Meg Whitman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Meg Whitman

Margaret Cushing "Meg" Whitman (New York, 4 agosto 1956) è una dirigente d'azienda statunitense, dal marzo 2018 amministratrice delegata di NewTv dopo essere stata per due decenni alla guida prima di eBay e poi di Hewlett Packard.

Whitman ha partecipato alle campagne presidenziali di Mitt Romney sia nel 2008 che nel 2012, è stata candidata nel 2010 alla carica di governatore della California come repubblicana, ma ha sostenuto Hillary Clinton nella campagna presidenziale del 2016. Secondo Forbes, nel 2018 occupa l'80° posto tra le donne più potenti e il 729° nell'elenco dei più ricchi con un patrimonio di 3,2 miliardi di dollari.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a New York, la Whitman studiò a Princeton e successivamente conseguì un MBA ad Harvard nel 1979. Nello stesso anno trovò lavoro come brand manager presso la Procter & Gamble e successivamente si trasferì a San Francisco per lavorare come consulente della Bain & Company. In quest'azienda la Whitman scalò man mano varie posizioni, fino ad essere nominata vicepresidente anziano.

Nel 1989 divenne vicepresidente della pianificazione strategica alla Walt Disney Company, poi passò ad Hasbro. In quel periodo fu lei ad importare dalla Gran Bretagna negli Stati Uniti lo show per bambini Teletubbies[2].

Nel marzo del 1998 la Whitman approdò come amministratore delegato ad eBay, che all'epoca aveva solo trenta dipendenti e quattro milioni di fatturato. Dopo molti cambiamenti e una rivoluzione totale della società, la Whitman riuscì a renderla un colosso mondiale; quando lei lasciò il posto dopo dieci anni di gestione, eBay aveva quindicimila impiegati e oltre otto miliardi di fatturato[3]. Successivamente la Whitman continuò ad essere attiva nel mondo degli affari, come membro di vari consigli di amministrazione e nel frattempo si occupò della gestione della Griffith R. Harsh IV and Margaret C Whitman Charitable Foundation, una fondazione privata a scopo benefico che aveva creato con suo marito nel 2006.

Da sempre sostenitrice di Mitt Romney e del Partito Repubblicano, nel 2009 la Whitman annunciò il proprio ingresso in politica e si candidò alla carica di governatore della California. La sua campagna elettorale fu quasi totalmente autofinanziata e venne stimato che la Whitman spese circa 140 milioni di dollari di tasca propria[4]. Sebbene la Whitman fosse una candidata valida e l'elezione sembrasse molto combattuta, alla fine la donna venne sconfitta dal candidato democratico Jerry Brown con un margine di scarto pari a tredici punti percentuali.

Dopo l'esperienza politica poco produttiva, la Whitman tornò al mondo degli affari e nel gennaio del 2011 entrò a far parte del consiglio di amministrazione di Hewlett-Packard. A settembre dello stesso anno venne nominata amministratore delegato della compagnia dopo il licenziamento di Léo Apotheker[5].

Lascia Hewlett-Packard nel gennaio 2018 per assumere due mesi più tardi, in marzo, l'incarico di amministratore delegato di NewTv,[6] la nuova piattaforma streaming con contenuti originali pensati appositamente per gli smartphone. Il progetto, sostenuto da Jeffrey Katzenberg, già presidente della Disney Studios, rappresenta una scommessa da 2 miliardi di dollari, metà già raccolti (tra gli investitori Goldman Sachs, JP Morgan e le major hollywoodiane (Disney, 21Century Fox, Sony Pictures, Nbc Universal, At&t Warner Media, Mgm) oltre alla cinese Alibaba.[7] Il debutto alla fine del 2019.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Per il suo operato Meg Whitman ha ricevuto diversi riconoscimenti ed è spesso comparsa nelle classifiche delle persone più potenti o ricche del mondo stilate da giornali e riviste importanti nel settore come il Financial Times e Fortune. La rivista Forbes l'ha inclusa più volte nella sua lista delle 100 donne più potenti del mondo: nel 2004 era al 51º posto, nel 2005 al 5º posto[8], nel 2006 e nel 2007 al 22º posto[9][10], nel 2010 al 47°[11], nel 2012 al 18º e nel 2013 al 15º. Nel 2008 il New York Times la incluse nell'elenco delle donne che un giorno potrebbero divenire presidente degli Stati Uniti d'America[12].

Nel 2007 viene intitolato a suo nome il Whitman College, un college residenziale completato proprio quell'anno alla Princeton University dopo la sua donazione di 30 milioni di dollari.[13] Nel 2017 riceve una laurea honoris casa dalla Carnegie Mellon University.[14]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Whitman è sposata con Griffith Harsh IV, un neurochirurgo presso la Stanford University Medical Center. Hanno due figli e vivono ad Atherton, in California.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Meg Whitman, su forbes.com, gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Ten Things To Know About HP CEO Meg Whitman, The Huffington Post. URL consultato il 7 novembre 2013.
  3. ^ Whitman: “La mia Hp punterà sul cloud e sui servizi software”, la Repubblica. URL consultato il 7 novembre 2013.
  4. ^ Ecco perché Meg Whitman e Carly Fiorina non ce l'hanno fatta, Lettera43. URL consultato il 7 novembre 2013.
  5. ^ La Signora eBay in sella a Hewlett-Packard, Lettera43. URL consultato il 7 novembre 2013.
  6. ^ NewTv, la piattaforma con contenuti video per gli smartphone, su openinnovation.startupitalia.eu, 9 agosto 2028. URL consultato il 13 gennaio 2019.
  7. ^ Chiara Sottocorona, Tivu sul cellulare, occhio alla serie di Meg, L'Economia del Corriere della Sera, 8 ottobre 2018, p. 23
  8. ^ #5 Margaret Whitman, forbes.com. URL consultato il 7 novembre 2013.
  9. ^ #22 Margaret Whitman, forbes.com. URL consultato il 7 novembre 2013.
  10. ^ #22 Margaret Whitman, forbes.com. URL consultato il 7 novembre 2013.
  11. ^ The World's 100 Most Powerful Women 2010, forbes.com. URL consultato il 7 novembre 2013.
  12. ^ She Just Might Be President Someday, The New York Times. URL consultato il 7 novembre 2013.
  13. ^ (EN) Joey Gardiner, eBay CEO gives $30m to Princeton, in ZDNet, 5 febbraio 2002.
  14. ^ (EN) Carnegie Mellon University, Meg Whitman Named Commencement Speaker - News - Carnegie Mellon University, 13 aprile 2017. URL consultato il 21 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN16631084 · ISNI (EN0000 0000 3761 1877 · LCCN (ENn2005023118