Messalina (film 1951)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Messalina
Titolo originale Messalina
Paese di produzione Italia, Francia, Spagna
Anno 1951
Durata 109 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere storico
Regia Carmine Gallone
Soggetto Carmine Gallone
Sceneggiatura Pierre Laroche, Cesare Vico Lodovici, Vittorio Nino Novarese e Albert Valentin
Produttore Carmine Gallone e Cesáreo González (non accreditato)
Casa di produzione Produzione Gallone, Filmsonor e Suevia Films (non accreditata)
Fotografia Anchise Brizzi
Montaggio Niccolò Lazzari
Musiche Renzo Rossellini
Scenografia Gastone Medin
Costumi Anna Maria Feo e Vittorio Nino Novarese
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Messalina è un film del 1951, diretto dal regista Carmine Gallone.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Assetata di potere e di piacere, Messalina cambia amanti tanto velocemente quanto elimina i propri nemici, come il probo Valerio.
Riesce persino a convincere l'imperatore Claudio, atterrito da un falso oracolo, che per salvarlo lei deve risposarsi con l'amante Caio Sillo; ma il piano con cui pensa di impossessarsi del trono imperiale le si rivolterà contro.

Note[modifica | modifica sorgente]

Magniloquente produzione in costume che recupera uno dei personaggi più discussi della storia romana, ma non riesce a sfruttarlo adeguatamente.

La trama - troppo spezzettata tra mille personaggi - non riesce mai a decollare, e il lato pruriginoso della protagonista (che frequenta anche la suburra nei panni della prostituta Licina) non è mai cavalcato con coraggio: anzi, quasi a equilibrare il già scarso fascino di questa peccatrice, c'è anche una parentesi religiosa con una danzatrice che, dopo aver solo abbracciato una prigioniera cristiana, riesce ad ammansire i leoni che dovrebbero divorare il fidanzato nell'arena.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) Messalina in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema