Meteos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Meteos
videogioco
Meteos.png
La copertina del gioco
Titolo originaleメテオス
PiattaformaNintendo DS, Telefono cellulare
Data di pubblicazioneGiappone 10 marzo 2005
Flags of Canada and the United States.svg 27 giugno 2005
Flag of Europe.svg 23 settembre 2005
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 24 novembre 2005
GenereRompicapo
OrigineGiappone
SviluppoQ Entertainment
PubblicazioneBandai, Nintendo
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore (fino a quattro giocatori)
SupportoScheda di gioco, download
Distribuzione digitaleXbox Live
Fascia di etàCEROA · ESRBE · PEGI: 3
SerieMeteos

Meteos (メテオス Meteosu?) è un videogioco rompicapo sviluppato da Q Entertainment e pubblicato nel 2005 da Bandai per Nintendo DS. Commercializzato in America settentrionale e in Europa da Nintendo[1], il videogioco è stato convertito per telefono cellulare e distribuito su Xbox Live Arcade. Nel 2007 è stato realizzato uno spin-off del videogioco, dal titolo Meteos: Disney Magic, che presenta personaggi Disney tratti da franchise quali Pirati dei Caraibi, Nightmare Before Christmas, Toy Story e Il re leone.[2]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato sulla navicella spaziale Metamo Ark, lo scopo di Meteos è quello di lanciare meteoriti, denominati Meteos, per distruggere i pianeti. Per mandare in orbita i meteoriti, bisogna allinearne tre dello stesso colore in verticale o in orizzontale su una griglia quadrata. I Meteos che appaiono, il loro stile visivo e la fisica dipendono dai livelli, composti dai vari pianeti, e rappresentano un colore: bianco per l'aria, azzurro per l'acqua, rosso per il fuoco, arancione per la terra, viola per il metallo, giallo per l'elettricità, verde scuro per l'erba, rosa per zoo, ossia la vita, verde chiaro per la luce e blu scuro per il buio, più altri due tipi rari, ossia anima e tempo. Il giocatore deve inoltre resistere agli attacchi delle meteoriti provenienti dal pianeta, che se raggiungeranno la linea rossa in cima allo schermo provocheranno il game over.

Il gioco ha una modalità storia: un pianeta ostile e malvagio, Meteo, sta sparando Meteos a diversi pianeti, causando morte e distruzione sui vari mondi, ma le popolazioni di tutti i pianeti, una volta scoperto che allineando tre Meteos dello stesso tipo possono rispedirli nello spazio, usano questa strategia per contrattaccare. Spetta alla Metamo Ark, un'astronave fatta di Meteos, raggiungere e distruggere Meteo. In questa modalità storia sono presenti tre tipi di percorsi distinti, tutti con Meteo come boss finale, ossia un percorso dritto con pianeti casuali, un bivio con sette possibili finali, e un percorso con missioni che devono essere tutte completate per raggiungere il finale migliore sconfiggendo il vero Meteo (tre pianeti Meteo allo stesso tempo), e il finale varia in base al percorso in cui si ha sconfitto Meteo. Nella modalità multigiocatore si può giocare in due o quattro giocatori con l'obiettivo di distruggere i pianeti avversari.

Pianeti[modifica | modifica wikitesto]

Geolitia: un pianeta molto simile alla Terra, con percentuali bilanciate di Meteos aria, fuoco, acqua, terra e una minore quantità di Meteos zoo. Ha una gravità bilanciata e nove colonne, rendendolo ottimo per i principianti, e 5,8 miliardi di abitanti. È uno dei quattro pianeti iniziali assieme a Ignius, Oleana e Anasaze.

Bavoom: un pianeta simile a un tornado con venti che vanno alla velocità anche di 8 000 km orari ed è abitato da 68 miliardi di bavoomiani. Ha dieci colonne e una quantità prevalente di Meteos aria, con quantità minori di Meteos acqua, fuoco, ferro e terra. La fisica è diversa dal solito, dato che normalmente i Meteos lanciati cadono velocemente, ma usando l'acceleratore per farne cadere di più, la caduta dei Meteos lanciati rallenta di molto anziché aumentare, e il sequel Meteos Wars lo mostra con i venti del pianeta che si muovono tutti nella stessa direzione quando accade.

