Mavie Bardanzellu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mavie Bardanzellu
Mavie Bardanzellu con Matteo Maciocco sul set di “Una storia sarda” (1962). Di spalle, il regista Piero Livi

Mavie Bardanzellu, pseudonimo di Maria Vittoria Bardanzellu (Luras, 6 aprile 1938), è un'attrice italiana, teatrale e cinematografica, spesso citata più semplicemente come Mavì.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mavie Bardanzellu ha iniziato la carriera artistica con la danza, diplomandosi "prima ballerina" all'Accademia di danza classica di Torino[1]. Trasferitasi a Roma, ha frequentato lo Studio Fersen di Arti Sceniche, seguendo il metodo Stanislavskij ed ha preso parte alle rappresentazioni del laboratorio teatrale della scuola.

Nel 1962 fu notata dal regista neorealista Piero Livi, che le affidò il ruolo di protagonista in Una storia sarda, una pellicola indipendente ambientata tra i banditi dell'isola.

Dopo il debutto ha recitato parti secondarie in Una questione d'onore di Luigi Zampa, Menage all'italiana di Franco Indovina (1965), in Carogne si nasce di Alfonso Brescia (1968) e in Silvia e l'amore di Sergio Bergonzelli (1968).

Nel 1967 è rientrata nella compagnia teatrale di Alessandro Fersen, con la quale ha recitato in “Le Diavolerie” spettacolo di ricerca su testo dello stesso Fersen, presentato al Festival dei Due Mondi di Spoleto dello stesso anno e poi al teatro La Cometa di Roma.

Nel 1969 ha recitato in Beatrice Cenci di Lucio Fulci e come co-protagonista in La battaglia del Sinai, una pellicola ambientata durante la Guerra dei sei giorni del 1967. Nello stesso anno, viene nuovamente ingaggiata da Piero Livi quale protagonista femminile in Pelle di bandito, film ispirato alla vita di Graziano Mesina che ha concorso alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Ha infine recitato in una parte secondaria nel film Abuso di potere di Camillo Bazzoni (1972).

Dopo il suo matrimonio, nel 1973, ha abbandonato la carriera artistica.

Il 30 marzo 2010 ha partecipato ad un incontro curato dal Centro Sperimentale di Cinematografia al Cinema Trevi di Roma, nel corso del quale è stato presentato il volume Un regista indipendente. Piero Livi, i suoi film, la rassegna di Olbia[2]. Il 30 giugno successivo, a Sassari, ha presenziato all'inaugurazione del 4° Sardinia Film Festival, dove, a 40 anni dalla sua partecipazione al Festival di Venezia, è stato proiettato il film Pelle di bandito di Piero Livi, che la vide quale protagonista femminile[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN87339807