Max Linder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una foto autografata di Linder.

Max Linder, pseudonimo di Gabriel-Maximilien Leuvielle (Saint-Loubès, 6 dicembre 1883Parigi, 31 ottobre 1925), è stato un attore, regista e sceneggiatore francese del cinema muto.

Comico di classe, del quale lo stesso Charlie Chaplin si dichiarò allievo[1], creò la prima grande maschera del cinema, quella di Max, uomo di mondo elegante ed irreprensibile, dai neri baffetti, il lucente cilindro ed i candidi guanti, che agiva sullo sfondo di una Parigi della Belle époque.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario della Gironda, nacque da una famiglia di vignaioli.

Studiò al Conservatorio di Bordeaux, dove divenne attore teatrale. Dotato di acuto spirito di osservazione, si orientò verso un genere di satira del costume dove, pur soggiacendo a incredibili avventure, rifuggiva dalla caotica agitazione, dagli inseguimenti e da tutte le altre facili trovate che costituivano la materia comica nel cinema agli inizi del XX secolo.

Fu ingaggiato dalla Pathé, e sugli schermi esordì nel 1905, in alcune brevi pellicole, ma solo nel 1908 gli fu affidata una propria serie di comiche.

La sua popolarità esplose negli anni 1909-1914, con le irresistibili avventure di Max, personaggio da lui creato (Max e le nozze, Max et le quinquina, Max convalescente, Max e la nuova moda, Max alla fattoria, Max scapolo, Max e le donne, Max pittore, Max virtuoso, Max toreador, Max cavaliere, Max e la suocera, Max pedicure, Max maggiordomo, Max e la dottoressa, ecc.).

Sulla scia di questo successo, Linder si accostò anche al film di lungometraggio, dapprima in patria (Il piccolo caffè, 1919), poi a Hollywood, dove soggiornò dal 1921 al 1923 e dove interpretò i film migliori (Sette anni di guai, considerato il suo capolavoro, Siate mia moglie e I tre Moschettieri), e di nuovo in Europa (Au secour! nel 1923 e Domatore per amore nel 1925, girato a Vienna).

Ma la vena comica, nel vasto respiro del film vero e proprio, cominciò ad esaurirsi, e la sua popolarità iniziò la parabola discendente.

Il 31 ottobre 1925 Linder si tolse la vita, subito dopo aver ucciso la giovanissima moglie Ninette Peters, sposata tre anni prima (da lei aveva avuto una figlia, Maud). La donna fu scoperta in una pozza di sangue dalla madre, che aveva un appuntamento con lei e preoccupandosi del ritardo e del fatto che non rispondeva al telefono, era andata a trovarla di persona. La giovane sposa aveva il polso sinistro reciso. Pare sia stata drogata prima di essere uccisa. Nello stesso modo si era tolto la vita l'attore, che giaceva accanto a lei. Il quotidiano Le Petite Parisien riportò la tragedia il 1º novembre di quello stesso anno titolandola: Max Linder tue sa femme et se suicide.

Dei 500 film da lui interpretati, e molti anche diretti, oggi ne rimangono soltanto 82.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Max Linder nel 1908
Maxlinder.jpg

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista e attore[modifica | modifica wikitesto]

  • L'obsession de l'équilibre (1908)
  • Vive la vie de garçon (1908)
  • Un mariage à l'américaine (1909)
  • Le voleur mondain (1909)
  • La vengeance du bottier (1909)
  • Une campagne électorale, co-regia di Louis J. Gasnier (1909)
  • Max et la doctoresse (1909)
  • Les exploits du jeune Tartarin (1910)
  • Je voudrais un enfant (1910)
  • Max est distrait, regia e sceneggiatura (1910)
  • Max et la fuite de gaz, regia e sceneggiatura (1910)
  • Max champion de boxe, co-regia con Lucien Nonguet (1910)
  • Mon chien rapporte, regia e sceneggiatura (1910)
  • Mariage au puzzle (1910)
  • Un cross-country original, co-regia con Louis J. Gasnier (1910)
  • Les débuts de Max au cinéma, co-regia con Louis J. Gasnier (1910)
  • La flûte merveilleuse, regia e sceneggiatura (1910)
  • Comment Max fait le tour du monde (1910)
  • Qui a tué Max? (1910)
  • Par habitude (1910)
  • Max se marie, co-regia con Lucien Nonguet (1911)
  • Max et sa belle-mère, co-regia con Lucien Nonguet (1911)
  • Voisin... voisine, regia e sceneggiatura (1911)
  • Max dans sa famille, regia e sceneggiatura (1911)
  • Max a un duel, co-regia con René Leprince (1911)
  • Max et Jane veulent faire du théâtre, co-regia con René Leprince (1911)
  • Max victime du quinquina (1911)
  • Max boxeur par amour (1912)
  • Max e le scarpe (Max collectioneur de chaussures), regia e sceneggiatura (1912)
  • Max lance la mode, co-regia con René Leprince (1912)
  • Max reprend sa liberté (1912)
  • Max et son chien Dick, co-regia con René Leprince (1912)
  • Max amoureux de la teinturière, regia e sceneggiatura (1912)
  • Max contre Nick Winter, co-regia con Paul Garbagni (1912)
  • Max bandit par amour, regia e sceneggiatura (1912)
  • Que peut-il avoir? (1912)
  • Max escamoteur, regia e sceneggiatura (1912)
  • Max et son âne, co-regia con René Leprince (1912)
  • Max e le donne (Max et les femmes), co-regia con René Leprince (1912)
  • Un mariage au téléphone (1912)
  • Un enlèvement en hydroaéroplane (1912)
  • Le roman de Max (1912)
  • Max veut grandir (1912)
  • Voyage de noces en Espagne (1912)
  • La vengeance du domestique (1912)
  • Entente cordiale (1912)
  • Max, professeur de tango (1912)
  • Un mariage imprévu, regia e sceneggiatura (1913)
  • Max virtuoso (Max virtuose), regia e sceneggiatura (1913)
  • Max fait des conquêtes (1913)
  • Max va in vacanza (La vacance de Max) (1913)
  • Max Linder pratique tous les sports (1913)
  • Max toreador (Max toréador), regia e sceneggiatura (1913)
  • Max pédicure (1914)
  • L'inglese tale e quale lo parla Max Linder (L'Anglais tel que Max le parle) (1914)
  • Dick est un chien savant, regia e sceneggiatura (1914)
  • I baci della domestica sono pericolosi (N'embrassez pas votre bonne), regia e sceneggiatura (1914)
  • Le 2 août 1914 (1914)
  • Parrucchiere per amore (Coiffeur par amour) (1915)
  • Max in America (Max Comes Across), regia sceneggiatura (1917)
  • Max vuole il divorzio (Max Wants a Divorce), regia e sceneggiatura (1917)
  • Max devrait porter des bretelles, co-regia con René Leprince (1917)
  • Sette anni di guai (Seven Years Bad Luck), regia e sceneggiatura (1921)
  • Siate mia moglie (Be My Wife), regia e sceneggiatura (1921)
  • Vent'anni prima (The Three Must-Get-Theres) (1922)
  • Il re del circo (Der Zirkuskönig), co-regia con Édouard-Émile Violet (1924)
  • Chevalier Barkas (1925)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rondolino p. 79

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9905701 · ISNI (EN0000 0001 0868 8231 · LCCN (ENn92103507 · GND (DE119123703 · BNF (FRcb122558545 (data)