Ignius: un piccolo pianeta di lava viscosa. Ha sette colonne e la gravità è abbastanza leggera, soprattutto con i lanci verticali. È abitato da 30 milioni di ignii capaci di controllare la lava. Il tipo di Meteos dominante è il fuoco, con quantità minori di Meteos aria, terra, metallo ed elettricità.

Magmor: un piccolo pianeta fuso pieno di lava viscosa dove la popolazione locale si fonde. I magmoriani sono una razza solitaria che si sta lentamente estinguendo, con solo trentadue abitanti, rendendo Magmor il secondo pianeta meno abitato a parte Meteo. Si trovano in prevalenza Meteos fuoco, con una minore quantità di Meteos aria, acqua, ferro ed elettricità e ha nove colonne. La fisica è simile al lanciare qualcosa di viscoso. Magmor sembra essere basato sull'Inferno.

Oleana: un pianeta oceanico dove si trovano in prevalenza Meteos acqua, con percentuali leggermente inferiori di Meteos aria, fuoco, elettricità ed erba. Ha nove colonne e la gravità è come se il lancio avvenisse sott'acqua: i lanci danno meno distanza rispetto a Geolitia, ma i Meteos lanciati cadono molto lentamente. Su questo pianeta vivono 7 miliardi di oleaniani, una razza pacifica e avanzata.

Polaria: un piccolo pianeta gelido con 10 000 abitanti. I pesanti corpi dei polariani sono fatti di ghiaccio, e amano scivolare. Qui si trovano Meteos acqua in abbondanza, con quantità più basse di Meteos aria, terra, elettricità e metallo. Ha lo stesso numero di colonne di Ignius e una gravità simile.

Anasaze: un pianeta selvaggio dall'atmosfera rarefatta i cui abitanti si sono adattati per vivere per giorni senza acqua. Ci sono 2,2 miliardi di anasaziani sul pianeta, che ha una prevalenza di Meteos terra, una quantità media di Meteos aria, fuoco e metallo e una piccola quantità di Meteos zoo. I lanci iniziano abbastanza forti per poi indebolirsi fino al settimo e poi riprendere forza. Ha nove colonne.

Forte: un pianeta pieno di crepe e privo di acqua e piante abitato da 120 milioni di forti, una razza timida i cui corpi simili ad aerei li rende eccellenti saltatori. Il pianeta ha la più alta quantità di Meteos terra, con una piccola quantità di Meteos fuoco, metallo e zoo e quantità bassissime di Meteos aria. I lanci orizzontali sono abbastanza deboli, soprattutto quelli consecutivi, ma quelli verticali sono potenti, rendendo il pianeta ottimo per ottenere velocemente punti o per attacchi potenti.

Smogor: un tempo questo pianeta era abitato, ma la sua industrializzazione eccessiva ha distrutto l'ambiente e la popolazione nativa è stata costretta a vagare nello spazio, lasciandosi alle spalle 32 miliardi di robot smogoriani che li attendono ancora. Ha nove colonne e una prevalenza di Meteos ferro, con una quantità bilanciata di Meteos aria, acqua, fuoco ed elettricità e una gravità bilanciata, con lanci rapidi e una caduta piuttosto lenta, ma con una forza di lancio che non cambia mai.

Cavernis: questo pianeta di grandi dimensioni ha un'enorme caverna visibile dallo spazio ed è abitato da 3 miliardi di cavernici, una popolazione testarda che usa la testa come martello. Il pianeta ha undici colonne e una prevalenza di Meteos terra, con quantità più basse di Meteos fuoco, erba, ferro ed elettricità, con una gravità piuttosto debole, ma i Meteos lanciati cadono più velocemente con il tempo.

