Melogale personata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tasso furetto della Birmania
Melogale personata - Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria - Genoa, Italy - DSC02624.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Mustelidae
Sottofamiglia Mustelinae
Genere Melogale
Specie M. personata
Nomenclatura binomiale
Melogale personata
I. Geoffroy Saint-Hilaire, 1831
Areale

Burmese Ferret-badger area.png

Il tasso furetto della Birmania (Melogale personata I. Geoffroy Saint-Hilaire, 1831) è una specie appartenente al genere dei tassi furetto. È diffuso nelle regioni continentali del Sud-est asiatico.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le varie specie di tasso furetto sono piuttosto simili tra loro nell'aspetto. Il tasso furetto della Birmania ha una lunghezza testa-corpo di 35–40 cm e una coda che misura tra i 15 e i 21 cm. Pesa circa 1,5–3 kg e ha il corpo dalla struttura relativamente allungata. Anche il muso, come quello degli altri tassi furetto, è piuttosto lungo; i denti, tuttavia, sono molto più grandi di quelli delle altre specie del genere. Il colore del mantello del tasso furetto della Birmania varia dal marrone chiaro al marrone scuro sulle regioni superiori, mentre i fianchi sono di un marrone più chiaro. In questa specie la striscia bianca dorsale, che ha inizio sulla sommità della testa, si estende attraverso tutto il tronco, giungendo addirittura fino alla coda, di colore chiaro. La testa è ravvivata da un disegno bianco e nero; gola e petto sono bianchi[2].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Conosciamo ben poco della biologia del tasso furetto della Birmania. Abita in foreste, praterie e terreni coltivati. Si nutre di insetti, vermi, lumache, piccoli mammiferi, lucertole, rane, uccelli, frutta, noci e uova. Animale notturno, trascorre il giorno riposando in grotte o in fessure della roccia. Pur rimanendo per lo più sul terreno, il tasso furetto della Birmania sembra essere anche un buon arrampicatore. Si ritiene che conduca un'esistenza principalmente solitaria. I piccoli nascono di solito in maggio o giugno; ogni nidiata può comprendere fino a tre piccoli[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Talvolta i tassi furetto di Giava e del Borneo vengono considerate sottospecie del tasso furetto della Birmania. A parte queste, gli studiosi riconoscono cinque sottospecie[3]:

  • M. p. personata I. Geoffroy Saint-Hilaire, 1831, diffusa nella fascia che va dall'India nord-orientale fino al Myanmar meridionale e alla Thailandia.
  • M. p. laotum Thomas, 1922, propria del Laos.
  • M. p. nipalensis Hodgson, 1836, propria del Nepal.
  • M. p. pierrei Bonhote, 1903, diffusa in Cambogia e Vietnam meridionale.
  • M. p. tonquinia Thomas, 1922, diffusa in Cina meridionale e Vietnam settentrionale.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Sono scarse le notizie riguardo all'entità delle popolazioni di questa specie. Nel nord dell'areale, in Laos e in Vietnam, essa può essere confusa con il tasso furetto della Cina; oltre alla scarsità dei dati, anche tale somiglianza rende molto difficile fare una stima del numero di esemplari esistenti[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Duckworth, J.W., Long, B., Willcox, D.H.A., Coudrat, C.N.Z., Timmins, R.J., Abramov, A.V., Chan, B. & Chutipong, W. 2016, Melogale personata, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2016.3, IUCN, 2016.
  2. ^ a b c Lariviére & Jennings, 2009 (p. 635).
  3. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Melogale personata, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lariviére, S. & Jennings, A. P. (2009). Family Mustelidae (Weasels and Relatives). In: Wilson, D. E., Mittermeier, R. A., (Hrsg.). Handbook of the Mammals of the World. Volume 1: Carnivores. Lynx Edicions, 2009. ISBN 978-84-96553-49-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi