Metione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metione
Nome orig. Μητίων
Sesso Maschio
Luogo di nascita Atene
Professione Re di Atene

Metione (in greco antico Μητίων) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Eretteo e di Prassitea.

Sua moglie fu Alcippe,[1] e tra i suoi figli ci sono Dedalo, Palamone, Eupalamo e Sicyon (Σικυών)[2],
A volte Dedalo viene definito come figlio di Palamone o di altri padri.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Re di Atene e di Prassieta aveva alcuni fratelli e molte sorelle, Cecrope II, Pandora, Procri, Creusa, Ctonia Protogenia e Orizia.[3]

Secondo altri autori il numero di fratelli e sorelle era molto superiore ed i suoi figli, chiamati Metionidi, ebbero un ruolo importante per quanto riguarda la successione al trono riuscendo a scacciare il futuro re Pandione II.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca, libro III, 15, 5-6,8
  2. ^ Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, 2.6.5 (In inglese)
  3. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca, libro III, 15, 1

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luisa Biondetti, Dizionario di mitologia classica, Milano, Baldini&Castoldi, 1997, ISBN 978-88-8089-300-4.
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca