Messaggero dei Ragazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Messaggero dei Ragazzi è un mensile di fumetti, storie e attualità pubblicato dall'editrice di Padova Messaggero di Sant'Antonio dei Frati Minori Conventuali.

Storia e attualità del Messaggero dei Ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

Il Messaggero dei Ragazzi è un mensile (di 68 pagine) per adolescenti diffuso solo per abbonamento.

Il MeRa (così chiamato dai suoi giovani lettori) è curato dai frati francescani della Basilica del Santo. Già nel 1922 esisteva una rivista per i più piccoli intitolata S. Antonio e i fanciulli, ospitata come supplemento tra le pagine del Messaggero di Sant'Antonio. Nel 1963 divenne Messaggero dei Ragazzi e iniziò la pubblicazione autonoma.

Tra i lettori e il frate direttore della testata, fra Simplicio, c'è sempre stato uno speciale rapporto di confidenza e di amicizia. Lo scopo del MeRa è quello di stare a fianco delle giovani generazioni, ascoltare i loro problemi, aiutarli a diventare protagonisti della propria vita, offrire uno strumento di comunicazione per i ragazzi interessante, piacevole e sicuro.

I fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Un posto particolare nella rivista è dedicato ai fumetti: avventure originali o provenienti dal meglio della produzione franco-belga per ragazzi. Al Messagero dei Ragazzi hanno lavorato grandi illustratori e fumettisti della storia del fumetto italiano, tra cui Dino Battaglia, Sergio Toppi, Lino Landolfi e Jacovitti, più recentemente gli autori, Fabio Bono e Gino Udina. Da ricordare in particolare il belga Roger Leloup con la serie di avventure fantascientifiche di Yoko Tsuno molto apprezzate negli anni 70.

Le lettere[modifica | modifica wikitesto]

Un'importante sezione del Messaggero dei ragazzi è dedicata alle lettere inviate dai lettori alle quali rispondono frati e psicologi per spiegare tutti i dilemmi e per dare importanti consigli su come comportarsi nei vari casi posti dallo scrittore della lettera.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]