Meganoidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando i meganoidi cyborg nell'animazione giapponese, vedi Daitarn 3.
Meganoidi
Meganoidi.jpg
La band in concerto nel 2007
Paese d'origineItalia Italia
GenereSka[1] (agli inizi)
Ska punk[2][3] (agli inizi)
Post-rock[2]
Rock progressivo
Periodo di attività musicale1997 – in attività
Album pubblicati6
Studio5
Live1
Raccolte0
Sito ufficiale

I Meganoidi sono un gruppo musicale italiano indipendente originario di Genova. Nata con grosse influenze di punk, la band ha negli anni mutato stile fino ad approdare ad un post-rock più lento e fluido per poi arrivare ad un vero e proprio genere nuovo: Il genere Meganoidi.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo si è formato nel 1997 a Genova e Reggio Emilia, mutuando il nome dai "cattivi" dell'anime Daitarn 3 (Noi Meganoidi siamo quelli che / non vincono mai le battaglie contro Daitarn 3 / ...). Il gruppo, originariamente composto da quattro elementi, voce, chitarra, basso e batteria, si è ampliato nel 1998 con l'inserimento della tromba. Grazie al fondamentale supporto di alcuni centri sociali genovesi (“Terra Di Nessuno” e “Zapata”) il gruppo ha subito l'opportunità di esibirsi frequentemente dal vivo e nello stesso anno esce la loro prima demo, Supereroi vs Municipale, composta da cinque canzoni ska (quattro in italiano e una in inglese)[4].

Tre anni dopo si aggiungono alla formazione un sassofonista ed un percussionista (la iena Francesco "Cisco" Di Roberto), e viene realizzato il primo album, Into the Darkness, Into the Moda, con il quale i Meganoidi diventano famosi e conquistano nuove schiere di fan. In tale album emergono in maniera piuttosto netta influenze non solo ska punk o ska-core, ma anche più decisamente punk rock, che comunque tenderanno a diminuire notevolmente nel disco successivo fino a scomparire del tutto. Fra i brani più famosi della band si possono ricordare King of ska e Supereroi contro la municipale, singolo estratto dall'album Into the Darkness, Into the Moda, celebre per essere divenuto la sigla del programma tv Le Iene e poiché nel video musicale, che nel 2001 e 2002 viene passato dai principali network televisivi italiani, compare il duo comico Luca & Paolo nelle vesti dei "municipali" (due vigili della polizia).

Dopo il G8 di Genova[modifica | modifica wikitesto]

Per il loro secondo album, Outside the Loop, Stupendo Sensation, bisogna aspettare altri due anni: con questo nuovo lavoro il gruppo prende parzialmente le distanze dal genere ska per migrare verso un più sperimentale alternative rock/punk; questo cambiamento di stile viene, dalla band stessa, associato ad un cambiamento di mentalità, dovuto anche ai fatti accaduti durante il G8 a Genova[senza fonte]. I Meganoidi si sentono ormai "fuori dal giro", come suggeriscono il titolo stesso dell'album ed il brano Inside the loop.

La scelta dell'autoproduzione non incide sulla qualità della registrazione: l'album viene registrato nel loro nuovo studio, il Green Fog Studio, mixato in Canada da Vic Florentia (che già aveva lavorato per Tool e Danko Jones) e masterizzato al Classic Sound di New York da Joe Lambert. L'album esce sotto l'etichetta indipendente Green Fog Records, creata dal gruppo con l'intenzione di sostenere anche le realtà della musica underground ed indipendente.

L'album viene pubblicato al prezzo politico di 13 euro come segno di opposizione e di distacco dalla ideologia delle case discografiche[5]. Da questo album viene alla luce una delle canzoni più popolari del gruppo, Zeta Reticoli, il cui videoclip, che vede anche la partecipazione del cabarettista Alessandro Bianchi, è stato uno dei più trasmessi durante l'anno 2004 dall'emittente televisiva musicale MTV. Nel maggio 2005 viene pubblicato And Then We Met Impero, EP dai toni progressive e malinconici, che rivela grandi influenze dei Pink Floyd[6] e crea suggestive atmosfere, attirandosi, però, le critiche dai più vecchi estimatori[6].

Nell'ottobre dello stesso anno esce GE2001, compilation pubblicata in allegato al quotidiano Il manifesto per raccogliere fondi per i processi seguiti ai fatti del G8 di Genova. Vari gli artisti che parteciperanno all'iniziativa: tra questi anche i Meganoidi con il brano M.R.S., già presente in Outside the loop stupendo sensation, riedito in una nuova versione pubblicata gratuitamente[7]. Il 28 aprile 2006 esce il loro il terzo album, Granvanoeli. Lo stile è simile all'EP And Then We Met Impero, ma presenta canzoni in generale più lente e con cinque pezzi cantati in italiano. Dall'album vengono tratti i videoclip per le tracce Dai Pozzi e Un Approdo. Durante il Tour di Granvanoeli, Mattia Cominotto sceglie di allontanarsi dall'attività live per dedicarsi alle produzioni presso il Green Fog Studio.

A novembre 2008 i Meganoidi possono finalmente entrare in studio per le registrazioni del nuovo Al posto del fuoco, un disco tutto in italiano, compatto e granitico nonostante le sue svariate sfaccettature: brani come Mia e Stormo apparentemente lontani riescono a stare dentro gli stessi 38 minuti del disco grazie alla serenità col quale il combo genovese affronta le varie sfaccettature della propria personalità musicale. Al posto del fuoco esce il 10 aprile 2009, e la masterizzazione dell’album è stata eseguita da Maurizio Giannotti al New Mastering di Milano.
L’album “Al Posto Del Fuoco” uscirà il 10 aprile del 2009 e sarò seguito da un tour che porterà i Meganoidi in giro per l’ltalia fino all'estate del 2011.

I Meganoidi entrano in studio nell'inverno del 2011 ed escono con il loro quinto album intitolato “Welcome in disagio” registrato e mixato da Mattia Cominotto. Un disco condito di colori, riff e liriche che trasmettono il loro concetto di completezza. Un completezza che è direttamente proporzionale all'essenza di ogni individuo fatto di ironia, malessere, speranza e desideri. I Meganoidi non hanno mai avuto paura di mettersi in gioco, grazie anche al DNA della loro Genova, perché quando si smette di giocare, si smette di essere, di vivere e di scoprire.

Nel 2014 esce il CD+DVD live Meganoidi in Concerto prodotto insieme ad oltre 280 fan con la piattaforma di Musicraiser, registrato e mixato da Nicola Sannino con le riprese video e montaggio a cura di Lucerna Films.

Questo live ideato da Luca Guercio (trombettista/chitarrista della band) e prodotto esecutivamente insieme a Tiziano Scali (fonico live della band) ripercorre l'intera carriera ed è possibile guardarlo in HD gratuitamente su YouTube.

Nel 2014 esce il CD+DVD live Meganoidi in Concerto che ripercorre l'intera carriera della band.

Questo live ideato da Luca Guercio (trombettista/chitarrista della band) e prodotto esecutivamente insieme a Tiziano Scali (fonico live della band) ripercorre l'intera carriera ed è possibile guardarlo in HD gratuitamente su YouTube.

Fino al 2017 la band porta in giro il tour che ripercorre la storia discografica dei Meganoidi, ma nell'autunno, prende vita “Delirio Experience”.

Un disco che mette nuovamente in discussione il percorso Meganoidi, posizionando al centro della composizione l'esigenza di avere canzoni e arrangiamenti che riescano ad arrivare in modo più diretto e dirompente. Luca Guercio e Davide Di Muzio (cantante) scrivono un disco che segna un nuovo inizio per la band.

Il disco viene registrato e mixato dal nuovo collaboratore stabile, Nicola Sannino, presso il Tabasco Studio di Sori.

Luca Guercio e Nicola Sannino curano l'intera produzione di “Delirio Experience” ed il 2018, rappresenta un traguardo importante per la band: 20 anni di attività.

[8]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2000 - Meganoidi
  • 2001 - Supereroi
  • 2002 - King of Ska?
  • 2003 - For Those Who Lie Awake (Let's Go)
  • 2003 - Zeta reticoli
  • 2004 - Inside the Loop
  • 2006 - Dai pozzi
  • 2007 - Un approdo
  • 2009 - Aneta
  • 2009 - Mia
  • 2010 - Your Desire
  • 2012 - Milioni di pezzi
  • 2012 - Ghiaccio
  • 2013 - Ora esiste dopo non più
  • 2014 - Ogni attimo
  • 2018 - Accade di là
  • 2018 - Gocce

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianluca Testani (a cura di), Enciclopedia Rock Italiano, Arcana Editrice, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk