Maximilian Levy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maximilian Levy
Maximilian Levy 2012.jpg
Maximilian Levy nel 2012
Nazionalità Germania Germania
Altezza 184[1] cm
Peso 88[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Pista
Record
200 metri lanciati 9"980[1] (2010)
Chilometro da fermo 1'01"980[1] (2009)
Squadra Team Erdgas.2012
Carriera
Nazionale
2007- Germania Germania
Palmarès
Giochi olimpici 0 1 2
Campionati del mondo 4 3 2
Campionati europei Elite 3 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al novembre 2015

Maximilian Levy (Berlino, 26 giugno 1987) è un pistard tedesco, specialista delle gare veloci. In carriera ha vinto quattro titoli mondiali, uno nel keirin e tre nella velocità a squadre, e tre medaglie olimpiche.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I successi da Juniores e gli esordi Open[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Berlino Est, ottiene la prima licenza ciclistica nel 1997[2]. Inizialmente gareggia sia su strada che su pista, ottenendo successi nei campionati berlinesi e nazionali, poi nel 2002 si iscrive allo RSC Cottbus per dedicarsi esclusivamente alla pista[3]. Si specializza presto nelle gare veloci – velocità, velocità a squadre, keirin e chilometro da fermo – e già tra gli Juniores primeggia a livello continentale e mondiale: nel 2004 vince due titoli mondiali di categoria, nel chilometro da fermo e nella velocità a squadre, mentre l'anno dopo fa suoi due titoli europei e altri tre titoli mondiali, nella velocità, nella velocità a squadre e nel chilometro[4].

Questi risultati gli valgono, al termine dell'annata 2005, il riconoscimento di "sportivo junior tedesco dell'anno"[1][4] e il passaggio alle competizioni Open, aperte e Elite e Under-23. Nel dicembre 2005, a soli diciott'anni, consegue il primo successo di rilievo nella massima categoria, aggiudicandosi la gara di keirin in Coppa del mondo a Manchester davanti ad atleti affermati quali José Antonio Escuredo e Arnaud Tournant. L'anno dopo ai campionati europei vince quindi quattro medaglie, due delle quali d'oro, nelle gare per Under-23; diventa inoltre, con il tempo di 9"987, il primo ciclista tedesco in assoluto capace di percorrere i 200 metri lanciati in meno di dieci secondi[4][5].

I quattro titoli mondiali e le medaglie olimpiche[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera del 2007 si aggiudica la prima medaglia in carriera ai campionati del mondo Open, classificandosi terzo nella gara di velocità a squadre. Nella seconda parte di stagione è però costretto all'inattività, vittima di un'infezione virale prima e di un'ernia al disco poi[5]. Nel 2008 partecipa per la prima volta ai Giochi olimpici: a Pechino, in terzetto con René Enders e Stefan Nimke, Levy vince la medaglia di bronzo nella velocità a squadre (chiuderà peraltro quarto nella velocità)[1][4].

Nel 2009 ottiene quindi il suo primo titolo iridato Open: ai campionati del mondo di Pruszków conquista la vittoria nella prova di keirin davanti al francese François Pervis. Primeggia anche nella stagione successiva, con il titolo mondiale nella velocità a squadre e con il successo nella medesima specialità ai campionati europei Elite[1].

Il podio della velocità a squadre ai campionati del mondo di Apeldoorn, con il terzetto francese inizialmente vincitore e poi declassato

Nel 2011 ai campionati del mondo di Apeldoorn coglie il secondo titolo iridato in carriera nella velocità a squadre, terzo a livello personale. Inizialmente classificatisi secondi alle spalle della Francia, i tedeschi verranno nominati vincitori dopo la squalifica inflitta ad uno dei componenti del terzetto francese, Grégory Baugé. Nell'inverno successivo Levy si aggiudica quattro gare della Coppa del mondo 2011-2012; il 1º dicembre 2011, proprio in occasione dell'evento di Coppa del mondo di Cali, stabilisce insieme a Enders e Nimke il record mondiale della velocità a squadre con il tempo di 42"914[6][7].

Nel 2012 prende parte ai Giochi olimpici di Londra: ottiene due medaglie, l'argento nel keirin e, come nell'edizione precedente dei Giochi, il bronzo nella velocità a squadre[1]. Nel 2013 a Minsk si laurea quindi, per la terza volta in quattro anni, campione del mondo della velocità a squadre; durante quella rassegna iridata coglie anche il secondo posto nella gara del keirin, battuto dal britannico Jason Kenny.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Campionati del mondo Juniores, Chilometro da fermo
Campionati del mondo Juniores, Velocità a squadre (con Robert Förstemann e Benjamin Wittmann)
Campionati tedeschi, Chilometro da fermo Juniores
Campionati europei, Chilometro da fermo Juniores
Campionati europei, Velocità Juniores
Campionati del mondo Juniores, Velocità a squadre (con René Enders e Benjamin Wittmann)
Campionati del mondo Juniores, Chilometro da fermo
Campionati del mondo Juniores, Velocità
2ª prova Coppa del mondo, Keirin (Manchester)
Campionati europei, Velocità a squadre Under-23 (con René Enders e Michael Seidenbecher)
Campionati europei, Velocità Under-23
Campionati tedeschi, Keirin
Campionati del mondo, Keirin
Noordhollands Wielerweekend, Keirin
Noordhollands Wielerweekend, Velocità a squadre (con René Enders e Michael Seidenbecher)
Grand Prix of Moscow, Velocità a squadre (con Sebastian Döhrer e Mathias Stumpf)
Campionati tedeschi, Keirin
Campionati europei, Keirin Under-23
Campionati del mondo, Velocità a squadre (con Robert Förstemann e Stefan Nimke)
Campionati europei Elite, Velocità a squadre (con Robert Förstemann e Stefan Nimke)
Manchester International Keirin
Campionati del mondo, Velocità a squadre (con René Enders e Stefan Nimke)
Campionati tedeschi, Keirin
Campionati tedeschi, Velocità a squadre (con Carsten Bergemann e Robert Förstemann)
1ª prova Coppa del mondo 2011-2012, Velocità a squadre (Astana, con Joachim Eilers e Robert Förstemann)
2ª prova Coppa del mondo 2011-2012, Velocità a squadre (Cali, con René Enders e Stefan Nimke)
2ª prova Coppa del mondo 2011-2012, Keirin (Cali)
4ª prova Coppa del mondo 2011-2012, Velocità a squadre (Londra, con René Enders e Stefan Nimke)
GP von Deutschland, Keirin
Dudenhofen Grand Prix, Velocità
Campionati tedeschi, Velocità a squadre (con Stefan Bötticher e Max Niederlag)
Campionati del mondo, Velocità a squadre (con Stefan Bötticher e René Enders)
Cottbuser SprintCup, Keirin
GP von Deutschland, Keirin
Campionati tedeschi, Keirin
Campionati tedeschi, Chilometro da fermo
Campionati europei Elite, Velocità a squadre (con Stefan Bötticher e Robert Förstemann)
Campionati europei Elite, Keirin
Prova Internacional de Anadia, Velocità
Prova Internacional de Anadia, Keirin
Dudenhofen Grand Prix, Velocità
Campionati tedeschi, Velocità
Campionati tedeschi, Keirin
GP von Deutschland, Velocità
Cottbuser Nächte, Velocità
Cottbuser Nächte, Keirin

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Palma di Maiorca 2007 - Velocità a squadre: 3º
Palma di Maiorca 2007 - Keirin: eliminato al primo turno
Palma di Maiorca 2007 - Velocità: 5º
Palma di Maiorca 2007 - Chilometro: 7º
Manchester 2008 - Velocità a squadre: 4º
Manchester 2008 - Velocità: 10º
Pruszków 2009 - Keirin: vincitore
Pruszków 2009 - Velocità: 10º
Ballerup 2010 - Velocità a squadre: vincitore
Ballerup 2010 - Keirin: 3º
Ballerup 2010 - Velocità: 16º
Apeldoorn 2011 - Velocità a squadre: vincitore[8]
Apeldoorn 2011 - Keirin: 11º
Melbourne 2012 - Velocità a squadre: 14º
Melbourne 2012 - Keirin: 2º
Minsk 2013 - Velocità a squadre: vincitore
Minsk 2013 - Keirin: 2º
Minsk 2013 - Velocità: 6º
Cali 2014 - Velocità a squadre: 2º
Cali 2014 - Keirin: 6º
Saint-Quentin-en-Yvelines 2015 - Keirin: 4º

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Sportivo junior tedesco dell'anno nel 2005[1][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (DE) Maximilian Levy, www.redvil.de. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  2. ^ (DE) Schüler: Meine ersten Meter als lizensierter Radfahrer, maximilian-levy.de. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  3. ^ (DE) Jugend heißt Altersklasse U17, maximilian-levy.de. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  4. ^ a b c d e (DE) Juniorsportler des Jahres - 2005 - Maximilian Levy (Bahnrad), www.sporthilfe.de. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  5. ^ a b (DE) 2006 – 2008, maximilian-levy.de. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  6. ^ (DE) 2011 – 2012, maximilian-levy.de. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  7. ^ (EN) Men Elite Historical Records, www.uci.ch. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  8. ^ Dopo la squalifica della Francia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]