Medico competente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il medico competente, sottinteso del lavoro (o, più propriamente, medico del lavoro), ai sensi della legislazione italiana in tema di sicurezza sul lavoro è un Medico del Lavoro che collabora con il datore di lavoro per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti riferiti al Testo unico sulla sicurezza sul lavoro, come ad esempio collaborare alla valutazione dei rischi.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il medico del lavoro o, in burocratese, medico competente del lavoro, deve essere in possesso di particolari titoli e requisiti ed è incaricato dal datore di lavoro.

Requisiti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'articolo 38 dello stesso D.Lgs. 81/08 può svolgere l'attività di medico (competente) del lavoro il laureato in Medicina che sia in possesso di almeno uno dei seguenti titoli o requisiti:[2]

  • specializzazione in Medicina del lavoro o in Medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica;
  • specializzazione in Igiene e medicina preventiva o in Medicina legale;
  • docenza in Medicina del lavoro o in Medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in Tossicologia industriale o in Igiene industriale o in Fisiologia e igiene del lavoro o in Clinica del lavoro;
  • autorizzazione all'articolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277;
  • con esclusivo riferimento al ruolo dei sanitari delle Forze Armate, compresa l'Arma dei carabinieri, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, svolgimento di attività di medico nel settore del lavoro per almeno quattro anni. Con circolare interna del dicembre 2016 nell'Esercito è abilitato alla figura di medico competente qualsiasi ufficiale medico abbia maturato almeno 4 anni di servizio.

Tutti i medici in possesso dei requisiti sono iscritti all'Ente Nazionale dei medici (competenti) del lavoro, istituito presso il Ministero della salute, e suddiviso per regioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Art. 29 d.lgs 9 aprile 2008 n. 81
  2. ^ Art. 38 d.lgs 9 aprile 2008 n. 81

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4145031-0