Melania Corradini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Melania Corradini
Standing woman number 8a.JPG
Melania Corradini in gara ai Mondiali di La Molina 2013
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 61 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Sci alpino paralimpico
Categoria In piedi
Società Sportabili Trento
Palmarès
Giochi paralimpici 0 1 0
Mondiali 1 2 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al marzo 2014

Melania Corradini (Cles, 13 aprile 1987) è una sciatrice alpina italiana disabile, vincitrice di medaglie paralimpiche e mondiali nella categoria "in piedi".

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 2006-2009[modifica | modifica wikitesto]

Residente a Rallo[senza fonte]

portabandiera ai IX Giochi paralimpici invernali di Torino 2006, durante i quali però non ha conseguito medaglie a causa di un infortunio riportato nella gara di supergigante[1]: si è classificata 6ª nella discesa libera e non ha concluso il supergigante e lo slalom gigante.

Ai Mondiali del marzo 2009, organizzati nella stazione sciistica di Jeongseon in Corea del Sud, si è aggiudicata quattro delle sei medaglie conquistate dalla rappresentativa azzurra (le altre due sono andate alla coppia maschile Gianmaria Dal Maistro-Tommaso Balasso)[2]: un oro (nella supercombinata), due argenti (discesa libera e slalom gigante) e un bronzo (supergigante).

Stagioni 2010-2014[modifica | modifica wikitesto]

Ai X Giochi paralimpici invernali di Vancouver 2010, nonostante fosse reduce da un grave infortunio[senza fonte], ha conquistato la medaglia d'argento nel supergigante e si è classificata 4ª nella discesa libera, 8ª nello slalom gigante e 7ª nella supercombinata. Nella stessa stagione ha ottenuto il primo podio in Coppa del Mondo: 3ª in discesa libera a Sestriere[3].

Anche poco prima della successiva rassegna paralimpica, Soči 2014, ha subito un grave infortunio: la frattura della clavicola, patita in Canada l'11 gennaio[4]. È comunque riuscita a essere presente al cancelletto di partenza degli XI Giochi paralimpici invernali, dove si è piazzata 8ª nel supergigante e non ha completato la discesa libera e lo slalom gigante.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Paralimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • 5 podi[3]:
    • 4 secondi posti
    • 1 terzo posto

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 8 settembre 2010. Di iniziativa del presidente della Repubblica.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pierangelo Molinaro, Corradini, sfortuna olimpica, in La Gazzetta dello Sport, 16 marzo 2006. URL consultato il 29 gennaio 2011.
  2. ^ a b Emanuela Zerbinatti, Sei medaglie per l'Italia ai Mondiadi di sci, in Arte e salute, 3 marzo 2009. URL consultato il 29 gennaio 2011.
  3. ^ a b c Scheda Sky, su sport.sky.it. URL consultato il 6 settembre 2014.
  4. ^ Claudio Arrigoni, Paraliampiade Sochi 2014, Melania Corradini si frattura la clavicola: Giochi a rischio, in La Gazzetta dello Sport, 11 gennaio 2014. URL consultato il 6 settembre 2014.
  5. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig.ra Melania Corradini, su quirinale.it. URL consultato il 26 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]