Max Brand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando lo scrittore Max Brand, pseudonimo di Frederick Schiller Faust, vedi Max Brand (scrittore).
Max Brand ad Aktion, 2010

Max Brand (Leopoli, 25 aprile 1896Klosterneuburg, 5 aprile 1980) è stato un compositore austriaco.

Nato nell'attuale Ucraina, ma austriaco per studi e sensibilità, fu allievo di Franz Schreker (1878-1934). Musicista sempre attento alle avanguardie artistiche, compose nel 1929 la sua opera oggi più conosciuta "Maschinist Hopkins", un'opera lirica che ebbe discreto successo e gode di una registrazione per l'etichetta (ORF) della radio nazionale austriaca.

Max Brand è compositore ebreo, produttore della 'Entartete Musik' "musica degenerata", così definita nel periodo di dominazione nazista dell'Europa.

La sua attività artistica è spaziata dalla composizione musicale alla scrittura per il teatro alla creazione di veri e propri progetti multidisciplinari come il noto "Mimoplastische Theater für Ballett", una suggestiva proposta di nuovi paradigmi espressivi per il balletto, realizzata a Vienna.

Costretto ad emigrare nel 1938, si ferma per periodi brevi a Losanna, Parigi e Rio de Janeiro prima di stabilirsi a New York, dove resterà fino al suo ritorno a Vienna nel 1950.

Presto legato alle più originali esperienze della musica elettronica (lavorerà anche a stretto contatto con Robert Moog, l'inventore del primo strumento elettronico), caratterizzerà le sue ultime attività teatrali e musicali attraverso un uso costante delle nuove tecnologie. Il linguaggio musicale di Brand attraversa la sensibilità impressionista, l'espressività tipica della Sprechgesang, le tecniche dodecafoniche e la scrittura atonale, per poi concentrarsi principalmente sull'evoluzione della musica elettronica in relazione ai linguaggi contemporanei, inserendo nelle proprie composizioni sonorità tipiche della quotidianità elaborate attraverso sistemi dagli intervalli non convenzionali e ritmiche assolutamente nuove.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN20488669 · ISNI: (EN0000 0000 8362 9357 · LCCN: (ENno93022382 · GND: (DE119345773 · BNF: (FRcb12499337b (data)