Mellisuga helenae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Colibrì di Elena
Calypte helenae ampliado.jpg
Mellisuga helenae
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Apodiformes
Famiglia Trochilidae
Genere Mellisuga
Specie M. helenae
Nomenclatura binomiale
Mellisuga helenae
(Lembeye, 1850)

Il colibrì di Elena (Mellisuga helenae [Lembeye, 1850]) è un uccello della famiglia Trochilidae, endemico di Cuba[1][2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È considerato l'uccello più piccolo del mondo: i maschi misurano in media 5,5 cm e pesano 1,95 g, mentre le femmine raggiungono 6,12 cm e un peso di 2,6 g. L'apertura alare media è di 3,25 cm[3].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Hanno una dieta prevalentemente nettarivora e, in misura minore, insettivora[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Mellisuga helenae map.svg

Mellisuga helenae è endemico di Cuba. Vive principalmente nelle aree forestali e ai margini dei boschi. Un tempo comune in tutta l'isola, il suo habitat originario è stato progressivamente soppiantato dalle piantagioni di cacao, caffè e tabacco, per cui attualmente ha un areale molto frammentato che include L'Avana, la Sierra de Anafe, la penisola di Guanahacabibes, la palude di Zapata, Jucaro, Moa, la Cuchillas de Toa, la Sierra Cristal, Mayarí e Guantánamo[1].

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La progressiva distruzione del suo habitat ha portato negli ultimi anni ad un rapido declino della popolazione. Per tali ragioni la IUCN Red List classifica M. helenae come specie prossima alla minaccia di estinzione (Near Threatened)[1].

La specie è inserita nell'Appendice II della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES)[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) BirdLife International 2016, Mellisuga helenae, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019. URL consultato il 2 luglio 2018.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Trochilidae, International Ornithologists’ Union, 2019, IOC World Bird Names (ver 9.2). URL consultato il 2 luglio 2018.
  3. ^ a b (EN) Adrienne Glick, ADW: Mellisuga helenae: INFORMATION, su Alaine Camfield e Randall L. Morrison (a cura di), AnimalDiversity.org, 2004. URL consultato il 2 luglio 2018.
  4. ^ (EN) CITES - Appendices I, II and III (PDF), International Environment House, 2011, Convention On International Trade In Endangered Species Of Wild Fauna And Flora (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2012).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mellisuga helenae, Bird Studies Canada, Avibase - il database degli uccelli nel mondo.
Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli