Max Graf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Max Graf (Vienna, 1º ottobre 1873Vienna, 24 giugno 1958) è stato uno scrittore, insegnante e critico musicale austriaco, membro del circolo di Sigmund Freud. In questo circolo fu protagonista di una vicenda famosa e scientificamente rilevante, sottoponendo il proprio figlio Herbert di circa cinque anni a terapia psicoanalitica sotto la supervisione di Freud. Il caso venne pubblicato da Freud nel 1908, con il titolo Analisi della fobia di un bambino di cinque anni ("Il Piccolo Hans").

Ha insegnato estetica musicale nel Conservatorio di Vienna.

Ha svolto l'attività di critico musicale della Wiener All. Ztg. e del Der Tag; dal 1921 è stato redattore del Musicalischen Kurier.

Tra i suoi scritti, segnaliamo: Deutsche Musik im 19. Jahrhundert, Wagner-Probleme und andere Studien.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Dizionario di musica", di A. Della Corte e G. M. Gatti, Paravia, 1956, pag. 267.
Controllo di autorità VIAF: (EN56736052 · LCCN: (ENn50034642 · ISNI: (EN0000 0001 1064 0149 · GND: (DE118697005
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie