Michail Vladimirovič Rodzjanko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michail Rodzjanko

Michail Vladimirovič Rodzjanko in russo: Михаил Владимирович Родзянко? (Popasnoe, 21 febbraio 1859Novo Miloševo, 24 gennaio 1924) è stato un politico russo. Fu presidente della Terza e della Quarta Duma russa fino al 1917.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine nobile, figlio di un proprietario terriero, intraprese dapprima la carriera militare divenendo ufficiale di cavalleria, poi si diede alla politica. Tra i fondatori dell'«Unione del 17 ottobre», il partito costituito in seguito all'appoggio dato al Manifesto del 17 ottobre/30 ottobre 1905, nel 1907 fu eletto deputato della Terza Duma, nella quale gli ottobristi ebbero la maggioranza e il loro capo Aleksandr Gučkov divenne il presidente dell'Assemblea.

Nel 1911 Gučkov si dimise dalla presidenza della Duma per contrasti con il primo ministro Stolypin, e Rodzjanko prese il suo posto, confermandosi alla presidenza della Quarta Duma, eletta nel 1912.

Durante la rivoluzione di febbraio 1917, fu a capo del Comitato provvisorio della Duma. Dopo la presa del potere da parte di Lenin in novembre, lasciò Pietrogrado e si trasferì in Crimea. Rodzianko supportò Anton Denikin e Pyotr Wrangel, ma quando è diventato chiaro l'Armata Bianca aveva perso, nel 1920 emigrò in Serbia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN42890087 · LCCN: (ENn86146670 · ISNI: (EN0000 0000 8223 6041 · GND: (DE128460822 · NLA: (EN35768981