Mekks: un piccolo pianeta meccanizzato in costante evoluzione e abitato da 20 milioni di robot, un tempo era una miniera spaziale. In questo pianeta prevalgono Meteos metallo ed elettrictà, con quantità inferiori di Meteos aria, fuoco e acqua. Nel gameplay, la gravità fa sì che i Meteos lanciati raggiungano una certa altezza per poi tornare velocemente giù e ci sono sette colonne.

Suburbion: il pianeta più piccolo del gioco, è una stazione spaziale di 40 km, con 4 miliardi di abitanti di una razza così bellicosa e aggressiva da distruggere il loro stesso pianeta d'origine. Ha nove colonne e una prevalenza di Meteos elettricità e metallo e buone quantità di Meteos buio, con quantità minori di Meteos zoo ed erba. La gravità è simile a quella dei salti, con Meteos lanciati che salgono in fretta e poi tornano giù altrettanto rapidamente dopo aver aggiunto il culmine del lancio, ma è abbastanza leggera.

Gravitas: questo pianeta grosso e denso ha una gravità estremamente alta, 10 miliardi di volte più forte di quella di Geolitia, al punto da rendere il cielo contorto e da trasformare ogni cosa in materia ultradensa. A causa dell'enorme gravità, i 70 milioni di gravitiani riescono a malapena a reggersi in piedi, risultando in una vita molto stressante in cui non se la passano molto bene e possono godersi poco tempo libero. C'è una prevalenza di Meteos terra, seguita da Meteos ferro, elettricità, aria e zoo. Il pianeta ha undici colonne, e la gravità estrema fa sì che un lancio non abbia effetto, ma il secondo lancia i Meteos all'istante. Nel sequel Meteos online, c'è un fenomeno noto come Gravitas 9, in cui la gravità brutale di Gravitas diventa ancora più estrema.

Holozero: un piccolo pianeta olografico abitato da una popolazione minuscola e illusionista che trae forza dagli ologrammi con cui convive. Ha 10 trilioni di abitanti. Su questo pianeta c'è una prevalenza di Meteos elettricità, con quantità leggermente inferiori di Meteos aria, fuoco, acqua e ferro. La gravità è abbastanza leggera, con lanci e cadute piuttosto rapide.

Perilia: questo pianeta è una giungla paludosa pieno di predatori, e gli 800 miliardi di periliani si sono adattati per sopravvivere, diventando una razza bellicosa. C'è una prevalenza di Meteos erba, con quantità piccole di Meteos acqua e quantità ancora minori di Meteos aria, terra e zoo. Il pianeta ha nove colonne e una gravità simile a quella di Suburbion, ma un po' più pesante.

Arborea: questo pianeta è un albero gigante abitato da 120 miliardi di arborei che vivono in simbiosi con esso e ci forniscono nutrimento. Il pianeta ha undici colonne e una grande prevalenza di Meteos erba e una minoranza di Meteos aria, acqua, fuoco e terra. I lanci hanno la stessa forza come su Smogor e una gravità piuttosto bassa, rendendo Arborea ottimo come pianeta difensivo.

Megadom: un piccolo pianeta simile a un gigante gassoso avvolto in gas particolarmente denso. Gli indigeni locali, che vivono su un'isola fluttuante nel pianeta, sono eterni ottimisti grazie a questo gas, e sono in 120 milioni. Qui si ottengono perlopiù Meteos aria, fuoco ed elettricità, con una quantità leggermente inferiore di Meteos erba e terra. Il pianeta ha nove colonne e i lanci sono inizialmente potenti, ma perdono potenza a ogni lancio combinato e i Meteos lanciati cadono lentamente.

Insomnis: un piccolo pianeta con una luna che gli orbita attorno, ha una strana atmosfera che lo lascia eternamente in uno stato di alba e crepuscolo. Come risultato, i 50 000 nativi sono insonni, ma amano far finta di dormire. Insomnis ha una quantità bilanciata di Meteos aria, fuoco, terra, erba e zoo, una gravità media e otto colonne.

Trinova: un pianeta misterioso a forma di ottaedro, è il secondo più grande del gioco dopo Meteo e il più popolato in assoluto, con 36 trilioni di trinove che sono per metà energia pura. Questa strana luce è nata tra due supernove e sembra essere un'altra dimensione. Il pianeta ha undici colonne e una gravità leggera, con lanci alti e veloci, e c'è una prevalenza di Meteos fuoco ed elettricità, seguita da una quantità buona di Meteos luce, bilanciato con quelli zoo e ferro.

Vortinia: un grosso pianeta circondato da un enorme vortice che risucchia ciò che si avvicina. Ha 25 miliardi di abitanti di una razza che caccia con gli istinti da cacciatore, usando zanne velenose per cacciare, ma sono abbastanza intelligenti da comunicare con la vita aliena. Il pianeta ha undici colonne e una gravità simile a quella di Mekks, mentre i Meteos principali che si ottengono qui sono quelli zoo, seguiti da una quantità bilanciata di Meteos aria, fuoco, ferro elettricità ed erba. Il design dei Meteos in questo livello e gli effetti sonori sono molto simili a quelli del gioco Space Invaders.

Hevendor: questo misterioso pianeta è abitato solo dai Sette Saggi, capaci di usare la psicocinesi e altri poteri psichici, e davanti alla loro fisica, lanciano i Meteos come giocattoli: infatti, la gravità del pianeta è estremamente leggera, lanciando i Meteos fuori dallo schermo all'istante. Il pianeta ha undici colonne e quantità di Meteos aria, fuoco, acqua, ferro ed elettricità bilanciati, ma nella versione giapponese ci sono ancora più tipi.

Aetheria: uno strano pianeta circondato da gas colorati. Il numero di abitanti è sconosciuto, ma i suoi abitanti sono senzienti e abili mutaforma. Qui si può ottenere una dominanza di Meteos aria, con una minoranza di Meteos acqua, fuoco, elettricità e terra. Il pianeta ha nove colonne una gravità bassissima e fluttuante a causa dei suoi gas, con i lanci lenti ma le cadute veloci e poco tempo prima che i Meteos bruciati si ripristino, il che lo rende ottimo per creare un muro difensivo con le cataste di Meteos lanciati.

Gigantis: un pianeta di grandi dimensioni coperto da nuvole, con due miliardi di abitanti. Il pianeta ha undici colonne e una prevalenza di Meteos aria, con una quantità minore ma bilanciata di Meteos acqua, fuoco, zoo ed erba e una piccola quantità di Meteos luce. La gravità è abbastanza simile a quella di Geolitia.

Pyros: questo pianeta di grandi dimensioni e dall'aspetto cubico ha un calore così intenso da far brillare di giallo la sua superficie di ferro. Qui vivono 50 milioni di Pyros, dei giganti selvaggi ma dal grande senso del dovere. Il pianeta ha dieci colonne e una grande prevalenza di Meteos fuoco, seguita poi da Meteos metallo e piccole quantità di Meteos terra, elettricità e buio. La sua gravità è abbastanza elevata: il primo lancio ha poca distanza e il secondo lancia tutti i Meteos ad alta velocità, ma se non è sufficiente, i lanci successivi non avranno effetto.

Sferia: questo piccolo pianeta è oceanico, ma il suo oceano è viscoso e schiumoso, facendolo sembrare una bolla trasparente. È abitato da 26 miliardi di sferiani che pattinano tra le bolle create dall'oceano del pianeta e odiano le cose appuntite e spigolose. Il pianeta ha otto colonne e una gravità abbastanza contenuta, con lanci orizzontali potenti e lanci verticali inutili a terra e deboli in aria, e qui si può ottenere un'enorme quantità di Meteos acqua, seguita da basse quantità di Meteos aria, ferro ed elettricità e piccole quantità di Meteos luce.

