Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Médenine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Medenina)
Médenine
municipalità
مدنين
Médenine – Veduta
Localizzazione
StatoTunisia Tunisia
GovernatoratoMédenine
DelegazioneNon presente
Territorio
Coordinate33°21′N 10°30′E / 33.35°N 10.5°E33.35; 10.5 (Médenine)Coordinate: 33°21′N 10°30′E / 33.35°N 10.5°E33.35; 10.5 (Médenine)
Abitanti61 750 (2004)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Tunisia
Médenine
Médenine

Médenine (in arabo: مدنين‎, italianizzata: Medenina[1]) è la principale città della Tunisia sudorientale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La città è situata nel mezzo della Gefara tunisina e capitale del governatorato omonimo sulla strada principale per la Libia. Nella cittadina sono presenti i famosi ksour, e dei tipi di granai a forma semicilindrica, chiamati ghorfas. I primi ghorfas di Medenina risalgono al XVII secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo pre-coloniale Medenina era già il più grande centro commerciale del Sahara, e richiamava mercanti da tutto il Nordafrica e persino dal Bornu.

Durante la Seconda guerra mondiale, nel marzo del 1943, la città fu teatro della omonima battaglia in cui il generale Erwin Rommel dell'Afrika Korps tedesca fu sconfitto dall'esercito britannico, e fu rimpiazzato dal Generale Hans-Jürgen von Arnim.

A Médenine sono state girate alcune scene di Guerre stellari. Inoltre la città è menzionata nelle serie televisive Nikita e Lost.

Persone legate a Médenine[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonello Biagini, Fernando Frattolillo, Diario storico del Comando supremo dell'Esercito, Stato maggiore Esercito, Ufficio storico, 1986

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Cooperazione nel Mediterraneo (Montpellier, 4 ottobre 2011) Seminario sul protocollo di cooperazione tra il governatorato di Médenine e le amministrazioni locali e gli enti di ricerca italiani, francesi e spagnoli.
Controllo di autoritàVIAF: (EN129041048 · LCCN: (ENn83043268 · BNF: (FRcb12050301n (data)