Meandro (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Meandro
Nome orig. Μαίανδρος
Specie Divinità fluviale
Sesso Maschio

Meandro (in greco antico Μαίανδρος) è un personaggio della mitologia greca, divinità fluviale e re di Pessinunte, in Frigia.

Figlio di Oceano e Teti[1] e padre di Calamo[2], Samia[3] e Cyanee[4] ed Archelao.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

In conflitto con la città di Possene, fece voto a Cibele di sacrificare la prima persona che avesse visto al suo ritorno in patria se gli avesse concesso la vittoria.
Incontrò contemporaneamente la madre, la sorella ed il figlio Archelao e li sacrificò tutti e tre.
In seguito si pentì del suo gesto e tormentato dal rimorso si uccise gettandosi nel fiume Anabenone che prese per questo il suo nome.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca