Max Green

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Max Green
Max Green, Rock im Park 2014
Max Green, Rock im Park 2014
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Post-hardcore[1][2]
Screamo[1]
Emo[2][3]
Alternative rock[2][3]
Nu metal[1][2]
Periodo di attività 2005 – in attività
Strumento basso, voce
Etichetta Epitaph Records
Album pubblicati 2
Studio 2

Maxwell Scott Green (Cincinnati, 15 dicembre 1984) è un bassista e cantante statunitense, ex membro dei Falling in Reverse ed ex membro fondatore degli Escape the Fate.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si trasferì all'età di quattro anni a Pahrump e visse lì per tre anni e mezzo; in seguito si trasferì definitivamente a Las Vegas. Cominciò a studiare chitarra, ma poi capì che voleva distinguersi e si cimentò nello studio del basso. I suoi gruppi preferiti erano i Metallica, gli Ac/Dc, i Motley Crue, gli Iron Maiden e Marilyn Manson e ne è sempre stato influenzato. Prima di entrare a far parte di una band, aveva sempre desiderato diventare un musicista affermato e per riuscirci meglio imparò totalmente da solo la tecnica dello scream ascoltando continuamente l'album "They're only chasing safety" degli Underoath. Ha una sorella più piccola, Hayley, chitarrista in una band meno conosciuta. Attualmente suona nei The Natural Born Killer anche se ha riscontrato non pochi problemi dopo l'inserimento nella band. Dopo l'abbandono dagli Escape The Fate, entrò a far parte come chitarrista del gruppo The Natural Born Killers ma nel Maggio del 2012 abbandonò la band dopo varie discussioni. Dopo pochi mesi Max Green formò un nuovo gruppo, chiamato The Culprit, pubblicando a febbraio un singolo: "Finally Free". Il 28 ottobre, Craig Mabbit, in una intervista con Ronnie Radke, annunciò il ritorno di Max Green negli Escape The Fate.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Escape the Fate[modifica | modifica wikitesto]

The Natural Born Killers[modifica | modifica wikitesto]

  • Oblivion (2012)

The Culprit[modifica | modifica wikitesto]

  • "Finally Free" (Single, 2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Pagina sugli Escape the Fate, allmusic.com. URL consultato il 05-07-2008.
  2. ^ a b c d (EN) Allmusic ((( Dying Is Your Latest Fashion > Overview))). www.allmusic.com. URL consultato il 29-04-2010.
  3. ^ a b (EN) Epitaph.com. URL consultato il 05-07-2008.