Metroid Dread

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Metroid Dread
videogioco
Metroid Dread Logo.svg
Logo del gioco
Titolo originale メトロイド ドレッド Metoroido Doreddo?
PiattaformaNintendo Switch
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 8 ottobre 2021
GenereAvventura dinamica
OrigineSpagna, Giappone
SviluppoMercurySteam, Nintendo EPD
PubblicazioneNintendo
DesignYoshio Sakamoto
SerieMetroid

Metroid Dread (メトロイド ドレッド Metoroido Doreddo?) è un videogioco action-adventure, sviluppato da MercurySteam e Nintendo per Nintendo Switch, uscito l'8 ottobre 2021.[1]

Dread fu concepito come videogioco per Nintendo DS nel corso dei primi anni 2000, inteso come sequel di Metroid Fusion uscito su Game Boy Advance nel 2002, ma lo sviluppo non venne terminato e il titolo non venne mai mostrato al pubblico.[2] Ai tempi, la stampa videoludica espresse un certo interesse verso questo gioco e, più in generale, verso l'idea di un nuovo capitolo in 2D della serie Metroid.

Dopo la cancellazione del progetto su DS, la serie Metroid è tornata al format dei videogiochi a scorrimento laterale con Samus Returns (2017), sempre sviluppato da MercurySteam.

Dread è stato ufficialmente annunciato per Nintendo Switch in occasione dell'E3 2021, con una data di uscita fissata per lo stesso anno.

Premessa[modifica | modifica wikitesto]

I giocatori controlleranno la cacciatrice di taglie Samus Aran nel corso della sua esplorazione del pianeta ZDR. Samus verrà perseguitata dagli E.M.M.I., robot inviati in ricognizione dalla Federazione Spaziale, teoricamente alleata di Samus. Saranno presenti nuove mosse, tra cui la capacità di arrampicarsi sui muri[3], oltre al ritorno dei Poteri Aeion introdotti in Metroid: Samus Returns.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Yoshio Sakamoto, designer della serie Metroid, durante la Game Developers Conference del 2010

Il titolo Metroid Dread è comparso per la prima volta nel 2005, all'interno di una lista privata di Nintendo riguardante i "videogiochi chiave per DS che verranno presentati in futuro".[4] Questo ha portato molti a pensare che il gioco in questione sarebbe stato presentato in occasione della conferenza E3 del 2005 o del 2006, ma così non è stato.[5][6][7] Metroid Dread è stato anzi l'unico gioco presente sulla lista a non essere stato pubblicato.[4] Nella sua versione iniziale, è stato descritto come un videogioco a scorrimento laterale in 2D. Sarebbe dovuto essere un sequel di Metroid Fusion, videogioco del 2002 per Game Boy Advance - la versione definitiva presentata nel 2021 mantiene questa intenzione.[7]

A 2005 inoltrato, si è diffuso il rumor che Metroid Dread fosse stato cancellato o posto in development hell.[7][8] Il gioco è stato riportato sulla pubblicazione di febbraio 2006 della rivista Official Nintendo Magazine, con una data di uscita fissata per il novembre del 2006. La pubblicazione di marzo invece riportava come data un generico "2006", suggerendo che ulteriori dettagli sarebbero stati rivelati all'E3 di quell'anno, ma tali aspettative vennero deluse.[2]

Riferimento su Metroid Prime 3: Corruption[modifica | modifica wikitesto]

Nel videogioco Metroid Prime 3: Corruption, sviluppato da Retro Studios e uscito nel 2007 per Nintendo Wii, è stato trovato il seguente messaggio: "Experiment status report update: Metroid project 'Dread' is nearing the final stages of completion".[4]

Il direttore Mark Pacini ha negato ogni connessione e ha affermato che si tratta puramente di una coincidenza.[9] Chris Kohler di Wired ha espresso dello scetticismo verso la risposta di Retro Studios; ha ritenuto che Pacini sarebbe stato più credibile se avesse affermato che si tratta di una battuta, laddove una coincidenza gli è apparsa inverosimile.[10]

Il messaggio è stato modificato nella versione giapponese del gioco, uscita più tardi nel corso di quello stesso anno e che invece fa riferimento a una "dread class turret".[11]

Discussioni successive[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 Sakamoto ha confermato che Dread è esistito, ma ha aggiunto che Nintendo lo avrebbe "iniziato daccapo" se avesse deciso di riprenderne lo sviluppo.[12] Ha anche affermato che al momento la compagnia stava "aspettando e osservando e leggendo i commenti per vedere a che cosa il pubblico fosse interessato, prima di poter commentare il progetto in qualche modo".[5] In altre interviste, ha negato che i giochi Metroid: Other M (Wii, 2010)[13] e Metroid: Samus Returns (Nintendo 3DS, 2017) avessero una qualsiasi connessione con Dread.[14]

Nel maggio 2010, Harris ha affermato che la trama di Metroid Dread era completa e che ha visto il gioco. Egli ha affermato che Nintendo sarebbe stata capace di "riprenderlo in qualsiasi momento".[15] Una ricerca condotta da Liam Robertson nel 2015 ha mostrato che un prototipo giocabile di "Dread" era stato creato nel 2008 e mostrato allo staff di Nintendo Software Technology e Nintendo of America in occasione dell'E3 2009; secondo Robertson, a quel punto di sviluppo il progetto non era più identificato dal nome Metroid Dread e aveva uno stile artistico vicino a Metroid Fusion.[16] In un'intervista del 2018 con Hobby Consolas, Sakamoto ha affermato che il Nintendo DS non era abbastanza potente per poter sviluppare il gioco di Metroid che egli intendeva realizzare.[17]

A partire dalla prima apparizione del gioco, anche se solamente in forma di titolo, la critica ha espresso un certo interesse verso Metroid Dread o, in generale, verso un gioco simile a scorrimento laterale in 2D. Secondo Sakamoto, le domande riguardanti Metroid Dread erano molteplici, specialmente nelle interviste successive all'E3.[18] IGN ha incluso Dread nel proprio articolo "Life Support: Games in Danger".[19]

Ripartenza dello sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Durante il Nintendo Direct tenuto in occasione dell'E3 2021, Nintendo ha annunciato che Metroid Dread è in sviluppo per Nintendo Switch e che l'uscita è fissata per l'8 ottobre 2021.[20] Lo sviluppo è attualmente condotto dal team di sviluppo spagnolo MercurySteam, che ha precedentemente realizzato per 3DS Metroid: Samus Returns (2017), remake di Metroid II:Return of Samus. Sakamoto ha affermato che il progetto è stato ripreso dopo aver visto ciò che MercurySteam è stata capace di realizzare, con la propria tecnologia su Switch.[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Valutazioni professionali
Testata Giudizio
Metacritic (media al 16/10/2021) 89/100[21]
Destructoid 8.5/10[22]
Everyeye.it 7.8/10[23]
Famitsu 34/40[24]
Game Informer 9/10[25]
GameSpot 8/10[26]
GamesRadar+ 3.5/5[27]
IGN 9/10[28]
Multiplayer.it 9/10[29]
Nintendo Life 10/10[30]
VG247 4/5[31]

Metroid Dread è stato accolto positivamente dalla critica, andando ad ottenere una media di voti su Metacritic pari a 89 su 100.[21]

Vendite[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima settimana di vendite il gioco è risultato il secondo titolo più venduto del Regno Unito:[32][33] questo ha portato il titolo a risultare il capitolo della serie Metroid con il più veloce tasso di vendita, superando le vendite di Metroid Prime di circa 1.000 unità.[34] In Giappone sono state vendute oltre 86,5 mila copie fisiche nei primi tre giorni dall'uscita.[35][36]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Metroid Dread, su nintendo.it.
  2. ^ a b (EN) Monday Mysteries: Project S.T.E.A.M. or Metroid Dread?, su leviathyn.com.
  3. ^ a b (EN) Connor Sheridan, Metroid Dread release date revealed and it's a sequel to Metroid Fusion, su GamesRadar+, 15 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  4. ^ a b c (EN) Matt Casamassina, Metroid Dread Nearing, in IGN, 26 agosto 2007. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  5. ^ a b (EN) Craig Harris, GDC 10: Sakamoto on Metroid Dread: Please Be Patient., in IGN, 12 marzo 2010. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2014).
  6. ^ (EN) Chris Kohler, Nintendo Teases, Denies Existence of Metroid Dread, in Wired, 6 settembre 2007. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2015).
  7. ^ a b c (EN) Marc Zablotny, Nintendo 2013 wish list, in Official Nintendo Magazine, 1º gennaio 2013, p. 1. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2014).
  8. ^ (EN) Patrick Klepek, Metroid Dread Cancelled?, in 1UP.com, 20 novembre 2005. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  9. ^ (EN) Stephen Totilo, Retro Studios Answers The Dreaded "Metroid Dread" Question -- And Other "Prime" Exclusives, in MTV, 26 settembre 2007. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2013).
  10. ^ (EN) Chris Kohler, Retro: Metroid Dread Name Drop 'Complete And Utter Coincidence', in Wired, 27 settembre 2007. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2010).
  11. ^ (EN) METROID DREAD REFERENCE REMOVED FROM JAPANESE VERSION OF METROID PRIME 3: CORRUPTION, su gonintendo.com.
  12. ^ (EN) Yoshio Sakamoto discusses Metroid 64, Metroid Dread and the 3DS, in GamesTM, 14 settembre 2010. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2013).
  13. ^ (EN) Stephen Totilo, Nintendo: New Metroid Is NOT Metroid Dread, in Kotaku, 3 giugno 2009. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2014).
  14. ^ (EN) Evan Campbell, E3 2017: Metroid: Samus Returns Is Not Metroid Dread, in IGN, Ziff Davis, 14 giugno 2017. URL consultato il 28 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2017).
  15. ^ (EN) Craig Harris, Nintendo Voice Chat Podcast Episode 75 - Wii Feature at IGN, su IGN, 3 maggio 2010. URL consultato il 3 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2012).
  16. ^ (EN) Thomas Whitehead, Unseen64 Digs Up Development Insights Into Metroid Prime: Hunters, Dread and Federation Force, su Nintendo Life, 8 luglio 2015. URL consultato il 5 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2018).
  17. ^ (ES) Álvaro Alonso, Así se hizo Metroid: Samus Returns - Entrevista a Yoshio Sakamoto, su Hobby Consolas, 19 luglio 2018. URL consultato il 5 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2019).
  18. ^ (EN) Christopher Grant, Metroid Dread concept is something Sakamoto 'can't say never existed', in Joystiq, 12 marzo 2010. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2014).
  19. ^ (EN) Ryan Geddes, Life Support: Games in Danger, in IGN, 30 marzo 2011. URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2013).
  20. ^ (EN) Metroid: Dread brings the franchise to Switch, su VentureBeat, 15 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  21. ^ a b (EN) METROID DREAD Switch, su metacritic.com.
  22. ^ (EN) Review: Metroid Dread, su destructoid.com.
  23. ^ METROID DREAD RECENSIONE: L'IMPERFETTA CHIUSURA DEL CERCHIO, su everyeye.it.
  24. ^ (JA) メトロイド ドレッド(Switch)のレビュー・評価・感想情報, su famitsu.com.
  25. ^ (EN) Metroid Dread Review – Astro Dreadnought, su gameinformer.com.
  26. ^ (EN) Metroid Dread Review: Space Truckin', su gamespot.com.
  27. ^ (EN) METROID DREAD REVIEW: "SAMUS ARAN IS A LITTLE OFF HER GAME", su gamesradar.com.
  28. ^ (EN) Metroid Dread Review, su ign.com.
  29. ^ Metroid Dread, la recensione del grande ritorno di Samus, su multiplayer.it.
  30. ^ (EN) Metroid Dread Review, su nintendolife.com.
  31. ^ (EN) Metroid Dread review: a strong adventure that’ll delight fans, su vg247.com.
  32. ^ https://www.tomshw.it/videogioco/metroid-dread-convince-abbattuto-un-record-per-la-serie-nintendo/
  33. ^ https://www.videogameschronicle.com/news/metroid-dread-has-triggered-a-franchise-sales-boost-across-multiple-platforms/
  34. ^ https://www.gamesindustry.biz/articles/2021-10-11-metroid-dread-is-the-fastest-selling-metroid-game-in-uk-history-uk-boxed-charts
  35. ^ https://www.videogameschronicle.com/news/dread-has-already-outsold-nearly-every-metroid-game-in-japan/
  36. ^ https://www.nintendoenthusiast.com/famitsu-sales-big-debuts-for-metroid-dread-and-switch-oled-in-japan/

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi