Medardo Fantuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Medardo Fantuzzi (Bologna, 1906Modena, 1986) è stato un ingegnere italiano attivo nel campo automobilistico, conosciuto per l’omonima carrozzeria (Carrozzeria Fantuzzi)[1].

Lui e suo fratello Gino diventarono famosi per la loro affiliazione con la Maserati, con cui parteciparono alla fabbricazione della Maserati A6 GCS (44 esemplari costruiti dal 1953 al 1955) [2][3], la Maserati 350S e la Maserati 200S [4]. Più tardi nel 1957, con la chiusura del reparto corse della Maserati, Medardo Fantuzzi lavorò per la Ferrari (fino al 1966); qui operò su una vettura progettata da Pininfarina, la Ferrari 250 Testa Rossa Spyder Fantuzzi (1961). Per la Ferrari lavorò anche su un esemplare della 250 GTE e sulla Ferrari 330 [5].

Lavorò anche per la De Tomaso, la Scuderia Serenissima, l'AMS e la Techno.

Morì all'età di 80 anni cadendo da un albero mentre raccoglieva dei frutti. [6]

Fiorenzo Fantuzzi, suo figlio, continuò l'attività del padre con la “Carrozzeria Fantuzzi”, che fino al 1993 si è occupata di riparazione di autovetture e del restauro di modelli classici, spesso gli stessi realizzati dal padre decenni prima.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Medardo Fantuzzi su motorvalley.it, su motorvalley.it. URL consultato il 06-07-2009 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2007).
  2. ^ Le Maserati A6 su “Maserati-Alfieri”, su maserati-alfieri.co.uk. URL consultato il 06-07-2009.
  3. ^ La Maserati A6 GCS su 53barchetta.com, su 53barchetta.com. URL consultato il 06-07-2009 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2007).
  4. ^ La Maserati 200 SI su “Maserati-Alfieri”, su maserati-alfieri.co.uk. URL consultato il 06-07-2009.
  5. ^ La Ferrari 330 GT Fantuzzi su classicdriver.de, su classicdriver.de. URL consultato il 06-07-2009.
  6. ^ Tom Meade's Motorcycle Diaries, su chadglass.blogspot.it. URL consultato il 19-09-2012.
  7. ^ Medardo Fantuzzi su motorvalley.it, su motorvalley.it. URL consultato il 06-07-2009 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2007).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]