Neuralis: un pianeta elettrificato abitato da tre miliardi di abitanti di una razza che si è trasferita in un cervello elettrico e sembra in grado di trasformarsi in elettricità. Qui c'è una dominanza di Meteos elettricità, seguita da una piccola quantità di Meteos acqua, metallo ed erba e quantità minori di Meteos buio. Il pianeta ha nove colonne e una gravità sotto la media, con lanci inizialmente deboli ma che guadagnano forza a ogni lancio.

Florias: questo pianeta è circondato da diversi sistemi di anelli e ha una superficie piena di fiori. I 400 miliardi di floriani che abitano Florias sono delle piccole piante senzienti col potere della divinazione, dato che possono prevedere il futuro nei loro petali. Il pianeta ha dieci colonne e grandi quantità di Meteos erba e zoo, quantità medie di Meteos aria e acqua, quantità basse di Meteos fuoco e quantità minori di Meteos buio non mostrate nel profilo, mentre le altre caratteristiche sono nella media, ma i lanci sono più forti nella parte bassa dello schermo.

Globin: un pianeta vivente dalla forma di un globulo rosso. Il numero di abitanti è sconosciuto, ma la popolazione fornisce nutrimento al pianeta e neutralizza le minacce. Sul pianeta ci sono dieci colonne e prevalgono i Meteos zoo, seguiti da quantità bilanciate di Meteos aria, acqua, fuoco ed erba e una piccola quantità di Meteos fuoco. La gravità è piuttosto contenuta e i lanci sono potenti, ma come riferimento al fatto che l'organismo diventa debole con l'età, più il tempo passa, e minore sarà il tempo che si avrà per liberare la colonna quando arriva alla cima dello schermo.

Stellis: diversi anelli sono situati attorno a un portale che conduce al pianeta effettivo, la dimora di una dea che porta il nome del pianeta stesso, abitato da mille oracoli che vivono per proteggerla. Il pianeta ha otto colonne, buona potenza di lancio e una gravità contenuta, simile a quella di Holozero, ma è più facile da usare, e qui si trovano principalmente Meteos zoo, seguiti da una quantità media di Meteos acqua, dei Meteos aria, terra e luce e piccole quantità di Meteos erba.

Calendor: un pianeta riflettente e pieno di luce, non lasciando entrare nessun'ombra. Questo pianeta è abitato da un miliardo di calendori che comunicano riflettendo la loro luce. In questo pianeta cadono molti Meteos luce in modo bilanciato con i Meteos fuoco, acqua, elettricità e metallo. Ha undici colonne e una buona potenza di lancio, ma la sua fisica è diversa da diversi pianeti, con lanci deboli per cataste elevate. Su Globin Calendor, lo stile dei Meteos è quello di blocchi con un kanji giapponese corrispondente al tipo di Meteos.

Luna=Luna: questo pianeta è diverso dagli altri, dato che sono due lune gemelle, una rossa e una verde che orbitano vicine, e i tremila abitanti, simili a razzi giocattolo, cercano spesso di saltare da una luna all'altra. I Meteos cadono lentamente ma più alla volta, e la gravità è bassa come sulla Luna. I Meteos che cadono su Luna=Luna sono in quantità bilanciata di Meteos fuoco, elettricità, erba, terra e metallo più alcuni Meteos buio, e il pianeta ha nove colonne.

Meteo: questo pianeta enorme è perfino più grande di alcune stelle, ed è il malvagio creatore dei Meteos e artefice della catastrofe dell'universo, distrutto dalla Metamo Ark nella modalità storia. A differenza degli altri pianeti, non è abitato affatto, ma è senziente. Ha undici colonne, ma i tipi di Meteos sono incostanti, cambiando ogni volta che lo si usa. La fisica è un misto tra Magmor e Forte, con Meteos lanciati che cadono lentamente e i lanci che perdono forza tra il secondo e il quarto lancio prima di rafforzarsi, ma è in generale molto difficile da usare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tom Orry, Nintendo will publish Meteos in the USA, su VideoGamer.com, 29 marzo 2005.
  2. ^ (EN) Meteos: Disney Magic, su IGN.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]