Michelangelo Falvetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michelangelo Falvetti (Melicuccà, 29 dicembre 1642Messina ?, tra maggio e giugno 1697) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1670 fu chiamato a Palermo come maestro di cappella e in quella città, nel 1679, creò l'«Unione dei Musici», che ebbe subito l'approvazione viceregia e che funzionava anche da associazione di mutuo soccorso. Verso il 1682 il Falvetti si trasferì a Messina, dove esisteva un'altra «Unione dei Musici», e ricoprì la carica di Maestro di Cappella del Senato di Messina.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Opere del periodo palermitano[modifica | modifica wikitesto]

  • Abel figura dell'agnello eucaristico, dialogo eseguito nel Carnevale 1676 a Palermo, ed ivi stampato dalla Tipografia di Pietro dell'Isola;
  • La spada di Gedeone, dialogo eseguito nel 1678 a Palermo, ed ivi stampato presso la Tipografia di Pietro dell'Isola;
  • La Giuditta, dialogo eseguito nel 1680 nella Chiesa del Monastero del Cancelliere di Palermo, ed ivi stampato presso la Tipografia di Pietro dell'Isola. In quest'opera «appaiono evidenti allusioni sessuali molto spinte per quel tempo» [1];
  • Il trionfo dell'anima, dialogo eseguito nel 1685 nella Chiesa della Congregazione dei Filippini a Palermo, ed ivi stampato presso la Tipografia di Pietro dell'Isola.

Opere del periodo messinese[modifica | modifica wikitesto]

  • È giusto il fato (dramma tragicomico, 1682)
  • Il Diluvio Universale (dialogo, 1682).
  • Il Nabucco (dialogo, 1683).
  • Il sole fermato da Giosuè (dialogo, 1692).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I. Tripodi, Breve profilo storico della cultura musicale in Calabria, in «Historica» XLI, 1988, pp. 18-21; XLII, 1989, p. 37

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Donato, Per la storia della «Congregazione di Santa Cecilia» di Messina nel Seicento, in «Nuovi Annali della Facoltà di Magistero dell'Università di Messina» 1, 1983, pp. 251–264.
  • G. Donato, Un musicista calabrese attivo in Sicilia nella seconda metà del XVII secolo: Michelangelo Falvetti, in Polifonisti calabresi dei secoli XVI e XVII, Roma, Torre d'Orfeo ed., 1985, pp. 95–108.
  • A. Furfaro, Storia della musica e dei musicisti in Calabria, Cosenza 1987.
  • R. Pagano: La vita musicale a Palermo e nella Sicilia del Seicento, in «Nuova Rivista Musicale Italiana» III, n. 3, 1969, pp. 460 sgg.
  • I. Tripodi, Breve profilo storico della cultura musicale in Calabria, in «Historica» XLI, 1988, pp. 18–21; XLII, 1989, pp. 36–39.
  • L. Lupo, voce "Falvetti, Michelangelo" in Dizionario dei musicisti calabresi, a cura di Marilena Gallo, Caraffa di Catanzaro, Abramo, 2009, pp. 164–166.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN186748661 · LCCN: (ENno2012010169 · ISNI: (EN0000 0003 5642 5262 · GND: (DE1017211302 · BNF: (FRcb165419592 (data)