Max Friedman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marty Friedman
Nome Max Friedman
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 170 cm
Peso 58 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Allenatore
Ritirato 1927 - giocatore
1939 - allenatore
Hall of fame Naismith Hall of Fame (1972)
Carriera
Giovanili
1906-1908University Settlement House
Squadre di club
1908-1099New York Roosevelts
1909-1910Newburgh Tenths
1910-1911Hudson Company
1911-1912Newburgh Tenths
1912-1915Utica Utes
1914-1915Carbondale
1915-1916Brooklyn Trolley Dodgers
1915-1917Philadelphia Jaspers
1919-1923Albany Senators
1919-1920Passaic City Athl. Ass.
1919-1920Turners Falls Athletics
1920-1921Trenton
1920-1921Bridgeport Blue Ribbons
1920-1921NY Whirlwinds
1920-1922Easthampton Hampers
1921-1923New York Giants
1921-1923Brooklyn Dodgers
1921-1922Mohawk Indians
1922-1923Philadelphia Jaspers
1923-1924Gloversville Wonder Wonkers
1925-1927Clev. Rosenblums
Carriera da allenatore
1925-1927Clev. Rosenblums
?-1939Troy Haymakers
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Max Friedman, anche noto come Marty Friedman (New York, 12 luglio 18891º gennaio 1986), è stato un cestista e allenatore di pallacanestro statunitense, membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame dal 1972 in qualità di giocatore.

Fu uno tra i pionieri della pallacanestro degli anni dieci e venti del XX secolo, e tra i migliori giocatori dell'epoca. Con Barney Sedran (altro membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame) formò la coppia dei cosiddetti Heavenly Twins (in italiano: Gemelli Celestiali), facendo la fortuna dei New York Whirlwinds (una delle squadre professionistiche più forti di sempre).

Ebreo americano, frequentò l'high school presso l'Hebrew Technical Institute, che tuttavia non disponeva di una squadra di pallacanestro. Iniziò a giocare al college, l'University Settlement House, dal 1906 al 1908; con la squadra vinse tre titoli dell'Amateur Athletic Union.

Friedman divenne una stella della pallacanestro degli albori, specializzandosi nei ruoli difensivi. Come di consueto per i giocatori dell'epoca, militò in numerosissime squadre, anche in più di una nello stesso periodo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David L. Porter, Basketball: a biographical dictionary, Greenwood Publishing Group, 2005, pp. 156-157, ISBN 978-0-313-30952-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]