Max Capa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Max Capa, pseudonimo di Nino Armando Ceretti (San Michele al Tagliamento, 1944), è un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Max Capa, nome d'arte di Nino Armando Ceretti, autore di Sballofumetti, è uno dei primi autori definito "underground", noto nei primi anni '70 quando in Italia ci sono i movimenti di contestazione e i giovani vengono definiti "alternativi".

Ispirato al corrispettivo americano freak Robert Crumb, ma senza imitarlo nel segno grafico.

Nel 1971, In Milano, dove vive nella Comune del Guado fondata da Daniele Oppi [1], edita e realizza la sua propria fanzine, Puzz, e il suo primo personaggio, Folaga, grosso uccellaccio nero che parla con gli alberi.

Nel 1977, disegna Il morto è in tavola, firmandosi "Luca Catalina". Nello stesso periodo fonda le Edizioni Iguana con la quale produce testate come Provocazione, Apocalisse, Flashback, Il Passator Cortese.

Per tutta l decade degli anni Settanta realizza pagine, strisce e cartoons per fogli politici, fanzines e riviste varie: Ploff, Humor, Re Nudo, Fallo, Contro, Comics & Quiz, Horror, Urania, Autosprint, Pianeta, oltre a vari lavori per le Edizioni Ottaviano.

Nel 1980, con spirito libero e polemico, lascia l'Italia per Parigi, dove ancora oggi vive e continua la sua vita bohemien disegnando e dipingendo quadri bizzarri e murales a fumetti.

Nel 1991, Nautilus di Torino pubblica una antologia in volume che raccoglie - e racconta - il suo lavoro: Puzz & Co. 1971-1978.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Ho trascorso al GUADO quasi due anni (1972-73)” da: http://maxcapa.blog.com/2007/06/06/zornade-cence-frice[collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311394802 · WorldCat Identities (EN311394802