Mercato Saraceno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mercato Saraceno
comune
Mercato Saraceno – Stemma Mercato Saraceno – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Forlì-Cesena-Stemma.png Forlì-Cesena
Territorio
Coordinate43°57′N 12°12′E / 43.95°N 12.2°E43.95; 12.2 (Mercato Saraceno)Coordinate: 43°57′N 12°12′E / 43.95°N 12.2°E43.95; 12.2 (Mercato Saraceno)
Altitudine150 m s.l.m.
Superficie99,33 km²
Abitanti6 860[1] (31-12-2020)
Densità69,06 ab./km²
FrazioniBacciolino, Bora, Cella, Ciola, Colonnata, Falcino, Linaro, Montecastello, Monte Iottone, Monte Sasso, Montesorbo, Musella, Paderno, Piavola, San Damiano, San Romano, Serra, Taibo, Tornano, Valleripa
Comuni confinantiBagno di Romagna, Cesena, Novafeltria (RN), Roncofreddo, Sarsina, Sogliano al Rubicone, Talamello (RN)
Altre informazioni
Cod. postale47025
Prefisso0547
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT040020
Cod. catastaleF139
TargaFC
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona E, 2 324 GG[3]
Nome abitantimercatesi
Patronosanta Maria Novella
Giorno festivo8 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Mercato Saraceno
Mercato Saraceno
Mercato Saraceno – Mappa
Posizione del comune di Mercato Saraceno nella provincia di Forlì-Cesena
Sito istituzionale

Mercato Saraceno (Marchèt Sarasèin in romagnolo[4]) è un comune italiano di 6 860 abitanti della provincia di Forlì-Cesena in Emilia-Romagna.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina si trova nella valle del Savio, a 38 km dal capoluogo provinciale Forlì e a 27 km da Cesena. Il territorio comunale si sviluppa lungo i contrafforti delle valli dei fiumi Savio, Borello e Rubicone, con altitudine compresa tra 50m e 840m s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Citata per la prima volta in un documento del XIII secolo, venne fondata, verso la metà del 1100, da un certo Saraceno, membro della nobile famiglia ravennate degli Onesti, che ebbe in feudo la zona ai tempi di Dante.

I documenti riferiscono che vicino al mulino ad acqua, che esisteva già nel 1153, Saraceno degli Onesti volle creare un mercato, sullo spiazzo vicino al fiume dotato dell’unico ponte sul Savio tra Cesena e Bagno di Romagna. Il mercato di Saraceno ebbe inizio il 4 maggio ed ebbe durata di dieci giorni e una risonanza tale da rimanere l’unico nella vallata anche nei secoli successivi. Conquistata, nella seconda metà del Duecento, dall'arcivescovo di Ravenna, Filippo Fontana, fu dotata di più castelli, sottoposti a diverse giurisdizioni. Al centro delle mire espansionistiche dei Malatesta e degli Ordelaffi, all'inizio del XVI secolo venne occupata da Cesare Borgia, il duca Valentino, che aveva l'ambizioso progetto di creare nell'Italia centro-settentrionale un grande Ducato.

Dopo il fallimento del disegno del Borgia e del tentativo della Repubblica di Venezia di estendere i propri domini in Romagna si instaurò un periodo di relativa pace che favorì l'ulteriore sviluppo dei traffici commerciali.

Rimasta dominio dello Stato Pontificio fino all’età napoleonica, nell’800 divenne un importante risorsa per l’attività estrattiva dello zolfo che stimolò la crescita demografica e il miglioramento delle vie di comunicazione ma anche un’intensa vita sindacale e di rivendicazioni per il miglioramento delle condizioni di vita dei minatori, che attirarono qui anche personaggi come Andrea Costa.

Lo stemma, che rappresenta un moro bendato, fa parte del gruppo dei cosiddetti "stemmi parlanti" e non ha nulla a che fare con l'origine del borgo.

Vanta oggi una fervida economia agricola, in particolare vitivinicola.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico è composto da una Piazza di Sotto o Piazza de’ Bovi  (ora Piazza Gaiani), da un Borgo di Mezzo (ora via Cavallotti) e dalla Piazza di Sopra (poi Piazza Maggiore e ora Piazza Mazzini). Sulla piazza principale si affacciano la chiesa parrocchiale di Santa Maria Nuova, patrona di Mercato saraceno, il Palazzo comunale, il Palazzo Trovanelli e Palazzo Petrucci. Piazza Mazzini è il cuore della cittadina, e da essa si dipartono le vie che formano l’ordito del centro, organizzato su “terrazzi” che affaccio sul corso del fiume Savio.

Non lontano si trova palazzo Dolcini, nato come Casa del Fascio progettato dall’architetto forlivese Ugo Dolcini, nel 1926, presenta uno stile liberty sobrio ed elegante. Oggi è un centro culturale polivalente comunale, dopo un lungo restauro iniziato negli anni ’60.

Nel territorio si trovano le pregevoli pievi dei Santi Cosma e Damiano a San Damiano e quella di Santa Maria Annunziata di Monte Sorbo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 689 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Marocco 170 2,43%

Albania 105 1,56%

Romania 92 1,31%

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Fiere e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le prime fonti storiche indicano la presenza di fiere e mercati già alla fine del Cinquecento, ma è ipotizzabile che siano comunque più antiche.

  • La "Fiera di maggio", si tiene la prima domenica del mese di maggio e vi si possono trovare prodotti tipici del territorio, in particolar modo selezionati salumi e formaggi e vini di qualità di produzione locale.
  • Festa patronale di santa Maria Nuova, l'8 settembre, in occasione della Natività di Maria (festa d'l ott setembar)
  • Big Fish Day è una manifestazione a scopo benefico che si svolge ogni anno nel mese di maggio. Big Fish, nata nel 2011, è una associazione di promozione sociale che si occupa di organizzare eventi di aggregazione con l'obiettivo di raccogliere fondi a favore di associazioni umanitarie, e sostenere progetti e collaborazioni soprattutto rivolte ai bambini. La giornata è dedicata alla musica, al motociclismo amatoriale e alla solidarietà. Accanto all'evento, si conferisce il Premio Mirko Bartolini (Fish), rivolto a persone, gruppi o associazioni che si sono distinti per l'impegno umanitario.
  • Notte Saracena
  • Tra luglio e agosto le frazioni del comune sono impegnate in un cartellone di eventi unico, patrocinato dal Comune, dal titolo "Palcoscenici d'estate".
  • Fiera del libro

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Monte Iottone[modifica | modifica wikitesto]

Monte Iottone è situato a circa 450 m s.l.m. sul monte omonimo. Vi si svolge ogni anno, nella prima domenica di maggio, una sagra paesana.

Ciola[modifica | modifica wikitesto]

Ciola è situata a circa 600 m s.l.m., nelle vicinanze di Musella dove si trova il Monte di San Vicinio in cui il Santo si rifugiava in preghiera e la fonte di San Vicinio. Nelle vicinanze si trova la Pieve romanica di Montesorbo, di notevole valore artistico. Vi sono collocate pregiate colonne di marmo cipollino, oltre alla copia di un dipinto, conservato altrove, raffigurante la Madonna col Bambino. La festa paesana si svolge la seconda domenica di maggio; patrona della frazione è Sant'Eurosia.

Paderno[modifica | modifica wikitesto]

Il sito di Castrum Paderni, (o Paterni), situato a m. 282 s.l.m. è già presente nell'anno 1220 quando venne concesso alla chiesa di Sarsina dall'Imperatore Federico II per poi tornare in documenti successivi, conteso dalla potente famiglia degli Ordelaffi di Forlì e successivamente da Ferratino Malatesta e dalla chiesa di Ravenna. La chiesa dedicata a Santa Maria Nuova, costruita negli anni trenta su progetto dell'architetto cesenate Pietro Riciputi conserva all'interno un affresco del 1575. Il luogo fu residenza di Arnaldo Mussolini [6] che vi è sepolto.

ALTRE FRAZIONI

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26 ottobre 1988 15 giugno 1990 Fernando Di Guilmi Partito Repubblicano Italiano Sindaco [7]
15 giugno 1990 24 aprile 1995 Oscar Bolognesi Partito Socialista Italiano Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 2004 Oscar Graziani centrosinistra Sindaco [7]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Giampaolo Leonardi centrosinistra Sindaco [7]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Oscar Graziani centrosinistra Sindaco [7]
26 maggio 2014 in carica Monica Rossi centrosinistra Sindaco [7]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132729462