Medice, cura te ipsum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La locuzione latina Medice, cura te ipsum, tradotta letteralmente, significa medico, cura te stesso e si legge nel Vangelo secondo Luca (4, 23); deriva da un midrash ebraico.[1]

Usata per deplorare il comportamento di coloro che biasimano i difetti altrui senza guardare ai propri,[2] trova un suo corrispettivo nella metafora, di nuovo evangelica, della pagliuzza che è nell'occhio del vicino più facile a vedersi della trave che è nel nostro (Luca, 6, 41).

Il concetto è però di natura universale. Basti pensare al favolista romano Fedro che spiegava a suo modo questo normale atteggiamento degli uomini: Giove ci ha messo addosso due bisacce, una davanti a noi, l'altra alle spalle. Quella davanti a noi è piena dei difetti altrui, che quindi sono sempre sotto i nostri occhi, mentre l'altra è ricolma dei nostri difetti, quindi invisibili ai nostri occhi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) H. Freedman e Maurice Simon, cap. XXIII, v. 4 in Midrash Rabba, Londra, The Soncino Press.
    «Physician, physician, heal thine own limp!».
  2. ^ medice, cura te ipsum in Vocabolario Treccani.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina