Memoria delle mie puttane tristi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Memoria delle mie puttane tristi
Titolo originale Memoria de mis putas tristes
Gabriel Garcia Marquez2 (2009).jpg
Gabriel García Márquez durante il Festival Internacional de Cine de Guadalajara, 2009
Autore Gabriel García Márquez
1ª ed. originale 2004
1ª ed. italiana 2005
Genere romanzo
Lingua originale spagnolo

Memoria delle mie puttane tristi (titolo originale spagnolo: Memoria de mis putas tristes) è l’ultimo romanzo di Gabriel García Márquez pubblicato quando l’autore era ancora in vita.

La trama dell'opera fu ispirata all'autore dal romanzo giapponese La casa delle belle addormentate, del quale viene citato l'incipit in epigrafe del romanzo:

(ES)

« No debía hacer nada de mal gusto, advirtió al anciano Eguchi la mujer de la posada. No debía poner el dedo en la boca de la mujer dormida ni intentar nada parecido. »

(IT)

« Scherzi di cattivo gusto non bisogna farne; non sta bene neppure infilare le dita nella bocca delle ragazze che dormono. »

(Kawabata Yasunari, La casa delle belle addormentate)


Trama[modifica | modifica wikitesto]

Poco prima di compiere novant’anni, un anziano giornalista e critico musicale di Barranquilla in Colombia decide di regalarsi per il proprio compleanno “una notte d’amore folle con un’adolescente vergine”. Nella sua vita l’uomo non ha mai conosciuto l’amore:

« Non sono mai andato a letto con una donna senza pagarla, e le poche che non erano del mestiere le convinsi con la ragione o con la forza a prendere il denaro sia pure per buttarlo nella spazzatura. Verso i vent’anni cominciai a tenere un registro col nome, l’età, il luogo, e un breve resoconto delle circostanze e dello stile. Fino ai cinquant’anni erano cinquecentoquattordici le donne con cui ero stato almeno una volta.[1] »

Prende contatto con Rosa Cabarcas, anziana tenutaria di una casa d’appuntamenti, che riesce a trovargli una ragazzina di 14 anni, così preoccupata del momento di perdere la verginità che deve sedarla; la vigilia del compleanno l’uomo si introduce nella camera ma non riesce a svegliare la ragazzina, e si accontenta di guardare la sua bellezza nuda sul letto. Il giorno successivo si reca alla sede del giornale per consegnare il suo ultimo pezzo di critica musicale, che chiude una rubrica durata decenni, perché rassegna contemporaneamente le dimissioni. Il direttore però le respinge.

Rosa Cabarcas lo contatta, gli offre una seconda notte con la fanciulla, che lui soprannomina “Delgadina” (“magrolina”). Il protagonista accetta, ma di nuovo si limita a ammirarla. Assieme a questa ragazza ancora immatura, troverà ciò che non è mai stato in grado di cogliere nel letto di tante altre donne: l'amore. Difatti ogni notte, giacendo immobile accanto a lei, intraprenderà un viaggio interiore alla scoperta di ciò che è stato, e che da un momento all'altro potrebbe finire per sempre.

Un giorno un uomo viene assassinato in un’altra stanza dell’albergo d’appuntamenti, la proprietaria si dilegua per qualche settimana e lui perde i contatti con Delgadina. Non sa né come si chiama né come rintracciarla. Si consuma di struggimento scrivendo per il giornale poesie d’amore che hanno molto seguito nei lettori.

Quando finalmente Rosa Cabarcas riprende contatto con lui, l’uomo riesce a organizzare a partire dal novantunesimo compleanno, il tramonto della propria vita in serenità.


Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • in italiano

Il libro, pubblicato in Spagna nel 2004, è stato tradotto in italiano da Angelo Morino nel 2005 e pubblicato da Mondadori.

  • in inglese

Il libro è stato anche tradotto in inglese da Edith Grossman e pubblicato da Alfred A. Knopf Publisher - New York nel 2005.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriel García Márquez, Memoria delle mie puttane tristi, trad. di Angelo Morino, Oscar Mondadori, Mondadori, 2014, pp. 140, ISBN 978-88-04-60492-1.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gabriel García Márquez, Memoria delle mie puttane tristi, trad. di Angelo Morino, Oscar Mondadori, 2014, p. 17.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura