tracce (1995), L'occhio e lo spirito (1997), BIBIM (1999), Scappa Valentina (2001), Io non posso entrare (2002)[1].

Esordisce nel lungometraggio con il film Il dono (2003), presentato al Festival di Locarno, a cui segue Le quattro volte (2010), premiato come miglior film al Sulmonacinema Film Festival.

Dal 2005 insegna Istituzioni di regia all'Università degli studi di Bergamo. A dicembre 2013 ha tenuto un workshop presso l'Università della Calabria.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Tracce (1995)
  • L'occhio e lo spirito (1997)
  • BIBIM (1999) - co-diretto da Cafi Mohamud
  • Scappa Valentina (2001)
  • Io non posso entrare (2002)

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Installazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Presenze s-connesse (1995)
  • Ora (1995)
  • La casa delle belle addormentate (1997)
  • Film (1998)
  • Alberi (2013)
  • Sguardi in macchina (2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]