Memorandum Italia-Libia del 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Memorandum d'intesa sulla cooperazione nel campo dello sviluppo, del contrasto all'immigrazione illegale, al traffico di esseri umani, al contrabbando e sul rafforzamento della sicurezza delle frontiere tra lo Stato della Libia e la Repubblica Italiana
Tipotrattato bilaterale
Firma2 febbraio 2017
Scadenza2 febbraio 2023
PartiItalia Italia
Libia Libia
Firmatari originali
Firmatari successiviItalia e Libia
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il memorandum Italia-Libia del 2017, ufficialmente "Memorandum d'intesa sulla cooperazione nel campo dello sviluppo, del contrasto all'immigrazione illegale, al traffico di esseri umani, al contrabbando e sul rafforzamento della sicurezza delle frontiere tra lo Stato della Libia e la Repubblica Italiana", è un memorandum d'intesa tra Italia e Libia firmato il 2 febbraio 2017.

È stato firmato dal presidente del Consiglio dei ministri italiano Paolo Gentiloni e dal primo ministro del Governo di Riconciliazione Nazionale libico Fayez al-Sarraj.[1][2] Per quanto riguarda l'Italia, le trattative che hanno portato alla redazione del memorandum sono state svolte e promosse dall'allora ministro dell'Interno, Marco Minniti.[3] Le trattative si sono svolte soprattutto in Libia, nel gennaio dello stesso anno.

L'accordo, che ha una durata di tre anni, è stato raggiunto nell'ambito della crisi europea dei migranti e della seconda guerra civile in Libia e prevede che il governo italiano fornisca aiuti economici e supporto tecnico alle autorità libiche (in particolare alla Guardia costiera), nel tentativo di ridurre il traffico di migranti attraverso il Mar Mediterraneo, mentre in cambio la Libia si impegna a migliorare le condizioni dei propri centri di accoglienza per migranti.[1][2]

Il memorandum è stato criticato da diverse parti (come il New York Times e il Washington Post) in quanto la Guardia costiera libica che riceve gli aiuti economici italiani, a seguito della guerra civile, è formata da milizie locali che in realtà hanno spesso obiettivi diversi dal reale soccorso in mare e/o che sono direttamente colluse con trafficanti di migranti,[4] inoltre lo stato dei centri di accoglienza è stato paragonato ai lager.[5] Anche l'ONU considera alcuni vertici libici della Guardia costiera, come Abd al-Rahman al-Milad, criminali e trafficanti di migranti.[6]

Il 2 febbraio 2020 il memorandum è stato prorogato automaticamente alle stesse condizioni per altri tre anni.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b L’accordo fra Italia e Libia sui migranti, ilPost, 3 febbraio 2017. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  2. ^ a b Migranti: accordo Italia-Libia, il testo del memorandum, la Repubblica, 2 febbraio 2017. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  3. ^ Federico Gianassi, Memorandum di intesa tra Italia e Libia firmato a Roma il 2 Febbraio 2017 (1/2017), su osservatoriosullefonti.it. URL consultato il 14 luglio 2021.
  4. ^ “Il losco accordo dell’Italia sui migranti”, il Post, 27 settembre 2017. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  5. ^ Maurizio Veglio, L'attualità del male. La Libia dei Lager è verità processuale, 2018, Edizioni Seb 27
  6. ^ ABD AL RAHMAN AL-MILAD, su un.org, ONU, 7 giugno 2018. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  7. ^ Migranti. Prorogato il controverso memorandum Italia-Libia, le associazioni protestano, su avvenire.it, 3 febbraio 2020. URL consultato il 26 maggio 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]