Mercuzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mercuzio
Universo Romeo e Giulietta
Lingua orig. Inglese
Autore William Shakespeare
Interpretato da Jon Becraft, John McEnery, Harold Perrineau Jr., Luca Giacomelli Ferrarini, Christian Cooke
Sesso Maschio
Affiliazione famiglia Montecchi
Luca Giacomelli Ferrarini interpreta Mercuzio.JPG

Mercuzio è un personaggio immaginario del famoso dramma di William Shakespeare Romeo e Giulietta. Parente del Principe, il signore della città-stato di Verona, è buon amico dei Montecchi, in particolar modo del giovane Romeo. Mercuzio ha la caratteristica di esibirsi in lunghi discorsi suggestivi, ed è ritenuto essere uno "spirito libero".

È famoso il discorso di Mercuzio a Romeo quando questi gli confessa di essere perdutamente innamorato e di aver sognato Rosalina, Mercuzio gli risponde che evidentemente era stato visitato dalla Regina Mab. Mercuzio viene ucciso da Tebaldo con un colpo di spada, mentre Romeo cerca di dividere i due. Celebre la sua battuta finale, che si conclude con la maledizione una pestilenza su entrambe le vostre famiglie!. Per vendetta Romeo uccide Tebaldo e viene esiliato da Verona.

L'origine del nome potrebbe provenire da "mercuriale", per sottolineare un carattere mutevole e imprevedibile. Mercurio, nella mitologia romana, era il messaggero degli dei, dalle caviglie alate.

L'attore Sir Jon Becraft fu un magistrale Mercuzio, tanto che la sua interpretazione fu definita il "Mercuzio definitivo".[senza fonte]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro