Messene (figlia di Triopa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Messene
Nome orig.Μεσσήνη
SessoFemmina
Luogo di nascitaArgo
ProfessionePrincipessa di Argo ed eponima della Messenia

Messene (in greco antico: Μεσσήνη, Messénē) è un personaggio della mitologia greca. Fu una principessa di Argo ed eponima della Messenia[1].

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Triopa[1], sposò Policaone[1].

Non risulta essere stata madre[2].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Fu una donna decisa ed ambiziosa e dopo la morte di Lelego (suo suocero e re di Laconia), non accettò il fatto che il regno spettasse al cognato Milete. Così radunò dei combattenti provenienti sia da Argo che dalla Laconia ed assieme al marito invase un territorio confinante (e che prese in seguito il nome di Messenia) ed una volta conquistato, vi fondò con il marito la città di Andania dove in seguito fecero costruire il loro palazzo[1].
La sua effige era sulle monete del regno e si dice che vi abbia anche introdotto i misteri eleusini[3].

Dopo che Glauco (figlio di Epito), costruì un heroon in suo onore gli abitanti della Messenia la venerarono come eroina eponima[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia IV, 1.1 e seguenti, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  2. ^ (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia IV, 1.9 e 2.1 e 2.2, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  3. ^ a b (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia IV, 3.5 e seguenti, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca