Michael von Albrecht

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michael von Albrecht (Stoccarda, 22 agosto 1933) è un latinista, filologo classico e traduttore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del compositore Georg von Albrecht, frequentò la Hochschule für Musik und Darstellende Kunst di Stoccarda, dove si diplomò nel 1955. In seguito studiò filologia classica a Parigi e indologia a Tubinga, dove conseguì il dottorato. Nel 1964 divenne professore permanente presso l'università di Heidelberg, ove divenne, nel 1988 professore emerito e in cui lavorò fino al 1998 come professore di Letteratura latina[1]. Nell'anno accademico 1977/1978 fu professore straordinario dell'università di Amsterdam e nel 1981 dell'Institute for Advanced Study di Princeton.

È curatore delle Studien zur klassischen Philologie e delle Quellen zur Musikgeschichte von der Antike bis zur. Gegenwart[2] ed è noto per il suo lavoro sulla musica nell'antichità, sulla letteratura romana e sulla letteratura comparata. Per il suo lavoro di traduzione, nel 2004 ha ricevuto il premio Johann Heinrich Voss.

È noto per il suo impegno nella promozione della competenza linguistica attiva e passiva nelle lingue classiche, in qualità di sodale della Academiae Latinitati Fovendae e della Accademia Vivarium Novum di Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vincenza Milazzo, Michael von Albrecht
  2. ^ Michael von Albrecht, einaudi.it. URL consultato il 22 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Interviste[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN106962295 · LCCN: (ENn84158705 · ISNI: (EN0000 0001 0930 3364 · GND: (DE117756873 · BNF: (FRcb12027829g (data)