Michael Green (fisico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Michael Boris Green FRS (Londra, 22 maggio 1946) è un fisico britannico e uno dei pionieri della teoria delle stringhe; attualmente professore nel Dipartimento di Matematica Applicata e Fisica Teorica e Fellow in Clare Hall, Cambridge in Inghilterra. È stato professore di Matematica Lucasiana dal 2009 al 2015.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Green è il figlio di Genia Green e Absalom Green. Ha frequentato la William Ellis School di Londra e il Churchill College di Cambridge [1] dove si è laureato con un Bachelor of Arts con il massimo dei voti in fisica teorica (1967) e un dottorato in teoria delle particelle elementari (1970)

CARRIERA

Dopo il dottorato, Green ha svolto attività di ricerca post-dottorato presso la Princeton University (1970-72), Cambridge e l'Università di Oxford. Tra il 1978 e il 1993 è stato docente e professore al Queen Mary College, Università di Londra, e nel luglio 1993 è stato nominato John Humphrey Plummer Professore di Fisica Teorica presso l'Università di Cambridge. Il 19 ottobre 2009 è stato confermato come il prossimo Professore di Matematica Lucasiano, per succedere a Stephen Hawking il 1 ° novembre 2009. [6] [7] Nel 2015 è stata succeduta a quella sedia da Michael Cates, uno specialista in colloidi, gel e materiali particolati.

RICERCHE

Dopo molti anni in collaborazione con John Henry Schwarz, [12] ha co-scoperto la cancellazione dell'anomalia nella teoria delle stringhe di tipo I nel 1984. Questa intuizione, chiamata meccanismo Green-Schwarz, ha dato il via alla Prima rivoluzione delle superstringhe. Green ha anche lavorato sulle condizioni al contorno di Dirichlet nella teoria delle stringhe che hanno portato alla postulazione delle D-brane [13] e degli istantoni [14].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Green ha ricevuto le medaglie Dirac e Maxwell dell'Istituto di Fisica, Regno Unito, il Premio Dirac del Centro Internazionale di Fisica Teorica (Trieste) e il Premio Dannie Heineman per la Fisica Matematica dell'American Physical Society. È stato eletto membro della Royal Society nel 1989. [5] Green è co-autore di oltre 150 articoli di ricerca [8] [15]

La sua nomina per la Royal Society recita

"Si distingue per i suoi eccezionali contributi alla teoria dei campi quantistici, in particolare per la teoria delle superstringhe. Il primo lavoro di Green era in gran parte basato sulla dualità nella teoria delle S-matrix. Fu il primo a dimostrare un risultato importante sul modello doppio: la cancellazione delle principali divergenze tra il bosone e i cicli di fermioni. Ha apportato contributi significativi alla teoria delle transizioni di fase, ma è meglio conosciuto per il suo lavoro da brivido, in gran parte in collaborazione con Schwarz, sulla teoria delle superstringhe, inclusa la prima formulazione covariante della teoria. I risultati più importanti sono le dimostrazioni nel 1984 e 1985 della cancellazione di anomalie per SO (32) e E8xE8 teorie di superstringhe e di annullamento dell'infinito nel caso SO (32).

Questi documenti definitivi hanno avviato la crescita esplosiva della teoria delle superstringhe, ora una delle aree più attive ed eccitanti della fisica teorica fondamentale [5].”

Il 12 dicembre 2013, Michael Green ha condiviso il Premio di fisica fondamentale con John Henry Schwarz "per aver aperto nuove prospettive sulla gravità quantistica e l'unificazione delle forze.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Green, M., John H. Schwarz e E. Witten. Teoria delle Superstringhe. Vol. 1. Introduzione. Monografie di Cambridge sulla Fisica Matematica. Cambridge, Regno Unito: Cambridge University Press, 1988. ISBN 9780521357524.
  • Teoria delle Superstringhe. Vol. 2, Loop Amplitutes, Anomalie e Fenomenologia. Cambridge, Regno Unito: Cambridge University Press, 1988. ISBN 9780521357531.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17284915 · ISNI (EN0000 0001 1747 6185 · LCCN (ENn85346191 · GND (DE1108821871 · BNF (FRcb12284460c (data)