Metal Is Forever - The Very Best of Primal Fear

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metal Is Forever – The Very Best of Primal Fear
Artista Primal Fear
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 2006
Dischi 2
Tracce 25
Genere Heavy metal
Power metal
Etichetta Nuclear Blast Records
Produttore Mat Sinner
Primal Fear - cronologia
Album precedente
(2005)
Album successivo
(2007)

Metal Is Forever – The Very Best of Primal Fear è la prima raccolta del gruppo musicale tedesco heavy/power metal Primal Fear, pubblicata in concomitanza con la chiusura del contratto con l'etichetta discografica Nuclear Blast.

Il primo disco contiene i "classici" della band, nel secondo invece sono raccolte tutte le cover pubblicate dai Primal Fear nel corso della loro storia (alcune come bonus track dei loro dischi , altre per compilation tributi).

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD 1[modifica | modifica wikitesto]

  1. "Metal Is Forever" - 4:46
  2. "Chainbreaker" - 4:39
  3. "Seven Seals" - 3:54
  4. "Nuclear Fire" - 4:23
  5. "Final Embrace" - 5:08
  6. "The Healer" - 6:40
  7. "Rollercoaster" - 4:28
  8. "Armageddon" - 4:05
  9. "Angel in Black" - 3:58
  10. "Under Your Spell" - 5:36
  11. "Evil Spell" - 4:32
  12. "Running in the Dust" - 4:37
  13. "Suicide and Mania" - 4:03
  14. "Iron Fist in a Velvet Glove" - 5:17
  15. "Fear" - 4:20
  16. "Tears of Rage" - 6:47

CD 2[modifica | modifica wikitesto]

Bonus CD "Metal Classics": Edizione Europea

  1. "Out in the Fields" (Gary Moore) - 3:57
  2. "Kill the King" (Rainbow) - 4:32
  3. "Speed King" (Deep Purple) - 3:59
  4. "Die Young" (Black Sabbath) - 4:05
  5. "Metal Gods" (Judas Priest) - 3:37
  6. "Breaker" (Accept) - 3:29
  7. "Seek and Destroy" (Metallica) - 7:10
  8. "2 Minutes to Midnight" (Iron Maiden) - 6:01
  9. "The Rover" (Led Zeppelin) - 4:46

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal